Macron ‘a tutti i costi’ contro i suoi partner europei

22 dicembre 2021

Sulla scia della pandemia di Covid-19, molti paesi hanno aumentato drasticamente il proprio debito pubblico per contrastare il calo delle entrate fiscali e per finanziare misure di aiuto di emergenza a sostegno dell’economia. Con le restrizioni, l’attività economica è crollata e alcuni settori sono stati gravemente colpiti dall’epidemia: commercio, alberghi e ristoranti.

In Francia, “a qualunque costo” ha portato a un aumento del disavanzo pubblico al 9,2% del PIL nel 2020 e all’8,2% nel 2021. Certo, l’epidemia ha colpito tutti i paesi e il rapporto debito/PIL è aumentato ovunque, ma fino a che punto? I paesi europei hanno fatto lo stesso “a tutti i costi”?

Alcuni economisti ritengono che l’aumento del debito non sia un problema in un contesto di tassi di interesse molto bassi. In dieci anni, il tasso di interesse sul debito della Francia è attualmente intorno allo 0%, mentre questo tasso ha superato il 4% durante la crisi finanziaria del 2008. Per questi economisti, una diminuzione dei tassi di interesse in questo contesto gioca un ruolo più importante di un aumento del debito .

Tuttavia, la domanda è se i tassi rimarranno permanentemente bassi. Se l’inflazione rimane alta e la crescita economica è abbastanza forte, la probabilità di un aumento dei tassi sarà alta. I paesi i cui tassi di indebitamento sono considerati troppo alti dai mercati rischiano una crisi del debito.

Anche le discussioni sulle regole di bilancio europee per la zona euro svolgeranno un ruolo chiave. Dal 2020, di fronte alla pandemia, la Commissione Europea ha sospeso il Patto di Stabilità fino alla fine del 2022. Gli Stati membri non devono più mantenere i propri disavanzi pubblici al di sotto del 3% del PIL e ridurre il proprio debito al di sotto dell’obiettivo del 60%. del PIL.

Diversi Stati membri, tra cui la Francia, chiedono oggi una revisione del patto di stabilità. Suggeriscono di escludere gli investimenti futuri dal calcolo del deficit pubblico o di creare nuove regole per questo accordo. Tuttavia, i paesi nordici non sono favorevoli a questo allentamento dell’accordo di stabilità. Christian Lindner, il nuovo ministro delle finanze tedesco, è un sostenitore dell’ortodossia di bilancio, dichiarando che “Germania È ancora un sostenitore delle finanze forti e ha una responsabilità speciale in Europa». Molti paesi del nord dell’UE sono sulla stessa linea politica.

READ  In Italia, la caduta del banchiere Jean-Pierre Mostier

In questo contesto si pone la domanda se l’aumento dell’indebitamento dopo la pandemia non abbia indebolito alcuni Paesi. È anche discutibile se questo aumento sia lo stesso per tutti gli Stati membri dell’UE. In tal caso, sarà più facile trovare una posizione comune. Tuttavia, come dimostreremo, i paesi più indebitati prima della crisi del Covid-19 erano i più permissivi nella gestione delle finanze pubbliche di fronte al Covid-19, e la Francia ancora una volta si è messa nel campo dei cattivi studenti.

Enorme aumento del debito pubblico

I miliardi di euro spesi durante la crisi del Covid per mantenere le nostre macchine produttive e il nostro tenore di vita hanno portato a un forte aumento del debito pubblico francese: 17 punti di PIL secondo la Commissione europea tra il 2019 e il 2021. Questo aumento mette la Francia direttamente dietro la Spagna di 25,1 punti di PIL prodotto, Grecia 22,2 punti di PIL e Italia 20,1 punti di PIL.

E i paesi che hanno aumentato di più il loro debito sono i paesi che erano già più indebitati prima della crisi sanitaria: Grecia, Spagna, Italia, Francia e Belgio. Il Portogallo è un po’ un’eccezione, con un moderato aumento del suo debito.

Si allarga così il divario tra questi Paesi del Sud e i Paesi più virtuosi la cui relativa virtù è stata preservata durante la pandemia. Questi sono i paesi dell’Unione Europea tradizionalmente noti per le loro pratiche “parsimoniose”, Germania, Austria, Paesi Bassi, Svezia, ma anche i paesi dell’Europa centrale e orientale: Romania, Repubblica Ceca, Polonia, Ungheria. La Francia è chiaramente uno dei cattivi discepoli.

La Germania si è avvicinata alla crisi del Covid con un debito inferiore alla media dei grandi paesi europei (58,9% del PIL contro 79,4) e anche l’aumento del suo debito misurato in punti di PIL è inferiore alla media europea (12,5 contro 14,03) . Pertanto, l’esplosione del debito pubblico non era necessariamente inevitabile nel periodo della crisi sanitaria.

READ  Germania, Italia, Belgio... Omicron è stato scoperto in diversi paesi europei

Tabella 1. Debito pubblico 2019 ed evoluzione 2019-2021

Nota: questa analisi include solo i paesi con una popolazione superiore a 8 milioni. Fonte: Previsioni economiche europee, Commissione europea, novembre 2021

Inoltre, con la campagna elettorale presidenziale in Francia, stiamo assistendo a un’escalation delle promesse di bilancio, che rischia di deteriorare ulteriormente il debito francese. Questa nostra situazione finanziaria pubblica preoccupa il governatore della Banca di Francia, François Villeroy de Gallo, il quale ha affermato: “Sarebbe avventuroso basare la nostra strategia di bilancio pubblico sul mantenimento eterno di tassi bassi” (9 luglio 2021, lettera a il presidente). Da parte sua, l’Audit Bureau ha sottolineato che il percorso del debito a sei “non è in linea con la maggior parte dei nostri partner europei” (Relazione sulla finanza pubblica, 22 giugno 2021)

Con il Covid, peggioramento più pronunciato della bilancia commerciale francese

Un’altra questione riguarda gli equilibri nel commercio internazionale: eccedenze o disavanzi. In qualche posizione relativa la Francia si è avvicinata alla crisi? In che modo questo ha influito sulla bilancia commerciale?

Per il ministro dell’Economia Bruno Le Maire: “Se c’è ora un criterio da mantenere per la salute dell’economia francese nei prossimi anni, è la bilancia del commercio estero. [qui] Ha continuato a diminuire per ventidue anni. È quindi interessante vedere come si è evoluta la bilancia commerciale dei paesi europei di fronte alla pandemia di Covid-19.

Tabella 2. Bilancia commerciale 2019 ed evoluzione del 2019-2021

Nota: questa analisi include solo i paesi con una popolazione superiore a 8 milioni. Fonte: Previsioni economiche europee, Commissione europea, novembre 2021

Dei 14 grandi paesi europei intervistati, poco meno della metà (6 su 14) nel 2019 ha trattato la crisi sanitaria con deficit commerciali: Ungheria, Spagna, Romania, Portogallo, Grecia e Francia. Di questi paesi, solo due hanno visto aumentare i propri disavanzi commerciali durante la crisi: Romania e Francia. Altri hanno trovato una soluzione in modo che il loro deficit commerciale non si allarghi con la crisi sanitaria.

READ  L'Unione Europea cercherà di fermare i flussi migratori di massa dall'Afghanistan

Anche qui la Francia è uno degli alunni peggiori. La domanda, sostenuta da un’importante assistenza finanziaria, ha permesso di mantenere il potere d’acquisto delle famiglie. Tuttavia, la pandemia ha accelerato la domanda di beni a scapito dei servizi (Patrick Artus, il punto25 novembre 2021). A causa della deindustrializzazione in Francia e della chiusura di molte fabbriche durante il contenimento, la domanda si è quindi concentrata su beni importati su larga scala.

Certo, anche la Germania ha visto un deterioramento della sua bilancia commerciale (di 1,1 punti percentuali tra il 2019 e il 2021), ma mentre siamo partiti con un deficit dell’1,4% del PIL (cioè 32 miliardi di euro), la Germania ha iniziato con un avanzo del 6,2% del PIL. PIL (215 miliardi di euro).

La forte crescita economica della Francia nel 2021 e un forte calo della disoccupazione sono dovuti in gran parte all’esplosione della spesa pubblica per sostenere le imprese di fronte alla crisi sanitaria di Covid-19. Questa esplosione ha portato a un forte calo del nostro debito pubblico e della nostra competitività internazionale. Ciò costituisce una quota importante nei prossimi anni per la Francia. Secondo un recente rapporto dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (studi economici francesi, 2021), in assenza di riforme strutturali, il rapporto debito/PIL in Francia potrebbe scendere dal 120 al 150% del PIL nel 2060 , e la situazione diventerà critica in caso di tassi di interesse elevati.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *