Ma come potrebbe formarsi il ghiaccio su James Webb nello spazio?

Può sembrare sorprendente, ma il ghiaccio può formarsi sui componenti del telescopio James Webb, anche nello spazio. Come è possibile e cosa sta facendo la NASA per ridurre i rischi?

gradualmente, Telescopio spaziale James Webb (JWST) Modifica la sua “visione” del nostro universo. L’osservatorio è stato lanciato nello spazio alla fine del 2021 e sta allineando i suoi specchi. Dovrebbe essere pronto per le sue attività scientifiche nell’estate del 2022. Ciò include il raffreddamento del telescopio, progettato per funzionare nell’infrarosso.

Uno dei suoi strumenti, MIRI (che deve essere monitorato nel medio infrarosso), richiede una temperatura di esercizio inferiore a -266°C. Così, come indicato NASA il 30 marzo 2022, dotato di frigorifero. ” Ma richiede anche radiatori per controllarne il raffreddamento e prevenire la formazione di ghiaccio nello spazio. Aggiunge l’agenzia. Si potrebbe essere sorpresi dal fatto che il ghiaccio possa formarsi in questo modo sull’osservatorio, proprio nel mezzo dello spazio.

Ma da dove viene quest’acqua?

Per capirlo, devi tornare un po’ indietro nel tempo a quando è stato lanciato JWST. ” L’aria umida è intrappolata tra i componenti, come le pellicole per la protezione solare e i loro numerosi strati isolanti “,” evidenziato agenzia spaziale. A questo vanno aggiunti i materiali dei telescopi in grado di assorbire il valore dell’acqua contenuta nell’atmosfera terrestre. ” La maggior parte di quell’aria è fuoriuscita solo 200 secondi dopo il decollo, ma è rimasta un po’ di umidità ‘, integra la NASA.

Configurazione dello strumento MIRI. //fonte: NASA/Chris Jean; Didascalia: NASA/Rob Gutro (immagine ritagliata)

Nello spazio, l’acqua non si comporta come noi pianeta. ” In un vuoto perfetto, l’acqua può esistere solo come gas, ma anche lo spazio non è un vuoto perfetto. “,” spiegare agenzia spaziale. In quest’altro ambiente, l’acqua si svuota (perde gas) al di sopra di -113 °C (160 K). ” Se le molecole d’acqua galleggiano ed entrano in contatto con una superficie più fredda di 140°C, [ndlr : -133°C]Si attaccheranno ad esso sotto forma di ghiaccio e non esploderà mai. Questo è molto importante per evitare il telescopio Webb “,” Conferma Nasa.

READ  Un'azienda americana di biogenetica vuole far rivivere i mammut

Per non trovarsi in questa situazione, la NASA ha pianificato di raffreddare James Webb, una volta dispiegato lo scudo termico. L’abbassamento delle temperature è stato gestito con cura e l’ordine in cui raffreddare gli ingredienti non è stato scelto a caso. ” Ciò ha permesso all’acqua di fuoriuscire nello spazio invece di congelarsi sui componenti sensibili. »

Per quanto riguarda MIRI, il frigorifero è responsabile del trasferimento del calore sull’altro lato dell’aletta parasole James Webb, dove fa caldo. È necessario smaltire l’acqua per raffreddare adeguatamente il MIRI, oppure stoccare l’acqua nelle aree previste a tale scopo. So che puoi continuare In linea Raffredda questo strumento. L’obiettivo è quello di raffreddare il MIRI sotto i 6 K (-270°C), senza “rovinarlo” facendo congelare l’acqua su questo strumento – da qui l’importanza di avere una tecnica di riscaldamento adeguata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.