video. “Laboratorio nella grotta”: gli scienziati studiano scheletri di 5.000 anni sul fondo della grotta dell'Aveyron

video.  “Laboratorio nella grotta”: gli scienziati studiano scheletri di 5.000 anni sul fondo della grotta dell'Aveyron

Di base
Molti scheletri neolitici sono stati conservati nella grotta di Voissac. Un team di scienziati ha condotto indagini sul DNA per saperne di più sullo stile di vita degli abitanti della regione di Kos 5.000 anni fa.

Come congelati nel tempo, molti scheletri neolitici non si sono mossi di un centimetro in quasi 5.000 anni. Una ricchezza che i gestori della Grotta Voissac intendono preservare. La settimana scorsa, diversi ricercatori del Centro nazionale per la ricerca scientifica hanno visitato il sito per saperne di più sullo stile di vita di questi residenti.

Vengono eseguite indagini sul DNA.
Grotta Hugo Fabre-Voisac

Indagini che fanno parte del progetto scientifico LINK finanziato dall'Agenzia Nazionale delle Ricerche. Questi studiosi studiano le pratiche funerarie del Neolitico e della prima età del bronzo tra l'Atlantico e il Mediterraneo.

“Miniera d'oro”

La prima difficoltà: effettuare le misurazioni nel cuore della grotta. “Non vogliamo che il materiale venga fuori. È una miniera d'oro per la ricerca”, afferma Sébastien du Fayette de la Tour, il direttore del sito. “Così abbiamo allestito il laboratorio nella grotta.” le scale in modo che i genetisti possano accedere alle strutture fanno spazio alle letture del DNA.

Letture del DNA

“Ciò consentirà di ricostruire il genoma e determinare il profilo genetico degli individui, i complimenti di parentela, il colore della pelle, il colore degli occhi e molte altre informazioni”, spiega Vincent Ard, ricercatore presso il Centre National de la Recherche Scientifique di l'Università di Tolosa. “Vedremo quanto bene sarà conservato il DNA, perché l’acqua nella grotta potrebbe portare via parte dello scheletro”.

Il laboratorio degli scienziati è effimero.
Il laboratorio degli scienziati è effimero.
HF

Oltre ai campioni di DNA, gli scienziati hanno condotto diverse scansioni 3D delle tombe e della grotta per ricrearle digitalmente in laboratorio. Vincent Ard aggiunge: “L'idea è quella di colmare le lacune di questa parte della storia e ottenere la migliore fotografia in quel momento dello stile di vita della gente della regione di Kos, 5.000 anni fa.”

I ricercatori hanno condotto diverse indagini.
I ricercatori hanno condotto diverse indagini.
HF

Ci vediamo nel 2026

I primi risultati del DNA dovrebbero arrivare alla fine dell’anno. L’intero programma terminerà nel 2026. Fino ad allora, gli scienziati dovranno estrarre molte informazioni da tutte le indagini condotte a Voissac e altrove in Francia.

READ  Come vedere la Russia lanciare un nuovo modulo per la Stazione Spaziale Internazionale questa settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *