Uno tsunami spazzerà le coste del Mediterraneo: un fenomeno inevitabile entro trent’anni

Quasi sicuramente si formerà un muro d’acqua dopo un terremoto. I residenti sono incoraggiati a prepararsi per questo.

Ricordiamo ancora le terribili immagini dello tsunami che ha colpito in particolare la costa thailandese, il 26 dicembre 2004. All’epoca non ci veniva in mente che un fenomeno del genere avrebbe colpito le nostre coste.

Fino ad ora Commissione Oceanografica Intergovernativa per l’UNESCO Afferma che possiamo aspettarci un disastro di questo tipo nei prossimi anni nel Mediterraneo.

preparare le persone

Questo argomento sarà uno dei principali argomenti discussi alla Conferenza sull’Oceano delle Nazioni Unite che si terrà a Lisbona, in Portogallo, il 27 giugno.

In questa occasione, la Commissione Oceanografica Internazionale (CIO) dell’UNESCO desidera ampliare la portata del suo programma “Pronto per lo tsunami”E il Creato nel 2017, Preparare le popolazioni costiere a prepararsi ai pericoli In particolare lo tsunami nel Mediterraneo, come riportato Attraverso.

Un “grande” pericolo da non sottovalutare

Uno studio scientifico è stato pubblicato in ScienceDirect Spiega che il rischio è “significativo” nel Mediterraneo per i prossimi anni.

Dobbiamo quindi essere preparati a vedere la formazione e, soprattutto, lo scoppio di una gigantesca “onda” distruttiva alta diversi metri sulla nostra costa, la cui origine è sismica. Perché questo muro d’acqua trattiene tutto sul suo cammino.

Qual è il programma di preparazione?

“Il Global Tsunami Warning System, che l’UNESCO sta pilotando, è particolarmente efficace nel rilevare gli tsunami molto rapidamente. Ma dare l’allarme non basta: per salvare vite umane, anche le comunità costiere devono essere formate per rispondere nel modo giusto. L’UNESCO ora è fermamente impegnati a formarli in tutto il mondo entro il 2030”, ha affermato Audrey Azoulay, Direttore generale diUNESCO.

READ  Un nuovo studio ribalta la teoria popolare sull'evoluzione

Già testato in 40 comunità in 21 paesi, nelle regioni dei Caraibi, del Pacifico e dell’Oceano Indiano, il programma Tsunami Ready sarà esteso a livello globale a migliaia delle comunità costiere più vulnerabili.

Indicatori pronti in caso di tsunami.
Illustrazione Pixabay – falce

Il programma definisce dodici standard che coprono tutte le fasi, dalla prevenzione, formazione della popolazione e valutazione del rischio, alla preparazione e risposta, in proporzione ai bisogni locali.

Un fenomeno che si è già verificato nel Mediterraneo

secondoINGVl’Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia, haNon meno di 290 tsunami in precedenza prodotti mediterraneie, centinaia di anni fa.

Ma l’ultima volta ha colpito l’isola di Samo in Grecia il 30 ottobre 2020 e la costa delle Azzorre il 16 ottobre 1979. Ogni volta, le vittime devono provare dolore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.