Mario Draghi alla presidenza dell’Italia, uno scenario che temono i mercati

La fulminea ascesa dell’Italia sotto l’egida di Mario Draghi, che ha portato a un nuovo “miracolo economico”, è destinata alla fine? Gli obiettivi del presidente del Consiglio per la carica di presidente della repubblica fanno sudare freddo agli ambienti politici ed economici.

Un tale passaggio di Draghi, da “Super Mario” salvatore dell’eurozona, e poi dell’Italia, a “nonno al servizio delle istituzioni”, come lui stesso ha definito, è visto dalla maggior parte degli analisti che lo favoriscono. Attaccato alla sua attuale posizione a Palazzo Chigi.

È la paura di una sedia vuota. Chi potrebbe sostituirlo se Mario Draghi, 74 anni, succede a Sergio Mattarella, il cui mandato scade il 3 febbraio, per garantire la sopravvivenza di un’alleanza diversificata il cui mandato durerà fino al 2023?

Jesus Castillo ha detto all’Afp: “Il pericolo è grande, almeno nel breve termine. È Mario Draghi a preservare l’unità di questo governo e non c’è nessuno nella scena politica italiana oggi che possa succedergli e garantire questa coesione”. , economista presso Natixis.

Il Presidente Sergio Mattarella saluta il pubblico al Teatro alla Scala di Milano, 7 dicembre 2021 (Ufficio Stampa del Quirinale/AFP – Dispensa)

Inoltre, “se diventa presidente, assisteremo molto rapidamente a un blocco politico e forse a elezioni anticipate”, afferma.

Le elezioni sono nel momento peggiore, perché l’Italia “deve rispettare un’agenda di riforme molto rigida per ricevere i soldi” del piano europeo di ripresa di cui è il principale beneficiario di quasi 200 miliardi di euro.

– ‘Fattore di instabilità’ –

L’uscita dal governo di Mario Draghi sarebbe “un fattore di instabilità e avrebbe gravi ripercussioni sia sull’attuazione del piano di ripresa” che “sulla fiducia degli investitori”, teme Giuliano Nossi, docente di strategia al Politecnico di Milano.

READ  Sfakia - Una coppia olandese persa sotto la pioggia - salvata dai vigili del fuoco

Ha affermato che lo spread e il divario attentamente osservato tra il tasso di debito italiano e il tasso di riferimento tedesco a 10 anni, che è diminuito drasticamente quando Draghi è entrato in carica un anno fa, “aumenterà in modo significativo, almeno nel breve termine”. Agenzia di stampa francese.

La banca d’affari statunitense Goldman Sachs, datore di lavoro di Mario Draghi dal 2002 al 2005, ha tirato fuori il calcolatore: le sue dimissioni dal governo potrebbero ridurre del 50-75% l’utilizzo effettivo dei sussidi europei di 39 miliardi di euro previsto nel 2022.

Sede di Goldman Sachs nell'aprile 2019 a New York (AFP/Archives - Johannes Ezell)

Sede di Goldman Sachs nell’aprile 2019 a New York (AFP/Archives – Johannes Ezell)

La banca avverte che “i ritardi nell’attuazione del piano di stimolo e delle riforme” potrebbero avere “un impatto significativo sui mercati” e rallentare la crescita economica dell’Italia.

La crescita dovrebbe superare il 6% nel 2021, senza precedenti dagli anni ’60, dopo che il PIL è sceso dell’8,9% nel 2020.

Draghi ha affermato che, sebbene l’Italia abbia fatto un uso improprio dei fondi dell’UE, nel 2021 ha “raggiunto tutti i 51 obiettivi” concordati con Bruxelles. Nelle sue parole, sono state gettate le basi per consentire al governo di attuare le riforme “non importa chi” è al timone, ma solo se ha il sostegno della “maggioranza più ampia possibile”.

– Trattative bloccate –

L'ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a Milano nel settembre 2020. (AFP / Archivi - Piero CRUCIATTI)

L’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a Milano nel settembre 2020. (AFP / Archivi – Piero CRUCIATTI)

È qui che colpisce la scarpa: mentre il primo turno di votazioni parlamentari per eleggere il successore di Sergio Mattarella è fissato per il 24 gennaio, la trattativa tra le parti è a un punto morto.

READ  Hanno arrestato una banda che trasporta illegalmente migranti dalla Grecia all'Italia in barca

Il principale punto critico, la candidatura di Silvio Berlusconi, che ha 85 anni, sogna di diventare presidente nonostante le sue numerose battute d’arresto legali. Per bloccare la portata di Draghi, questa figura colorita gli ha fatto sapere che il suo partito Forza Italia (a destra) lascerebbe la coalizione se il suo rivale fosse eletto presidente.

Nonostante l’enorme prestigio di Draghi in Italia e in Europa, il suo percorso verso il palazzo presidenziale sembra essere disseminato di insidie. “È tutt’altro che presidente. Berlusconi è un animale politico che ha ucciso mille volte e ogni volta torna”, ha detto un analista che ha preferito non essere nominato.

Chiamato in soccorso nel febbraio 2021 per succedere a Giuseppe Conte e far uscire il Paese dalla crisi sanitaria, Draghi lascerà la nave in mezzo alla recrudescenza della pandemia di COVID-19.

Ma c’è chi vuole ancora crederci, Draghi non andrà lontano. «Per il bene del Paese, mi auguro che rimanga a Palazzo Chigi e venga eletto presidente della Commissione europea nel 2024», dice il professor Nossi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *