Abbandonare il calcio professionistico per studiare ad Harvard: il sogno dell’americano Alessandro Arlotti

La sua storia può sembrare un po ‘inquietante, arrogante e ancor di più se raccontata con accento italiano. Tuttavia, non c’è niente di tutto questo nelle parole di Alessandro Arlotti. Al telefono, il biondo non interpreta il giocatore d’azzardo. Quest’inverno, si trova semplicemente di fronte a un dilemma d’oro, il tipo di scelta che sognano milioni di adolescenti e genitori.

Perseguendo una promettente carriera come calciatore professionista, ha nutrito a Monaco ed è scelto tra i giovani Squadra Azura. Oppure cambia il continente e unisciti a una delle università più prestigiose del mondo. “Mi rendo conto che quello che mi sta succedendo è raro e che sono fortunato. Ho ricevuto molti messaggi. Metà di comprensione e rispetto, l’altra di totale incomprensione”.

Il 2 aprile Alessandro ha festeggiato il suo 19esimo compleanno da Boston, prendendo lezioni private di inglese prima del grande salto di agosto. Là attende due anni del corso generale, poi altri due per specializzarsi in una specialità. “A priori in economia”, ha chiamato ancora pensieroso la persona che ha menzionato il suo diploma di maturità così bene l’anno scorso ma non sa davvero, come molti della sua età, quale lavoro gli interessa.

Una scelta che ha rimandato alla fine

Pensieroso, molti stavano anche pensando alla sua decisione all’inizio di marzo su Instagram. Gli insegnanti come insegnanti hanno fatto una campagna per il loro gregge. Alla fine è stato quest’ultimo a vincere, ma non possiamo biasimare il giovane, che si è allenato per dieci anni a Monaco, e non ha provato di tutto per accontentare tutti. “Harvard non poteva più aspettare”, riassume di sfuggita. Inoltre, “orgoglioso”, per rompere questo pregiudizio di giovani calciatori sub-intelligenti. “A causa della formazione, hanno meno tempo per studiare, questo è tutto.”

READ  Proteste contro il blocco in Italia Politica DW

Per capire meglio questo destino straordinario, dobbiamo tornare all’estate del 2020. Una volta conseguito il diploma di maturità, Alessandro Arlotti ha lasciato Rock e La Turbie per raggiungere il Pescara in Italia. Uno “spreco”, secondo un membro del club, era deluso dal fatto che la direzione di ASM avesse fatto poco per trattenerlo. “Gli incontri sono iniziati appena mentre parlava all’allenatore dell’apparato tattico in cui stava giocando l’avversario”, dice quest’uomo, descrivendo l’attaccante tanto intelligente quanto perfetto. Il marcatore del campionato U-17 e un punto fermo della squadra U-19, Alessandro all’epoca rappresentava la sua casa vicina, l’Italia, e gareggiava nella Coppa delle Nazioni Unite e nella Coppa del Mondo in queste categorie.

Candidati con pazienza nella sala d’attesa della Ligue 1 e contattando il gruppo professionale, questo è ciò che classicamente consigliamo per una speranza nel suo genere. Solo tempo, Alessandro non ha niente. Andare in seconda divisione, al club dove si è rivelato Verratti, è un’emergenza. Affrontare te stesso ad un livello elevato e conoscere il tuo valore prima che l’Università di Harvard chiuda per sempre i battenti a causa dell’invecchiamento. Per preservare tutte le sue possibilità di integrazione della facoltà, Alessandro deve anche rifiutare un contratto professionale e la borsa di studio che lo accompagna. Paga semplicemente l’affitto e le spese giornaliere.

Forse se fosse stato Totti, non sarebbe andato ad Harvard.

“Ho passato sei mesi meravigliosi, ho imparato molto tatticamente e fisicamente, ma purtroppo non è riuscito”, decodifica il giovane, né amareggiato né disgustato dal mondo dei professionisti. In un anno, non gli è stato dato il tempo di suonare davvero. Due allenatori verranno licenziati in meno di un anno. E il club, che ancora oggi lotta per mantenere, fatica a fidarsi dei giovani. “Forse se fosse stato Francesco Totti, non sarebbe andato ad Harvard, gratis al telefono, sua madre, Deborah, di Brescia. Ma ehi, non ha avuto possibilità, ecco.”

READ  Le startup innovano con Oracle Cloud

Da Monaco, dove gestisce una fattoria di fiori con suo marito, Deborah non è particolarmente preoccupata per il futuro. A questo proposito, ringrazia ripetutamente la “qualità” dell’insegnamento offerto all’Accademia ASM, e prima ancora al CREPS di Aix-en-Provence (Bouches-du-Rhône). Sembra che suo figlio non abbia mai scelto tra la scuola e il calcio come qualcosa di “normale” per lui. Non hai mai voluto “bloccare” l’uno o l’altro. “Questa volta ha scelto il destino per lui, ma mio figlio può fare quello che vuole. È giovane ma davvero molto maturo. Sfide, ama”.

Si unisce a suo fratello e al suo migliore amico negli Stati Uniti

Questa serenità da madre a figlio si disarma, in un momento cruciale della vita di Alessandro. Infatti, deriva anche dal fatto che il figlio maggiore Gianluca (20 anni) ha vissuto effettivamente a Boston per tre anni. I giovani del Monaco gli passavano accanto e si muoveva allo stesso modo tra il calcio universitario e gli studi. Proprio come il migliore amico di Alessandro, vive nel Michigan. A differenza della Francia, il sistema americano ama e apprezza questi adolescenti tanto con la penna in mano quanto nell’abbigliamento sportivo.

le notizie Paris Saint-Germain Express

Le nostre informazioni sul club della capitale

Quindi Alessandro non sarebbe più confuso. Soprattutto perché ha già viaggiato più volte negli Stati Uniti con i suoi genitori e ha persino visitato Harvard all’età di dodici o tredici anni.

Alessandro Arlotti, è stato scelto nel 2016 dai migliori giovani della Lega Calcio del Mediterraneo.
Alessandro Arlotti, è stato scelto nel 2016 dai migliori giovani della Lega Calcio del Mediterraneo. Campionato mediterraneo di calcio

Tuttavia, c’è una cosa che i giovani prodigio temono. Il campionato universitario (“Ivy League”) in cui si svilupperà non gli consente di mantenere una forma e un livello tecnico sufficienti. “Il fatto che diciamo che non è possibile, questo mi motiva. Mi rendo conto che è vicino all’impossibile. Ma hey, mi è già stato detto che è impossibile studiare e andare ad Harvard”. Nel caso non fosse chiaro, sì, Alessandro si rivede attraversare l’Atlantico tra quattro anni. E ha ripreso il suo primo destino da dove era partito.

READ  I dieci peggiori gangster di tutti i tempi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *