Regas – Ambizioni e visione ideale

Scritto da Nikitas Seamus

Bucarest

Potrebbe non essere stata una coincidenza per il lavoro di Regas che avesse uno stretto rapporto con i Vanariot.

Era il segretario privato di Alexandros Ypsilantis, nonno del leader della rivoluzione del 1821, governatore della Valacchia, durante il periodo 1782-1785, quando aveva circa 25-28 anni. Allo stesso tempo, uno studente illuminato d. Catarzes, il cui allievo si diceva fosse Regas, studiava a Bucarest. Questo ambiente, di natura multilingue, ha dato ai giovani di Thessalos l’opportunità di imparare le lingue straniere, il tedesco, l’italiano e soprattutto il francese. Secondo Repo, parlava e scriveva correntemente il francese.

Tuttavia, è importante citare, per comprendere meglio l’influenza che Regas ha ricevuto da A. Ypsilantis, alcune delle azioni di quest’ultimo, che manifestano la sua visione e le sue aspirazioni.

Tra le azioni svolte da questo sovrano c’era la creazione di 60 reggimenti militari, due dei quali consistevano in serbi, bulgari e il resto dei greci. L’obiettivo finale era usare questo potere, come nucleo, per liberare gli affari nei Balcani, nel tempo. Tuttavia, il comportamento inappropriato dei figli di A. Gli Epsilantes li costrinsero a lasciare la Valacchia e Alessandro fu costretto a dimettersi dalla dominazione.

Ma ciò che distingue le intenzioni del sovrano a. Epsilantes che quando, intorno al 1785, fu informato delle comunicazioni segrete di Caterina II e Giuseppe II riguardanti il ​​precedente piano greco, presentò loro una nota. Per l’indipendenza della Grecia e di altri paesi ridotti in schiavitù.

Rigas subito dopo A. Ypsilantis, dopo un breve periodo di lavoro come segretario di Brancovianus, un ragazzo molto importante a Bucarest, assunse a Iasi nel 1786, la carica di segretario ufficiale del governatore Nikolaus Mavrogens. Questi atteggiamenti hanno permesso a Regas di presentarsi come una figura adorabile e dominante.

All’inizio della guerra russo-austriaca-turca, si verificò una strana situazione, quando A. Mavrocordatus in Russia e N. I Mavrogens sono al potere in tutti i moldavi filo-sultani. Poi, come si è detto, ha nominato Regas, il governatore di Craiova, la seconda città dopo Bucarest.

Lì incontrò anche il pascià locale di Vidini Pasvanoglu, poi apostata, che lo aiutò a evitare di essere arrestato lì, cosa che lo rese un grato amico di Regas. A Pasvanoglou, Rigas dedicò versi di Thourios, il che probabilmente significava un’aspettativa da parte del suo amico nell’ora critica.

Vienna

Gli austriaci occuparono Bucarest nel 1789 e nel periodo successivo Regas fu al servizio di Sir Serdar il Grande, signore militare dell’Ungheria, Centro per i diritti umani. Kirlian, che lo seguì a Vienna nell’estate del 1790.

Lì ha anche dedicato il suo libro “The Boom of Physics”.

Quell’estate, Kirlian ricevette il titolo di barone Lagenfeld dall’imperatore per i suoi servizi nel fornire alle forze di occupazione austriache per il dominio e per le informazioni “molto importanti” che fornì sulle posizioni nemiche, in conformità con la proposta di assegnazione del titolo.

READ  Skylakakis per ... l'albero dei soldi di SYRIZA e i soldi che buttiamo dalla finestra | Bank Wars

Curlian era probabilmente di origine greca, secondo gli storici romani, e una spia al servizio degli austriaci contro gli ottomani, secondo Polich. Ενεπεκίδης.

Regas rimase al servizio di Kirlian a Vienna fino all’inizio del 1791. Durante questo breve periodo fu impegnato a pubblicare i suoi libri e preparare la traduzione de “Lo spirito delle leggi” di Montesquieu, che non fu in grado di pubblicare.

Allo stesso tempo, è tornato a Bucarest, dove presumibilmente possedeva grandi tenute e dove era considerato un VIP. Vi rimase fino all’estate del 1796, e durante questo periodo lavorò per qualche tempo come traduttore ufficiale per il consolato francese.

Questo può essere descritto come il tempo in cui Regas, pur riconoscendo la possibilità di una soluzione politica per i Balcani da parte di austriaci e russi, stabilì un’ideologia ispirata all’Illuminismo e alla Rivoluzione francese. In quel momento stava sorgendo la stella del giovane generale Napoleone, da cui Regas si aspettava molti benefici per gli schiavi.

Regas tornò a Vienna nell’estate del 1796, mentre il console austriaco a Bucarest informò il suo ufficio che Regas era una “persona sospetta” e che aveva numerosi contatti con i francesi.

L’anno successivo, 1797, quando pubblicò le sue opere rivoluzionarie e preparò la sua partenza per la Grecia (dicembre 1797), Napoleone invase l’Italia e il Trattato di Campo Formio (ottobre 1797) occupò le Isole Ionie. Un mese prima, nel settembre 1797, I. Mavrogens, nipote del sovrano, uno degli aiutanti di Regas e poi di Felicus, arriva a Parigi.

Era un periodo di eventi flash, propaganda e aspettative, dove intuizione e caso si intersecavano.

La Carta e la Dichiarazione rivoluzionaria

A Vienna, Regas ha stampato per la prima volta una “Nuova mappa di Chia”, con il ritratto del governatore A, Ypsilantis (periodo, 1796-1797) e la “Mappa generale della Moldavia” con il ritratto del governatore A. Kalimachi (1795-1799). Questa è stata seguita dalla più grande mappa di 12 pagine della Grecia orientale (12 fogli 60 x 70 cm su lino) conosciuta come la “Grande Mappa” decorata con molti elementi enciclopedici greci (eroi, eventi storici, trionfi, imperatori, monete, insomma storie, ecc.).).).

Regas ha dichiarato: “Lo scopo della Carta è quello di contribuire alla comprensione (della traduzione) di Neos Anacarchidus”. L’opera di Regas avrebbe quindi potuto essere pubblicata, su base enciclopedica, senza sollevare dubbi sulla censura.

L’occupazione francese delle Isole Ionie e le loro dichiarazioni hanno spinto Regas con entusiasmo a redigere e pubblicare il “Politeuma”.

Lì, Regas ha parlato dello stato di diritto, in cui le leggi sono “… l’unica guida e guida della nazione”. Il suo sistema era semi-rappresentativo, i deputati sarebbero stati eletti a suffragio universale dal popolo (razze totalmente uguali), era fornita l’istruzione gratuita obbligatoria, la schiavitù sarebbe stata abolita, ecc., La lingua sarebbe stata il greco.

READ  Antonio Carraro sta sviluppando piani di investimento per trattori ibridi a partire dall'Italia

La religione che introdusse nella sua dichiarazione rivoluzionaria, poco prima della fine del 1797, “Sotto il dominio ottomano, cristiani e turchi erano ugualmente senza alcuna discriminazione nella religione …” e non riferendosi alla chiesa, fu chiaramente influenzata dalla Rivoluzione francese e anche questo era un elemento di uguaglianza.

Sarebbe la liberazione dal lavoro delle persone stesse senza menzionare gli alieni. È maturata la consapevolezza che, poiché i greci erano stati abbandonati tante volte quante erano stati istigati da altri, ora avrebbero dovuto prendere l’iniziativa e decidere il proprio destino.

Le Regas Maps impressionarono critici e storici dell’epoca. Lo storico Johann Engel (1770-1814) ha scritto: “… quest’uomo è ora a Vienna … è dotato di conoscenze letterarie e politiche, conosce accanto alla lingua della stampa – tedesco – francese e italiano. Ha viaggiato all’estero. Anni in le province turche con l’intenzione di fornirci una mappa migliore delle province. Esistenti – come lo Swaziland – insieme alla geografia dei paesi in cui hanno visitato … “Quelle mappe che erano pronte per Riga furono vendute dai fratelli Bolio, con l’onore di 2 fiorini ciascuno. La vendita gratuita delle mappe Rigas ha permesso loro di esistere oggi, con poche copie.

Non è noto se la Regas abbia visitato la stesura della carta, ma era certo che avesse la stessa comprensione della geografia della Moldova e delle aree circostanti, accesso agli archivi dell’egemonia grazie alle sue posizioni come segretario ufficiale e accesso agli conoscenza di Kirlian, che ha fornito ottime informazioni agli austriaci sui siti di interesse militare, come detto sopra.

Forse nella raccolta delle informazioni per la sua mappatura, avvenuta a Vienna, è stato supportato da un gruppo di abili collaboratori, non solo per motivi di traduzione.

Piani per una rivoluzione

C’è sempre una domanda, se Rigas abbia creato un’organizzazione segreta per scopi editoriali o avesse alcuni amici e partner fedeli intorno a lui. Questo non è stato verificato. Secondo Enibikides, avrebbe potuto creare un’organizzazione con scopi nazionali, forse una fiera tettonica a Bucarest, ma non un’azienda rivoluzionaria.

Enepekidis sviluppa l’interessante ragionamento secondo cui la Carta, oltre agli elementi enciclopedici di natura filosofica che conteneva, aveva anche un carattere militare. Questo sta tenendo conto dei riferimenti esplicativi come “città con mura”, “asciutto”, “antiche fortificazioni”, “acqua corrente” ecc. Che sono stati contrassegnati con le illustrazioni corrispondenti in alcune parti della mappa.

Per espandere la sua logica, l’Enepekidis combina la carta con l’Engolpio militare, tutte copie greche che sono state distrutte dalla polizia austriaca.

Questa pubblicazione fu citata dagli investigatori austriaci di Riga, che la chiamarono “Maresciallo Kirschnwler”, dal nome del più famoso maresciallo austriaco (1683-1744).

Il suo contenuto includeva capitoli come: “Regolamenti per la guerra in campo aperto e per i forti”, “Assedio del castello nemico”, “Assedio delle stesse forze” ecc.

READ  Esportare cozze in Italia ... ma greca ed educativa

Pertanto, l’uso combinato di Military Bay e della Carta, con i suoi dodici grandi fogli, potrebbe facilitare la pianificazione di un corpo militare centrale, che sarebbe stato formato dalla Regas al suo arrivo in Grecia, presumibilmente B.

Sebbene il design della mappa sia scadente per i dati odierni, non è affatto inferiore alla cartografia, i grandi cartografi dell’epoca. Inoltre, il lavoro di Regas deve essere valutato dal punto di vista di un famoso comunicatore obiettivo diretto, che possedeva in modo eccellente, per raggiungere l’obiettivo dell’illuminazione popolare e non perdersi in dettagli insignificanti.

Un’eco dei popoli dei Balcani

Tuttavia, è interessante apprezzare l’effetto dell’appello Regas sulle popolazioni balcaniche non greche.

Forse non è un caso che il suo statuto coprisse l’intera penisola balcanica con le sue isole e l’Asia Minore occidentale, una regione che riecheggiava le ambizioni dei Fanarioti e la memoria del ristabilimento di Bisanzio, soprattutto per quanto riguarda gli imperatori bizantini. Come ha parlato nella sua proclamazione rivoluzionaria nel 1797:

“… le persone che vengono dai Greci e che vivono a Rumeli, in Asia centrale, sulle isole dell’arcipelago, in Vlashopogdania … e tutti coloro che si lamentano … sotto il dominio ottomano.”

Il potere risuonerà con le persone che esercitano attraverso istituzioni democratiche. Tuttavia, nonostante la sua insistenza sull’uguaglianza di tutte le razze, prevaleva il carattere greco di questa nuova nazione, con l’indicazione che il greco sarebbe stato la lingua ufficiale.

Le ripercussioni di queste idee furono piuttosto piccole tra i popoli degli altri Balcani, e Regas era considerato da loro un nazionalista greco.

Era un tempo per la nascita e la fermentazione delle coscienze nazionali.

Prima di Regas, nel 1762, il pioniere del nazionalismo bulgaro, IstoriiaSlavenobolgarkaia, era molto critico nei confronti dell’emergente borghesia bulgara, in cui scriveva: “… ci sono quelli” che “ricorrono a metodi e lingue straniere. A loro non importa la loro lingua bulgara, ma cerca di leggere e parlare. In greco e si vergognano di chiamarsi bulgari “.

L’ampia visione di Regas era in anticipo sui tempi e la sua rivoluzione era considerata particolarmente pericolosa. I disordini che ha causato ai livelli più alti del governo austriaco sono stati notevoli. La sua attività fu riferita direttamente all’imperatore Francesco II e il suo arresto immediato (Trieste 1797) e la resa agli ottomani dimostrarono la gravità delle preoccupazioni degli austriaci per l’equilibrio instabile nei Balcani.

Regas ei suoi compagni furono strangolati a Belgrado nel giugno 1798 e da allora sono stati coperti di leggende.

* Il signor Nikitas Seamus è un economista e analista geopolitico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *