Sfruttare il mentoring tra pari come strumento per trasformare le risorse umane dedite a sani drenaggi di cervelli in guadagni di cervello: un caso di studio di un gruppo di ricerca nigeriano guidato da tra pari | Risorse umane per la salute

Sfruttare il mentoring tra pari come strumento per trasformare le risorse umane dedite a sani drenaggi di cervelli in guadagni di cervello: un caso di studio di un gruppo di ricerca nigeriano guidato da tra pari |  Risorse umane per la salute

Il Gruppo di ricerca Diamante è stato istituito nel 2021 come sottogruppo della classe di laureati della Facoltà di scienze mediche dell'Università del Benin del 2008. Il gruppo è stato formato per promuovere collaborazioni di ricerca tra laureati appassionati di perseguire una carriera di ricerca, ma con livelli diversi di esperienza e capacità nella conduzione della ricerca. L'obiettivo generale del gruppo era quello di sfruttare le competenze di ricerca di colleghi con una vasta formazione ed esperienza per migliorare le capacità di ricerca dei medici interessati che non dispongono del supporto o delle competenze necessarie.

Il quadro concettuale che guida la formazione e le attività del Gruppo di Ricerca Diamante può essere paragonato concettualmente al modello di peer mentoring sviluppato dal Gruppo di Ricerca in Medicina Interna Emory (IMeRGE) per costruire le competenze di ricerca e accademiche dei membri del gruppo e garantire il loro avanzamento di carriera. nella medicina accademica (vedere Figura 1) [16]. A differenza del gruppo IMeRGE, i membri del gruppo di ricerca Diamante erano dislocati in diverse istituzioni in diversi paesi, in tre continenti, tra cui Africa, Europa e Nord America. Pertanto, il gruppo ha fatto affidamento sulla tecnologia digitale per implementare le proprie attività.

Grafico 1

Modello di Peer Mentoring del Diamante Research Group Adattato dal modello di Peer Mentoring iMeRGE di Bussey-Jones et al. [16]

Struttura del gruppo

Il gruppo ha iniziato con 16 medici in diverse aree specialistiche cliniche e non cliniche, tra cui pediatria, medicina orale, ostetricia e ginecologia, ortopedia e ricerca. I membri del gruppo, composto da sei donne e dieci uomini, risiedono in quattro paesi: Canada, Nigeria, Regno Unito e Stati Uniti d'America. Sono stati selezionati tre membri per co-guidare il gruppo e facilitare le sue attività per raggiungere gli scopi e gli obiettivi prefissati. I leader del gruppo sono stati selezionati in base alla loro esperienza di ricerca e formazione. Due di essi sono ben pubblicati e sono stati in precedenza e attualmente alla guida di progetti di ricerca. Hanno seguito ulteriore formazione di ricerca nel Regno Unito e negli Stati Uniti, ottenendo infine un dottorato di ricerca dopo aver completato rigorosi programmi di ricerca. Il leader del terzo gruppo stava conseguendo un master in politiche sanitarie e risiedeva ancora in Nigeria, fornendo così supporto contestuale e locale. Inoltre, molti altri membri del gruppo hanno conseguito o si sono iscritti a master in sanità pubblica in Nigeria o altrove. La tabella 1 mostra i dettagli dei membri iniziali del gruppo.

Tabella 1: Informazioni demografiche per i membri del gruppo (N = 16), Gruppo di Ricerca Diamanti

Attività di gruppo

Nel dicembre 2021 si è tenuto il meeting inaugurale del Gruppo di Ricerca Diamante. In questo incontro sono stati definiti obiettivi e aspettative attraverso un approccio di prioritizzazione che ha coinvolto tutti i membri del gruppo, per guidare le attività fin dall'inizio. Gli obiettivi del gruppo sono divisi in tre categorie principali (vedere Figura 1):

  1. 1.

    Acquisire competenze. Aumentare le capacità e le conoscenze di ricerca attraverso sessioni formative su argomenti, come la conduzione di revisioni sistematiche, la scrittura di sovvenzioni, la progettazione e le metodologie di ricerca, l'etica della pubblicazione, ecc.

  2. 2.

    Accesso alle risorse. Maggiore accesso a strumenti di ricerca, risorse e opportunità come l’accesso alle informazioni sulle sovvenzioni, l’accesso a riviste e database attraverso la rete accademica e gli abbonamenti ai membri, l’accesso ai database e l’accesso alle competenze dei bibliotecari accademici per progetti di ricerca.

  3. 3.

    Applicazione delle competenze.Condurre insieme progetti di ricerca per fornire esperienza pratica in tutte le fasi della ricerca, dallo sviluppo di una domanda di ricerca alla presentazione di un progetto completo per la pubblicazione, guidato dalle migliori pratiche internazionali nell'etica della ricerca e della pubblicazione.

Sfruttando la tecnologia digitale, il gruppo ha affrontato le sfide poste dai membri che si trovano in luoghi e fusi orari diversi. WhatsApp, Zoom ed e-mail sono stati essenziali per coordinare riunioni ed eventi, poiché tutti gli incontri si sono svolti virtualmente tramite Zoom. Questi incontri Zoom si svolgono ogni due o quattro settimane, a seconda delle esigenze dei progetti di ricerca in corso o delle tappe fondamentali. Ulteriori metodi di corrispondenza includevano scambi regolari di e-mail, aggiornamenti sulla piattaforma WhatsApp del Diamante Research Group e telefonate tra i membri. I verbali della riunione Zoom sono stati condivisi su WhatsApp. I leader del gruppo hanno mantenuto una piattaforma WhatsApp dedicata per un coinvolgimento continuo. Inoltre, il gruppo ha creato una cartella sicura su Google Drive per archiviare i documenti relativi ai progetti del gruppo, a cui possono accedere tutti i membri.

Per ciascun progetto di ricerca, il gruppo ha creato documenti di condivisione dei compiti che dettagliano tutti i compiti coinvolti nelle diverse fasi del progetto. I membri si offrono volontari per compiti basati sui loro interessi e sulle competenze percepite. Ogni missione era guidata da un piccolo team leader, supervisionato dai leader del gruppo principale. Per alcuni compiti, data la loro natura tecnica, i capigruppo principali hanno fornito la supervisione diretta. Il gruppo ha inoltre utilizzato i diagrammi di Gantt per creare sequenze temporali e tenere traccia dei progressi di ciascun progetto. Per garantire l'equità e il rispetto degli standard etici di pubblicazione in materia di paternità, abbiamo monitorato la partecipazione a progetti di gruppo utilizzando la Guida allo strumento di paternità.

READ  ‘Volgens Italiaanse media willen alle wereldleiders nu cacio e pepe met rozenblaadjes eten’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *