Negli Stati Uniti, gli esperti di materiali viscosi si stanno rivolgendo ai ricercatori di Oreo – Liberation

Gli scienziati si sono chiesti perché la crema non fosse distribuita uniformemente tra le due parti quando il biscotto ripieno era diviso in due parti. Forniscono un’esperienza di scienza dei cittadini con un “misuratore di impatto” stampabile in 3D.

Puoi ingoiarlo intero in una volta o prendere più morsi. Puoi mangiarlo secco Oppure immergilo in una tazza di caffè, latte o cioccolata calda. Ma soprattutto potete metterlo intero in bocca oppure iniziare aprendolo al centro per un gusto migliore dei biscotti e della crema. Ah, l’arte di mangiare Oreo aveva già fatto fuoriuscire molto inchiostro. Questo è un lavoro serio per questo giornale americano che chiede ai suoi lettori Se immergono l’Oreo prima o dopo averlo aperto a metàma anche per gli studenti del Bronx che guardano il giornale del liceo Se i consumatori con un piccolo morso hanno una personalità introversa…e ci sono veri scienziati, sia professionisti che pagati, che forniscono le loro macchine da laboratorio per capire i meccanismi di “rottura” di Oreo.

Ecco il punto: chiunque abbia mai preparato dei biscotti da sandwich sa che la crema non si divide in modo uniforme. Prendiamo un lato della torta tra le dita della mano sinistra, teniamo l’altro lato con la mano destra, facciamo un attento movimento di rotazione e … Oreo si apre, ma il ripieno rimane attaccato al lato. È possibile farlo aderire a entrambe le estremità contemporaneamente? E se la risposta è sì, allora come? Solo gli esperti possono rispondere a questa domanda, come questi quattro ricercatori in reologia – lo studio dei materiali appiccicosi – del Massachusetts Institute of Technology (MIT), che ha pubblicato questa settimana I loro risultati sono sulla rivista scientifica fisica dei fluidi.

READ  Un fenomeno climatico insolito: il grano

Misurazione dello spessore della crema

Per loro Oreo è giusto “Un tipico reometro in cui un campione di un liquido, la crema, viene catturato tra due piastre parallele, le scaglie”. Va bene: è una materia di studio perfetta per la macchina che chiamiamo pendenzaResponsabile dell’applicazione di vincoli fisici a un liquido pressurizzato tra due piastre per determinarne la viscosità Velocità di taglio. I ricercatori hanno inserito Oreo nella scala di regressione e li hanno aperti più e più volte. Il 95% degli Oreo è separato dalla crema che si attacca solo su un lato.

Gli scienziati hanno misurato lo spessore della crema in diversi biscotti, modificando la velocità di rotazione delle patatine l’una rispetto all’altra. Hanno concluso che non era di alcuna utilità. “Distribuire la panna nella classe dei biscotti” Non dipendono da questi fattori, ma a quanto pare “Determinato dal livello di viscosità preesistente tra la crema e ogni cialda.” In altre parole, i dadi vengono lanciati in fabbrica, quando l’Oreo è assemblato: il modo in cui sono fatti i biscotti significa che il ripieno è legato meccanicamente meglio dell’altro lato. I ricercatori hanno scoperto che tutti gli Oreo nella stessa borsa tendono ad avere lo stesso lato (in alto o in basso) che è più appiccicoso dell’altro. Perché viene prodotto in grandi quantità e riposto nella busta nella stessa direzione.

Rottura di coesione e burro di arachidi

I nostri quattro reologi – o meglio “meteorologi” come si definiscono ora – hanno delle idee per separare la crema in modo omogeneo: notano che Le tortiere conservate in condizioni non ottimali (temperatura e umidità più elevate) mostrano un’interruzione della coesione causando la rottura della crema a metà. Per comprendere appieno la fisica di Oreo, sarà necessario approfondire lo studio attraverso la variazione scientifica dei fattori di temperatura e umidità.

READ  Per la prima volta, i fisici rilevano segni di neutrini al Great Hadron Collider

Per questo, i ricercatori suggeriscono di coinvolgere il grande pubblico: alla fine del loro studio, offrono piani open source per Crea il tuo “Orometro” con una stampante 3D. Macarons, tramezzini con biscotti al burro di arachidi… Con questa macchina tutti possono introdurre nuovi organismi di studio per scoprire la reologia a casa propria. E chissà: se in pochi anni riescono a reclutare abbastanza nuovi giovani appassionati di meccanica dei fluidi, potrebbero volerci “Per lo sviluppo del Dipartimento di Meteorologia all’interno della Società di Reologia”Godetevi i ricercatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.