Scienziati: un misterioso asteroide delle dimensioni di un pianeta nano si nasconde nel sistema solare – Charter’97 :: Notizie dalla Bielorussia – Notizie Bielorussia – Notizie dalla Bielorussia – Repubblica di Bielorussia

1

Prova di ciò è il meteorite esploso sul Sudan nel 2008.

Un misterioso asteroide delle dimensioni di un pianeta nano si nasconde nel nostro sistema solare. Ne scrive Scienze viventi Con riferimento all’astronomia naturale.

Da qualche parte nello spazio, c’è un asteroide gigante delle dimensioni di un pianeta nano. Prova di ciò è il meteorite esploso sul Sudan nel 2008.

Il 6 ottobre 2008, gli scienziati sono stati in grado per la prima volta di prevedere la caduta di un oggetto cosmico sulla Terra. Hanno scoperto l’oggetto un giorno prima che entrasse nell’atmosfera terrestre nella regione del Sudan ed è esploso. La stazione Sta meteorite (stazione 6 – dall’Arabia per “stazione 6”, il nome della stazione ferroviaria vicino al luogo dell’incidente) è caduta il 7 ottobre 2008 nel deserto della Nubia. In quest’area sono stati raccolti in totale 600 oggetti meteoritici.

Un nuovo studio di questi frammenti mostra che la meteora potrebbe essersi separata da un asteroide gigante delle dimensioni del pianeta nano Cerere, l’oggetto più grande nella fascia degli asteroidi.

Come il 4,6% dei meteoriti caduti sulla Terra, la stazione seita è composta da una sostanza nota come condrite carbonica. Queste pietre nere contengono composti organici oltre a molti minerali e acqua.

Il team ha analizzato al microscopio un piccolo campione di 50 milligrammi del meteorite e ha scoperto che aveva una composizione unica.

Il meteorite contiene un insolito gruppo di minerali che si formano a temperature e pressioni “medie” (superiori a quelle che si trovano in un tipico asteroide, ma inferiori a quelle che si trovano all’interno del pianeta). In particolare, un minerale, l’anfibolo, richiede una lunga esposizione all’acqua per formarlo.

READ  Per correggere un errore, i fisici nucleari stanno migliorando l'accuratezza degli studi sui neutrini

L’anfibolo è abbastanza comune sulla Terra, ma le tracce sono state trovate solo una volta in una meteora nota come Allende, la più grande condrite carboniosa mai scoperta, caduta in Messico nel 1969.

L’alto contenuto di anfibolo a SITA indica che il frammento si è separato da un asteroide genitore che non aveva mai lasciato prima un meteorite sulla Terra.

I ricercatori scrivono che i campioni ottenuti dalla sonda giapponese Hayabusa2 e dalla NASA OSIRIS-REx dagli asteroidi Ryugu e Bennu, rispettivamente, probabilmente contengono molti minerali dalle rocce spaziali che si trovano raramente nei meteoriti.

È possibile che alcuni tipi di condriti carboniche semplicemente non resistano all’immersione nell’atmosfera e questo impedisce agli scienziati di studiare le condriti, che potrebbero essere più comuni nello spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *