L’Unione Europea e le PMI a Cipro

Vieni su Google News


Scritto dal Dott. Ambrogio Prodromos*

Nella nostra precedente conversazione abbiamo fatto riferimento alla scheda informativa annuale SBA dell’Unione europea sulla performance delle piccole e medie imprese (PMI) nell’Unione per il 2020, un anno segnato dall’impatto della pandemia. La relazione annuale ha inoltre elaborato una serie di questioni identificate nelle PMI in tutta l’Unione e, nonostante le valutazioni nei 27 Stati membri, la maggior parte dei problemi sono comuni e dovrebbero pertanto essere comuni. Politiche da sviluppare nell’Unione per affrontarli. Naturalmente in questo approccio deve esserci una comprensione delle circostanze speciali che esistono in ogni paese.

Ci sono molte informazioni sulle PMI nella Repubblica di Cipro, anche se per la prima volta il rapporto annuale non si concentra molto sulle prestazioni di ciascun paese, ma cerca di fornire un approccio più completo a causa della pandemia e dell’economia parallela. deflazione, sia nell’Unione che nel mondo. Un elemento chiave è che durante la pandemia, la Repubblica di Cipro ha attivato una serie di misure, che in alcuni casi erano comuni nella maggior parte dei paesi, ma in altri i media sono considerati insufficienti, poiché non c’è coerenza che lasci le aziende esposte. .

Per quanto riguarda le integrazioni salariali, la Repubblica di Cipro, come altri Stati membri (ad eccezione di Estonia e Finlandia), ha posto un accento particolare su questo settore, seguendo e sostenendo adeguatamente le raccomandazioni della Banca centrale europea (BCE). dipendenti. Ciò ha avuto conseguenze positive legate alla conservazione del posto di lavoro, che altrimenti avrebbe potuto essere perso con danni incommensurabili all’economia complessiva dello stato. Si ritiene pertanto corretto l’allineamento con la policy della Banca Centrale Europea. Ciò che dovrebbe essere considerato, e non fa parte del rapporto, è l’efficacia delle misure, poiché molte di esse sono chiare e accettabili anche per i membri del governo che non hanno soddisfatto le esigenze della società e non hanno avuto alcuna coerenza logica e continuità.

READ  La pandemia ha esacerbato la disuguaglianza della ricchezza, ma non in Francia

La relazione dedica particolare attenzione ad un altro importante tema delle piccole e medie imprese, ovvero l’imposta sulle società e, più specificamente, la dilazione del suo pagamento. Purtroppo la pratica della Repubblica di Cipro non è stata rimandata e il nostro Paese è stato uno dei tre che non l’hanno fatto su 27 (insieme a Lituania e Malta). Di conseguenza, molte piccole e medie imprese, soprattutto in settori come quello turistico, le cui attività sono chiuse da diversi mesi, stanno vivendo un gravissimo problema di liquidità, aggravato dal rifiuto delle banche di fornire più liquidità e /o prestare.

Il problema del pagamento della previdenza sociale è simile, poiché la Repubblica di Cipro è stata ancora una volta uno degli unici cinque Stati membri dell’unione (insieme a Irlanda, Lettonia, Lituania e Romania) che non hanno attuato una politica minima in relazione al problema minimo . Sfortunatamente, questo è completamente intrecciato con la questione dell’imposta sulle società e le disposizioni necessarie devono essere prese molto presto, soprattutto per le piccole e medie imprese che sono state colpite da decisioni statali e che le hanno private del diritto al lavoro. Per Cipro, e soprattutto per le aziende del settore turistico, questo è assolutamente disastroso e non offre grandi prospettive per le aziende. Visto il piccolo giro d’affari per due anni consecutivi, il crollo di molte aziende è purtroppo una conclusione scontata. Per chi è vicino al settore è particolarmente visibile e lo Stato più che essere un aiuto crea più problemi con le cause, anche con la reclusione.

Un altro problema che devono affrontare le PMI nella Repubblica di Cipro, identificato analizzando le pratiche di altri paesi, è il problema del loro supporto tecnologico e digitale attraverso varie azioni della macchina statale in collaborazione con il settore privato. Alcuni esempi che il Ministero dell’Innovazione può facilmente citare, citati nel rapporto (p. 119), sono quelli di Austria, Italia e Francia. Questi tre paesi hanno collaborato perfettamente con il settore privato e altri attori per poter dare alle PMI l’opportunità di adattarsi alle crescenti esigenze di modernizzazione digitale delle loro operazioni. Questo è un enorme divario che la Repubblica di Cipro deve comprendere, poiché è direttamente correlato alla sopravvivenza delle PMI ma anche alla loro competitività e produttività. Allo stesso tempo, le stesse aziende devono prestare la necessaria attenzione e spingere in questa direzione, perché è un’esigenza strategica e sarà in grado di fornire loro garanzie di sviluppo sostenibile.

READ  Tunisia [Vidéo]: La questione rifiuti in Italia, conferenza stampa per gli avvocati di Sousse sulla situazione del loro collega arrestato

Quanto sopra sono solo alcune delle tante cose da capire, analizzare e prendere le giuste decisioni per aiutare le piccole e medie imprese. Il rapporto annuale è uno strumento importante nelle mani dello Stato e dei media e deve essere utilizzato correttamente. Sebbene il rapporto sia stato preparato su una base diversa a causa della pandemia, le informazioni fornite sono significative. Purtroppo molte aziende sono andate distrutte, in quanto i decreti erano completamente al di fuori di ogni logica economica, e noi abbiamo espresso sin dall’inizio la nostra forte opposizione. Purtroppo avevamo ragione.

* Accademico – Consulente educativo e aziendale

[email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *