Scoperta dell’astronomia nell’archivio: i ricercatori scoprono l’ultima galassia a spirale

"Hubble"Un'immagine della galassia a spirale NGC 4100. Appare la luce blu: lì sono nate nuove stelle "Hubble"Un'immagine della galassia a spirale NGC 4100. Appare la luce blu: lì sono nate nuove stelle

Un’immagine “Hubble” della galassia a spirale NGC 4100. Appare una luce blu: lì sono nate nuove stelle

Questi: ESA / Hubble e NASA, L. Ho

Gli scienziati giapponesi hanno fatto una scoperta sorprendente. Hanno trovato una galassia a spirale che si è sviluppata poco dopo il Big Bang, prima di quanto ritenuto possibile in precedenza.

ULa Via Lattea è una galassia a spirale con più bracci a spirale situati all’interno di un disco. Al centro c’è un buco nero, nella regione centrale circostante della galassia, noto anche come rigonfiamento, e spesso ci sono stelle più vecchie. La maggior parte delle nuove stelle nascono in bracci a spirale.

Sebbene di solito associamo le galassie a una tale struttura a spirale, ci sono molte altre forme di galassie: ammassi globulari, galassie ellittiche irregolari e galassie nane. I ricercatori hanno scansionato l’universo entro 30 milioni di anni luce per vedere che aspetto avevano le galassie. Secondo questo, quasi una galassia su tre è una galassia a spirale.

Fino ad ora, gli astronomi hanno ipotizzato che la formazione di galassie a spirale e la formazione di braccia siano un lungo processo che richiede miliardi di anni per essere completato. Nei modelli stabiliti, le galassie a spirale si evolvono dopo la fusione di molte galassie elementari piccole e non organizzate.

1,4 miliardi di anni dopo il Big Bang

Ma gli scienziati giapponesi hanno ora fatto una scoperta sorprendente. Hanno scoperto una galassia a forma di disco con due bracci a spirale che esisteva 1,4 miliardi di anni dopo il Big Bang.

Leggi anche

L'impressione di ID2299 di questo artista mostra la galassia, che è un prodotto della collisione galattica, e alcuni dei suoi gas vengono emessi da

Dato che l’universo ha 13,8 miliardi di anni, questo è molto presto nell’evoluzione dell’universo. Takafumi Tsukui e Satoru Iguchi della Graduate University of Advanced Studies della Prefettura di Tokyo nella rivista Science afferma che le strutture a spirale delle galassie si sono formate molto prima di quanto si pensasse in precedenza.

I ricercatori non hanno effettuato le proprie misurazioni, ma hanno archiviato i dati da Alma– Radiotelescopio nelle Ande cilene settentrionali. Hanno osservato una galassia particolarmente giovane con numero di catalogo BRI 1335-0417. La loro luce è stata inviata 12,4 miliardi di anni fa, il che può essere calcolato dal redshift cosmico della luce galattica ricevuta sulla Terra.

Leggi anche

Professor Reinhard Genzel con VLT (fotomontaggio)

Scienziati giapponesi hanno analizzato la luce del BRI 1335-0417 e sono stati in grado di dimostrare che la giovane galassia ha effettivamente una pressione nella regione centrale, incluso un buco nero supermassiccio, che è anche un disco in espansione con una struttura a spirale. Dall’osservazione di una galassia a spirale di appena 1,4 miliardi di anni, sorge la domanda se la formazione stellare nell’universo ancora recente si sia evoluta in modo diverso da quanto si pensava in precedenza.

Tsukui e Iguchi scrivono che i bracci a spirale formati all’inizio della galassia potrebbero aumentare il flusso di gas nella galassia e quindi promuovere la formazione di nuove stelle. Quindi le strutture elicoidali saranno il motore delle nascite stellari. Ma finora questa è solo una speculazione. Prima della scoperta degli scienziati giapponesi, la più piccola galassia a spirale mai osservata era datata più di 2,4 miliardi di anni dopo il Big Bang.

READ  Un meteorite vulcanico è stato trovato più vecchio della Terra stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *