Questo teschio appartiene a una balena predatrice e carnivora che terrorizzò l’oceano 36 milioni di anni fa

Un teschio completo di Basilosauro è stato trovato nel deserto peruviano. Il fossile, lungo più di un metro, porta ancora i denti pieni di questo mostro marino e potrebbe aiutare a descrivere una nuova specie.

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] Intervista: Come si formano i fossili di dinosauro?
I fossili sono gli unici resti di dinosauri sopravvissuti fino ai nostri giorni. È da questi resti che gli scienziati possono sperare di comprendere questi antichi animali. Futura-Sciences ha intervistato il paleontologo Eric Buffett per saperne di più sulla loro formazione.

Il balene attuali Non è simile alla specie che è il gruppo genitore dei cetacei. Questi mammiferi avevano già antenati terrestri che iniziarono a invadere l’ambiente marino circa 50 milioni di anni fa. antiche forme d’acqua cetacei Includono anche specie carnivore giganti il ​​cui comportamento potrebbe aver permesso loro di essere tra i più grandi predatori marini del loro tempo. Alcune di queste specie sono classificate all’interno della u, e alcuni esemplari possono essere lunghi fino a 20 metri e pesare circa 60 tonnellate. Questi predatori marini erano conosciuti grazie alla scoperta di elementi scheletrici, ma non sono ancora conosciuti Cranio È completamente descritto.

Un nuovo tipo di “mostro marino”?

Il fossileun cranio pieno di basilosauroEra Esplora nel deserto Da Ocucaje in Perù alla fine del 2021. Questo teschio lungo 1,35 metri è ora esposto al Museo di Lima.

L’esemplare è stato rinvenuto in un deposito risalente a 36 milioni di anni, che corrisponde alla fine dell’Eocene, in una zona che all’epoca era un mare poco profondo. Doveva essere lungo almeno 12 metri. Avere denti completi e l’intero cranio e mascella inferiore è consentito anche paleontologi che studiano il “predatore okokage” per dire che è diverso da qualsiasi altra specie al mondo e che potrebbe essere una nuova specie. Sulla base dell’esame del suo cranio e dei dati di altri basilosauri, questo “mostro marino” deve essere stato in cima alla rete alimentare e si è nutrito in particolare di mammiferi marini e squali.

Interessato a quello che hai appena letto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.