Una nuova teoria dell’evoluzione dei mammiferi dopo la scomparsa dei dinosauri

Negli anni ’70, i paleontologi hanno immaginato un’evoluzione simultanea della morfologia e del cervello dei mammiferi, entrambi aumentati subito dopo la fine dei dinosauri. Tuttavia, il nuovo lavoro sui crani fossili indica sviluppi indipendenti.

Evoluzione del destino

66 milioni di anni fa, i dinosauri scomparvero, dopo l’impatto di un gigantesco meteorite (l’ipotesi più plausibile finora) sulla penisola dello Yucatan in Messico. Privati ​​dei precedenti grandi predatori che dominavano la superficie del pianeta, gli animali sopravvissuti scoprirono un nuovo mondo favorevole alla loro evoluzione. Prima di questa estinzione di massa, i mammiferi vivevano barcollando per sfuggire ai dinosauri, non riuscendo a raggiungere dimensioni maggiori per diverse decine di milioni di anni. Chance ha quindi lavorato su scala catastrofica a loro favore, consentendo alle specie sopravvissute di proliferare in superficie ed esplorare nuovi territori. Inoltre, Liberati dal brindisi della predazione, alcuni mammiferi raggiungono talvolta dimensioni gigantesche. Oggi, i mammiferi sono i vertebrati con il più alto rapporto tra le dimensioni del cervello e le dimensioni del corpo.

Principali cambiamenti nei mammiferi

Dopo la recente scoperta di crani fossili di mammiferi, la geologa Ornella C. Bertrand, dell’Università di Edimburgo (Regno Unito), autrice principale di studio Inserito nell’aprile 2022, d’accordo I mammiferi si sono evoluti per la prima volta, tra 66 e 56 milioni di anni prima della nostra era. Dall’altro lato, L’aumento del cervello si rivelerà più tardi, tra -56 e -32 milioni di anni fa. Questa maggiore inversione di tendenza era direttamente correlata alla necessità di adattarsi a un ambiente sempre più complesso, come la maggiore concorrenza per il cibo e la saturazione degli ecosistemi, che richiedeva la ricerca di nuove soluzioni ad alcuni dei problemi di sopravvivenza ancora nuovi.

READ  La tua posizione per dormire rivela la tua vera identità
Crediti: LuFeeTheBear / istockphoto

“[Les chercheurs]Esame delle frequenze cerebrali nei mammiferi del periodo Paleocene e trovato […] Questa dimensione corporea è stata la prima ad aumentare, consentendo di riempire le nicchie dopo l’estinzione dei dinosauri […]. Solo più tardi, nell’Eocene, le dimensioni del cervello iniziarono ad aumentare, probabilmente a causa della necessità di maggiore cognizione in ambienti sempre più complessi. Ciò ha portato ai cervelli ipercervello di oggi, compreso il cervello degli umani”spiega Ornella C. Bertrand.

Questo sconto deriva da Analisi di 34 crani di mammiferi risalenti al Paleocene (da 66 a 56 milioni di anni prima della nostra era) dal New Mexico e dal Colorado (USA). Le loro immagini TC (una ricostruzione tridimensionale al computer dei crani) hanno permesso ai ricercatori di avanzare l’ipotesi di uno sviluppo cerebrale tardivo in relazione ai muscoli, in particolare grazie ai dettagli di imaging che individuano la neocorteccia e i bulbi. . Pertanto, questi distinti sviluppi sarebbero distanziati di circa dieci milioni di anni. Tuttavia, questa teoria è ancora in discussione all’interno della comunità scientifica.

Dinosauro Dakotaraptor
Il Dakotaraptor, un teropode del Cretaceo, è stato scoperto nel South Dakota, negli Stati Uniti. Crediti: Warpaintcobra/iStock

La ricerca paleontologica ha ancora molto da scoprire sulle specie che hanno camminato sulla terra. Tra l’altro, l’abbiamo appena scoperto Alcuni tipi di dinosauri terrestri indossavano piume. Pertanto, la rappresentazione che abbiamo su di loro può ancora evolversi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.