Queste immagini mostrano l’incredibile progresso del telescopio James Webb nell’infrarosso

Altri telescopi a infrarossi osservarono l’universo prima di James Webb. Un confronto delle immagini di SETI mostra chiaramente gli incredibili progressi compiuti in due decenni con questi osservatori.

Ogni giorno che passa ci avvicina all’inizio della missione scientifica di Telescopio spaziale James Webb (JWST). I suoi maestosi specchi ora sono allineati, ma l’osservatorio non è ancora pronto per entrare nell’universo. Sarà nell’estate del 2022. Nel frattempo, possiamo già ammirare Le prime foto ottenute da James Webbnonché un progresso rispetto ai suoi predecessori.

Così ha fatto l’Istituto SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence) Condividere Il 2 maggio 2022, confrontando le opinioni ottenute da diversi osservatori nel campo della radiazione infrarossa (un tipo di onda elettromagnetica). James Webb può osservare il medio infrarosso, cioè nel passato dell’universo più di quanto possa, per esempio, Hubble, che va solo nel vicino infrarosso.

Viste ottenute da telescopi a infrarossi. // fonte : Tramite Twitter @SETI Institute

Da WISE a Webb, un’evoluzione sorprendente

SETI mostra l’evoluzione tra 3 telescopi infrarossi:

  • WISE (Wide Field Infrared Survey Explorer), un telescopio spaziale lanciato nel 2009 e ancora operativo. permesso di studiare asteroidi o qualche stelle Appena visibile.
  • Spitzer, un telescopio spaziale lanciato nel 2003 e la cui missione è terminata nel 2020. È stato utilizzato per monitorare la formazione di galassie Così come la nascita delle stelle e pianeti.
  • e James Webb, lanciato nel dicembre 2021.

L’Istituto determina che le foto siano classificate in base a Definizione di. ” WISE non precede Spitzer, ma come indagine a cielo pieno la sua definizione era più piccola “, SETI dettaglia nel suo tweet. In effetti, le stelle appaiono come grandi punti sfocati nell’immagine WISE, rispetto alle stelle più nitide nella visione di James Webb.

READ  Scoperta di un processo che porta a esplosioni di supernova ed esplosioni radio cosmiche nel sito di PPPL

Dalla sua posizione nello spazio, a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra, James Webb sarà in grado di raggiungere l’intero cielo. Tuttavia, ci vorrà del tempo per coprire il 100% del cielo (6 mesi), perché gli strumenti del telescopio devono rimanere freschi, sotto lo scudo termico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.