Ricerca allarmante: il permafrost si sta riscaldando, i villaggi artici stanno sprofondando nel mare

Lo scioglimento del permafrost sta rendendo le case nell’Artico, come questa a Yakutsk, inabitabili.foto di Reuters

La scienziata Monique Heijmans non è ancora stata nel nord-est della Siberia da tre anni a fare ricerche sulla vegetazione del fondale ghiacciato. Tieni il suo cuore. Come sarà la zona quando torni? I cambiamenti sono rapidi nell’Artico. “Quando ho letto che la temperatura è di 38 gradi Celsius nella Siberia nord-orientale, sono molto preoccupato”.

Pertanto, i risultati degli studi sul permafrost sono chiari. Heijmans ha contribuito a un’edizione speciale di Natura Recensioni Terra e Ambiente Dove vengono visualizzate di nuovo le informazioni attuali sul terreno congelato semipermanentemente. Tre visioni.

1. Lo scioglimento del permafrost fa crollare gli appartamenti e le case sprofondano nel mare

Nella città siberiana di Yakutsk, dove la temperatura raggiunge facilmente i -40 gradi Celsius in inverno, tutte le case sono costruite su palafitte o blocchi di cemento. Impedisce al calore delle case di trasferirsi al suolo e di riscaldare il permafrost sottostante. Tutto per evitare che il fondo roccioso si sciolga e si trasformi in un piano instabile. Non sempre questo basta: spesso crolla una casa, un condominio o una scuola. 1 su 10 Gli edifici di questa città russa delle dimensioni di Groningen sono già stati danneggiati.

Sulla costa artica continente Più disastroso. Lì i residenti vedono letteralmente i loro villaggi scivolare in mare, afferma Jurian Funk, ricercatore sul permafrost presso la Free University. In quei luoghi, l’altezza della costa raggiunge a volte i trenta metri. Il permafrost è più esposto all’aria esterna e si scongela più velocemente. Con meno ghiaccio, il mare diventa più brutale e la costa si erode di più, oltre al già più rapido scioglimento. Poi le cose vanno davvero veloci.

READ  Allerta meteo: pioggia e neve inondazioni in montagna

Solo nell’emisfero nord Protegge le aree di permafrost Non meno di 120.000 edifici, 40.000 km di strade e 9.500 km di gasdotti. Il 70% di tale infrastruttura è costruita su permafrost in rapido disgelo ed è ad alto rischio di danni entro il 2050. Tuttavia, la costruzione è ancora in corso: Opportunità economiche Ciò che porta il cambiamento climatico, sfrutta appieno la Russia.

Quindi gli ingegneri stanno lavorando su come farlo nel modo più responsabile possibile. Con pompe che estraggono calore dal suolo, ad esempio, e picchi obbligatori a Yakutsk dagli anni ’60. Ma la costruzione adattata al clima costa denaro, soprattutto se si ipotizza uno scenario peggiore, che non è così abbondante nelle parti siberiane della Russia. Nel frattempo, lo scioglimento continua senza sosta.

2. Lo scioglimento è iniziato ovunque, ma le differenze locali sono grandi

Sulle mappe della temperatura, l’Artico diventa sempre rosso scuro. La temperatura sta salendo due volte più velocemente della media terrestre. Quindi anche il terreno ghiacciato, il permafrost, si sta riscaldando ovunque. Le differenze sono grandi, dal locale Da 0,2°C a 3°C per decade di riscaldamento.

Non è in gran parte chiaro da dove provengano queste differenze. La posizione gioca un ruolo importante, così come i disturbi piccoli e grandi, come gli incendi e la presenza umana. Anche un piccolo disturbo ha un impatto enorme. Heijmans: Anche se la gente del posto ci ha avvertito di questo, abbiamo fatto ogni volta lo stesso percorso verso il nostro sito di ricerca. I nostri passi facevano sciogliere la strada più velocemente del terreno accanto.

READ  In un pezzo di ambra ho trovato un fiore precedentemente sconosciuto alla scienza

Funk dice che anche il tipo di permafrost sembra essere un fattore. Non tutto il permafrost contiene la stessa quantità di ghiaccio. Quando il permafrost quasi privo di ghiaccio si scioglie, la struttura del suolo viene preservata. D’altra parte, se una grande quantità di ghiaccio si scioglie, l’acqua fuoriesce e affonda nel terreno. Questo posto non potrà mai più congelare allo stesso modo.

3. Va veloce, ma la velocità esatta è difficile da prevedere

Aprire la porta del congelatore e potrebbe volerci molto tempo per scongelarsi. Lo stesso vale per il permafrost: non scompare subito dopo l’aumento della temperatura dell’aria esterna. Potremmo essere a migliaia di anni di distanza prima che ciò accada, dice Funk. Tuttavia, ora è chiaro che questo processo graduale non si applica sempre a livello locale.

Ad esempio, a causa degli incendi boschivi, che causano sempre più l’accensione del permafrost. Oppure frane causate da terreno instabile che poi espone più permafrost, che si scioglie più velocemente. I laghi di disgelo, che si formano quando il permafrost si scioglie, sono le principali fonti di metano, un gas serra 86 volte più potente dell’anidride carbonica. O lo strato di fusione ispessita, in cui tutti i tipi di microrganismi lavorano a temperature superiori allo zero per trasformare i residui vegetali in gas serra.

Sebbene sembri che l’ecosistema globale stia ancora assorbendo più gas serra di quanti ne emetta, l’Intergovernmental Panel on Climate Change avverte nel suo ultimo rapporto sul clima che punto di svolta. In quel momento, questo saldo netto cambia; Il permafrost diventa una fonte di gas serra maggiore di un giacimento. Il disgelo del permafrost non è solo una conseguenza del cambiamento climatico, ma anche una causa. Il circolo vizioso auto-rinforzante è completo.

READ  I ricercatori sviluppano un nuovo metodo per controllare e misurare i livelli di energia in un cristallo di diamante

Tuttavia, ci sono anche fattori inibitori. centrale in Heijmans.cerca La vegetazione si fermò, cosa che sembrò rallentare lo scioglimento. Cresce di più nel permafrost più caldo. Gli arbusti, ad esempio, forniscono ombra, in modo che meno calore del sole penetri nel terreno. Le piante intrappolano anche il freddo nel terreno quando l’aria diventa più calda.

Pertanto, determinare se questo punto di svolta è all’orizzonte non è del tutto chiaro. Ma non c’è dubbio che il permafrost cambia drasticamente. Possiamo limitare le conseguenze con una buona politica climatica, ma è davvero impossibile fermarsi del tutto e, dice Funk, è già iniziato. Il cambiamento climatico nell’Artico è molto più veloce, più estremo e più imprevedibile che qui. Le persone lì sostanzialmente si chiedono: come ci conviveremo?

- statua -

statua –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.