Una barca a vela che osserva gli asteroidi vicino alla Terra? tempi della scienza

La NASA sta attualmente lavorando al progetto Artemis, che invierà gli astronauti sulla luna. È un programma internazionale di esplorazione lunare con equipaggio che riprende 50 anni dopo lo sbarco sulla luna della navicella spaziale americana Apollo 17 nel 1972.

Il progetto Artemis, che utilizzerà il razzo più grande e potente della storia, lo Space Launch System (SLS), sarà realizzato in tre fasi. L’orbita senza equipaggio intorno alla luna dopo il lancio è la prima fase del progetto, che inizierà entro la fine dell’anno.

Artemis, un progetto per inviare astronauti sulla luna © NASA

Due anni dopo, nel 2023, la seconda fase del progetto era una navicella spaziale con equipaggio che avrebbe orbitato intorno alla Luna e sarebbe tornata sulla Terra, intrecciata per atterrare sulla superficie lunare.

Tuttavia, la cosa interessante del Progetto Artemis è che oltre all’astronave principale che svolgerà il compito principale, molte piccole astronavi verranno trasportate insieme per svolgere diversi compiti. Un esempio rappresentativo è una missione di esplorazione a lungo raggio utilizzando la navicella spaziale Solar Sail.

Il potere di vendita dell’energia solare è l’energia solare ed eolica

Una vela solare è un veicolo spaziale che si muove in avanti utilizzando l’energia solare e il vento solare con le sue vele aperte nello spazio. Una vela solare, che naviga nello spazio esterno con la luce del sole e il vento solare che colpisce le vele, è un nuovo concetto per un futuro veicolo spaziale che è molto diverso dall’attuale veicolo spaziale che utilizza combustibili chimici come fonte di energia.

La vendita di energia solare è una struttura che presenta molti vantaggi. I quattro alberi tengono le vele ben aperte, permettendo al vento solare di assorbire la massima quantità di luce solare. Poiché non richiede carburante aggiuntivo, è leggero, quindi è possibile ridurre il più possibile i costi.

READ  Gli scienziati scoprono dettagli senza precedenti della crosta, del mantello e del nucleo di Marte

La fonte della potenza della vela solare nello spazio esterno è dovuta alla pressione dei “fotoni”, che sono particelle solari, e del “vento solare”, che è il vento del sole.

Si scopre che la fonte dell’energia della vela solare è il fotone, la particella solare ⓒ Studentsxstudents.com

Quando un fotone si scontra con un oggetto, sulla sua superficie viene generata una pressione, chiamata pressione leggera. Il vento solare è un concetto simile. Sebbene espresso come vento, in senso stretto, il vento solare è un fenomeno in cui le particelle allo stato di plasma si estendono oltre il campo gravitazionale del Sole nello spazio esterno.

Poiché la pressione leggera e il vento solare sono fonti di energia, è probabile che l’accelerazione iniziale sia molto debole. Tuttavia, poiché lo spazio esterno non ha resistenza all’aria, gli astronomi si aspettano che raggiunga un’alta velocità se riceve luce e vento continuamente.

Sebbene sia solo un calcolo teorico da parte degli scienziati, si stima che il tempo di una navigazione solare verso Plutone sia possibile in circa 5 anni. È più veloce degli attuali razzi a propellente chimico, che impiegano almeno sette anni o più.

Tuttavia, una vela solare può avanzare solo ricevendo una fonte di energia dal sole, quindi se la distanza dal sole è troppo lontana, non può generare una spinta adeguata. Questo perché l’intensità della luce diminuisce in proporzione al quadrato della distanza. Quindi, come idea per hackerarlo, è stata proposta l’idea di muovere una vela solare sparando un potente raggio laser invece della luce solare.

Lo scopo dello sviluppo del veicolo spaziale Solar Sail è quello di esplorare gli asteroidi vicini alla Terra.

READ  Senti l'ustione - Satellite Design da svelare

Perché la NASA ha incluso lo sviluppo di un veicolo spaziale a vela solare che utilizza la luce e il vento del sole nel progetto Artemis? Gli esperti diagnosticano questa domanda come un passo iniziale nello sviluppo di un Near Earth Spacecraft (NEAS) con una vela solare.

NEAS, che letteralmente sta per Proximity Asteroid Reconnaissance, si riferisce a un veicolo spaziale con la missione di osservare gli asteroidi che si avvicinano alla Terra. Dopo aver collegato una vela solare a una piccola navicella spaziale, il compito principale è cercare gli asteroidi che si avvicinano alla Terra.

Quindi, includendo NEAS nel progetto Artemis, la NASA sta portando avanti il ​​progetto con l’obiettivo di riunire tutta l’esperienza e le conoscenze dall’utilizzo all’utilizzo della vela solare. L’asteroide 1991VG sarà osservato dal NEAS. Questo asteroide è un piccolo asteroide di circa 10 metri e ruota intorno al sole in un’orbita vicina alla Terra.

La navicella spaziale NEAS è stata sviluppata per l’indagine sugli asteroidi near-Earth della NASA

La NASA ha scelto l’asteroide 1991VG come obiettivo per il NEAS a causa della sua forma insolita e dell’orbita unica. Sebbene le dimensioni siano così piccole che solo l’osservazione del telescopio è limitata, alcuni astronomi stanno sollevando la possibilità che non sia un asteroide, ma piuttosto un razzo o un serbatoio di carburante caduto da un’astronave.

Per osservare questo misterioso asteroide, la NASA invia NEAS per confermare la veridicità dell’affermazione. Se le affermazioni di alcuni astronomi sono corrette, si prevede che la necessità di NEAS crescerà ancora di più.

Entro il 2025, dopo che la navicella spaziale NEAS inclusa nel Progetto Artemis avrà completato tutte le attività, si dice che la NASA stia pianificando di lanciare la Solar Cruise, una navicella spaziale di medie dimensioni dotata di SolarSail 16 volte più grande delle sue dimensioni attuali.

READ  La versatilità dei telefoni per elicotteri da abitare da Marte

Mentre NEAS è un’astronave con la missione di osservare gli asteroidi che si avvicinano alla Terra, la Solar Cruise è un’astronave per osservare il Sole. È progettato per orbitare attorno all’orbita polare del Sole dopo essersi avvicinato al Sole con una grande vela solare.

(397)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *