Tour de France, nuovo stadio per gli ‘sponsor’

Ascolta questo articolo sull’app


Ascolta questo articolo sull’app

Se i proprietari emiratini del Manchester City falliscono nella finale di Champions League contro il Chelsea, sognano di realizzare una doppietta senza precedenti sugli Champs-Elysees quest’estate. L’anno scorso, Tadej Pogacar, uno sloveno di 22 anni che corre per la squadra nazionale degli Emirati Arabi Uniti, è diventato il più giovane vincitore di un Grand Bouquet dal 1904 rubando la maglia gialla al connazionale Primoz Roglic, il giorno prima che il Tour du Tour finisse il i ripidi pendii di Planche-des-Belles-Files nelle montagne dei Vosgi. Questa performance ha portato la squadra sponsorizzata da Emirates ai vertici del ciclismo mondiale e il Tour de France, a più di cento anni dalla sua nascita, rimane la Queen’s Junior Cup.

Va detto che la gara offre uno spettacolo eccezionale. “Con la distribuzione in 195 paesi, raggiungiamo 3,5 miliardi di persone. Come spettacolo, non c’è sport migliore”, dice qualcuno nella sede dell’Ile-de-France dell’Amaury Sport Organization. Possiamo anche dire che per gli Emirati Arabi Uniti il ​​ritorno sull’investimento è stato rapido. Nel calcio, hanno rilasciato quasi 2 miliardi di euro in trasferimenti di giocatori in un periodo di dieci anni. Per quanto riguarda il ciclismo, l’avventura è iniziata solo nel 2017 e il loro più grande orgoglio sono “appena” 30 milioni di euro l’anno. È bastato vedere lo sguardo giovane della vittoriosa Pojjar, che ha innalzato la sua immagine sul gigantesco Burj Khalifa di Dubai, per valutare la posta in gioco. Veniamo da una squadra familiare italiana فريق (Lambri, ndr) ad una squadra di campagna”, ha ammonito il manager, Giuseppe Sarroni, al momento dell’acquisizione del suo piccolo scafo.

“Queste nuove squadre statali sono un po’ sulfuree”.

Senza immaginare che sarebbe diventato così rapidamente un motore per potere morbido per il sistema petromonico. Gli Emirati Arabi Uniti sono in questa strategia brandin. nazione(g), che sia nel calcio, nella vela o nel ciclismo, l’obiettivo è proiettare un’immagine positiva della nazione”, Spiega Pascal Boniface, direttore generale dell’Istituto per le relazioni internazionali e strategiche (IRIS). autore La geopolitica dello sport (Editor Armand Colin), Questo arrivo del “Country Sponsor” non è altro che un ritorno alle origini, le squadre nazionali (Francia, Italia, Belgio…) hanno raggiunto l’apice del tour fino al 1968. Israele, Bahrain e il Gli Emirati sventolano la loro bandiera sulla schiena dei concorrenti. Pascal Boniface continua: “Ma il primo a introdurre questa modernizzazione è stato il Kazakistan. Negli anni 2000, avevano una stella con Alexander Vinokourov, ci hanno costruito tutto intorno”. Per questo paese dell’ex Unione Sovietica, cinque volte più grande della Francia, questo investimento mira a rendere la sua nuova capitale, Astana, un marchio a sé stante. Un centro turistico ed economico. Inoltre, secondo i dati della Banca Mondiale, il numero di visitatori è passato da 4,7 milioni nel 2006, poco prima del recupero della squadra, a 8,5 milioni nel 2019. E questo, nonostante vari scandali di doping: la sospensione dello stesso Vinokurov (2007-2008) , Ha poi rimosso il titolo del Tour de France 2010 di Alberto Contador per una storia incredibile sulla bistecca con clenbuterolo (un prodotto stimolante). Nonostante la presa in giro, la squadra ha continuato a girare. gli scopi giustificano i mezzi. “Quando arriva il tour, dovresti vedere l’orgoglio degli ambasciatori e dei consoli di questi paesi, Che si trova solo in bicicletta. Riteniamo l’importanza della loro presenza”, esplode regolarmente sul podio presidenziale.

READ  Approvati più della metà dei pacchetti nazionali di stimolo - EURACTIV.com

offerta limitata. 2 mesi a 1 euro senza impegno

Quando si taglia il traguardo, spesso è l’ora della valutazione e sempre l’ora delle voci. Squadra Ha scatenato una frenesia “on-dit” questa primavera durante il Critérium du Dauphiné, una gara preparatoria per la Grande Boucle. Sconosciuto al grande pubblico, l’ucraino Mark Paddon (vincitore del Bahrain), ha sorvolato la fine della gara sulle Alpi. Non ci è voluto molto per far tossire il gruppo, a cominciare dalle squadre francesi e dai loro fedelissimi sponsor privati. “Molte persone sono rimaste sorprese da quello che ha fatto. Ci siamo sentiti a disagio. Questa notizia Differenza Un membro dello staff aziendale francese, spiega la sua preoccupazione per l’immagine della bicicletta, e quindi l’immagine del suo datore di lavoro. Nel campo incriminato, stiamo demolendo. “È triste vedere questo tipo di domanda tornare non appena un corridore si esibisce. Queste accuse non aiutano nessuno, nessuna squadra, nessuno sponsor”, dice Inside Bahrain Triumphant. Per il regno, che è spesso criticato per la sua gestione dei diritti umani, la bicicletta è diventata una componente chiave della sua reputazione”. Il Bahrain ha una Vision 2030 che aspira a passare a un migliore equilibrio economico meno dipendente dal petrolio. Il regno fornisce buoni condizioni per le imprese, attraverso livelli fiscali e accordi commerciali Uno dei dirigenti della squadra, Ryan Ajaji, che ricorda che c’erano “50 ciclisti in totale”, ha detto Ryan Ajaji, uno dei dirigenti della squadra, ha detto Sua Altezza Reale lo sceicco Nasser bin Hamad Al Khalifa ha fondato la squadra che fa del Bahrain un marchio.Come ogni squadra investe nel ciclismo. Dieci anni fa, ora sono poche migliaia. “Con un budget di circa venti milioni di euro l’anno (il britannico passa da Ineos, leader del gruppo, a 45 milioni l’anno), il Bahrain ha una posizione offshore, ma ha davvero messo ai piedi del podio lo spagnolo Mikel Landa l’anno scorso.

READ  Operazione Moonlight: come la luna diventerà l '"ottavo continente" dell'uomo

Grafici

Grafici

Esprimere

Firmare accordi diplomatici

Per sperare di alzare le braccia sulla linea, ci vuole un po’ di fortuna e tanto parlare. Questa esperienza è esattamente ciò che il team di Start-Up Nation in Israele stava cercando designando il quattro volte vincitore del tour, il britannico Chris Froome. Vittima di una grave caduta nel 2019, avverte che “è in fase di ricostruzione, è un concorrente e punta a una vittoria graduale”. Lionel Mari, uno dei direttori sportivi della squadra, ha un budget simile a quello del Bahrain. A capo dell’Israeli Bicycle Show, creato da zero nel 2015, abbiamo trovato un uomo d’affari israeliano del Quebec: Sylvain Adams. Sponsor di biciclette, ama pedalare con la sua gente mentre si allena. A Tel Aviv, lui stesso finanzia piste ciclabili e piste ciclabili. Il suo obiettivo: “promuovere lo stato per mostrare il vero volto di Israele”, ha detto prima dell’inizio del grande viaggio in Italia 2018, che si è trasferito nello stato ebraico. Patriottismo certo, ma non è una politica nazionale per la squadra di 19 nazionali, ed è una specie di pedale delle Nazioni Unite. “Siamo in Spagna. Il nostro sponsor è un benefattore e l’unica restrizione che abbiamo è quella di organizzare la formazione nel territorio una volta all’anno e di partecipare alle operazioni nella storia di Israele”, spiega Lionel. Sposato.

Se la comunicazione ufficiale vuole rendere omaggio alla manifestazione tecnologica del “quarto polo dell’innovazione globale” come dicono i suoi leader, anche la geopolitica è invitata sulla strada. Da quando è tornata la tensione nella regione, le bandiere palestinesi stanno rifiorendo sulle strade, cosa che preoccupa gli organizzatori del tour, in linea diretta con i servizi di intelligence francesi. “Gli Stati Uniti non sono uno sponsor come gli altri Paesi, è vero. Ma per loro la moto è un ottimo investimento”, ammette Magali Tezinas, delegato generale di Sportura, l’associazione degli attori dell’economia sportiva francese.

READ  In Italia, per GNU, Mario Draghi prende il meglio!

Grafici

Grafici

Esprimere

Questi nuovi sponsor potrebbero cambiare di nuovo il volto di questo sport popolare? “Vogliono attirare l’attenzione economica o portare messaggi. Inoltre, Colombia e Italia hanno già chiesto l’integrazione dei nostri caravan pubblicitari per sfruttare la mostra”, osserva Laurent Lachaux, direttore delle partnership di ASO. Tuttavia, per l’organizzatore, “il modello economico del Tour de France deve rimanere incentrato sull’influenza della Francia all’estero”. Tuttavia, è stata sempre più invitata ad organizzare gare fuori dalla Francia. Questo è già il caso dell’Arabia Saudita e dell’Oman. Anche la Cina ci ha provato e il Bahrain sogna di imitarli. Da cosa nasce la diplomazia economica della bicicletta? «Lo direi, soprattutto dopo la firma nel 2020 degli Accordi Abramitici (i trattati firmati a Washington, che stabiliscono veri e propri rapporti formali tra Israele e Bahrein da una parte, e Israele dall’altra. E Abu Dhabi, ndr). Ma è una coincidenza storica”, ha detto Pascal Boniface: Tuttavia, Sylvain Adams aveva viaggiato nel Golfo un anno prima di questi accordi per mettere un po’ d’olio nella ruota. Negli sport professionistici, i confini tra stato, sponsor e atleta sono sempre più porosi.


L’app Express

Per continuare l’analisi e la decodifica ovunque tu sia

Scarica l'app

Scarica l’app

Grafici

Grafici

Esprimere


opinioni

cronico

Bruno Tertris è un analista geopolitico, vicedirettore della Foundation for Strategic Research e senior fellow presso l'Institut Montaigne.di Bruno Terrais

Il migliore del mondo

Eric Zymour e Marine Le Pen / Fotomontaggio (Joel Saget e Estelle Ruiz / AFP-BC / L'Express)di sylvan forte

Allarme

Crediti: LAURA ACQUAVIVAdi Christoph Donner

senza deviazione

Ebano Shalmani.ebano shalmani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *