Sotto il ghiaccio dell’Antartide, l’acqua è rimasta finora sconosciuta

Terra, il nostro pianeta blu. Nata dalle prime immagini satellitari, questa immagine rispecchia un fatto ben noto: gli oceani coprono il 71% della superficie terrestre. Ma forse dovremmo parlare di un “pianeta d’acqua” perché questa molecola, all’origine della vita sulla Terra, caratterizza il nostro ecosistema: dolce, salato, solido, liquido, gassoso… Un team americano ha appena aggiunto un capitolo a questo grande paesaggio acquatico. Giovedì 5 maggio in revisione Scienza, rivela che, sotto il ghiaccio dell’Antartide, si nasconde un’incredibile quantità di acqua fino ad ora completamente sconosciuta. In un momento di cambiamento climatico e preoccupazioni che circondano la calotta glaciale, ciò potrebbe alterare i modelli di evoluzione a lungo termine.

Finora, l’organizzazione degli strati dell’Antartide è sembrata abbastanza chiara. Il ghiaccio in cima era spesso centinaia di metri. Questo corpo d’acqua fresco e solido poggiava su uno strato sedimentario irregolare con i suoi laghi e canali poco profondi (meno di 10 m), una rete di drenaggio e un ulteriore sottile strato di sedimento impregnato d’acqua su cui la calotta glaciale poteva scivolare. ‘Un sistema idrologico che conosciamo molto bene’, riassume Fabian Gillett Cholet, ricercatore del CNRS presso l’Institute of Environmental Geosciences, a Grenoble. I sedimenti si sono quindi depositati e si sono legati alle rocce profonde per formare il substrato roccioso. “Sospettavamo che l’acqua dovesse penetrare nel sedimento, ma nessuno l’ha studiata davvero”Il mondo del ghiaccio continua.

Questo è esattamente ciò che ha fatto una squadra americana. Ha fatto una spedizione al Whillans Ice Stream, un’area nell’Antartide occidentale, a 700 chilometri dal Polo Sud. Le carote profonde hanno registrato tracce d’acqua promettenti lì. Gli scienziati hanno pubblicato i loro strumenti. Non le classiche tecniche che, altro che immagini satellitari, non consentono un tuffo profondo nel ghiaccio. Il loro metodo di indagine risponde al bel nome di imaging magnetico. Chloe Gustafson, dell’Università della California, San Diego (UCSD) Scripps Institute, dettagli: “Questo consiste in un’analisi approfondita dei campi elettromagnetici generati dal Sole, ma anche dalla Terra. Ghiaccio, sedimenti, rocce, acqua dolce o salata hanno impronte digitali diverse. È un po’ come fare una risonanza magnetica della Terra. Ma ciò significa sei settimane di misurazioni, faticose, con quattro persone, accampate in un freddo e intenso lavoro manuale, le mie mani portano ancora tracce.

Hai ancora il 39,77% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

READ  Anche dopo 60 milioni di stelle, c'è ancora un segno di vita extraterrestre Scienza e pianeta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.