Potrebbero esserci vulcani attivi sul pianeta rosso

Recenti depositi vulcanici in eruzione attorno a una fessura nel sistema Cerberus Fossae. NASA / Jet Propulsion Laboratory / MSSS / Murray Laboratory

La superficie di Marte è ricoperta di fessure e cicatrici che indicano che il pianeta era una volta tettonicamente attivo, con attività sotto la superficie che formava strutture come Valli e trincee. Ma la maggior parte di questa attività si è verificata miliardi di anni fa e si ritiene che Marte sia ora in gran parte inattivo.

Tuttavia, una nuova ricerca sfida questa ipotesi, mostrando la prova che i vulcani potrebbero essere scoppiati su Marte negli ultimi 50.000 anni. Gli astronomi del Lunar and Planetary Laboratory dell’Università dell’Arizona e dell’Istituto di scienze planetarie hanno esaminato i dati dell’orbita di Marte e hanno trovato un deposito vulcanico recentemente scoperto nel sistema di Cerberus Fossae nella regione dell’Elysium Planitia che ritengono sia più piccolo dei sedimenti scoperti in precedenza.

Il coautore dello studio Geoff Andrews-Hana V. dichiarazione. “I sedimenti erano diversi da qualsiasi altra cosa nella regione, o addirittura su tutto Marte, ed erano più simili alle caratteristiche che erano state causate da antiche eruzioni vulcaniche sulla Luna e Mercurio”.

Le prove della formazione di materiale indicano che si è formato relativamente di recente quando il magma è esploso dalla superficie a causa dell’espansione dei gas sotto la superficie. Sarebbe stato un evento drammatico e avrebbe potuto inviare ceneri volanti per sei miglia nell’aria.

“Questo potrebbe essere il più piccolo deposito vulcanico che sia stato documentato finora su Marte”, ha detto l’autore principale David Horvath. “Se dovessimo comprimere la storia geologica di Marte in un solo giorno, sarebbe successo all’ultimo minuto”.

READ  La NASA condivide l'abbagliante nebulosa che aiuta a creare la prossima generazione di stelle

Il sito di deposito si trova a circa 1.000 miglia dall’InSight Lander della NASA. InSight utilizza il suo sismometro per studiare PaludiE, durante il suo periodo di osservazione, ha scoperto due paludi che sorsero dalla regione di Cerberus Fossae. Combinato con l’evidenza di sedimenti, questo indica che Marte potrebbe ancora condurre attività sotto la sua superficie di cui prima non eravamo a conoscenza.

“La giovane età di questi sedimenti aumenta sicuramente la possibilità di una continua attività vulcanica su Marte”, ha detto Horvath. “È interessante notare che i recenti terremoti rilevati dalla missione Insight sono stati presi da Cerberus Fusae”.

Questa nuova prova sfida l’ipotesi che Marte sia inattivo. Potrebbero esserci delle circostanze Ospitale per la vita Sotto la sua superficie.

“Sembra che tutti questi dati raccontino la stessa storia”, ha detto Hannah Andrews. “Marte non è morto.”

La ricerca è pubblicata sulla rivista Icaro.

Raccomandazioni degli editori




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *