Zeit: i nuovi centri per rifugiati a Leros e Kos sono “prigioni”

Nel nuovo lunedì “Strutture controllate chiuse” Per i rifugiati e gli immigrati aperti in Lero e cos si riferisce a una funzione in Tempo online, che indica:

“Con il nuovo, Strutture fortificate in Grecia Risponde alle continue critiche rivolte a lei a causa di condizioni disumane Negli ex campi profughi improvvisati sovraffollati di tende (…) I nuovi centri profughi sono circondati da filo spinato e dotati di telecamere di sorveglianza e macchine a raggi X per i controlli di sicurezza. C’è anche porte magnetiche I cancelli rimangono chiusi di notte. “A differenza dei campi precedenti, le nuove strutture hanno acqua corrente e latrine, ma anche una maggiore protezione per i residenti di ogni area”.

Leggi anche

tempo:

Tuttavia, come sottolinea l’articolo: “Le ONG criticano i nuovi centri profughi, Perché limita fortemente la libertà di movimento di chi ci vive e si trova in luoghi remoti. Molti giornalisti si sono già concentrati su ampie misure di sorveglianza. I nuovi centri per rifugiati sono paragonati alle carceri».

Struttura degli immigrati a Leros

Fonte: dw.com

ultime notizie

Sii il primo a leggere le notizie su ciò che sta accadendo in questo momento in Grecia e nel mondo su thetoc.gr

READ  Il ministro in Italia mette in guardia dalla "sostituzione etnica"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *