L’operazione “Cancella il memorandum con la Turchia” che Mitsotakis ha effettuato in Libia

Il primo ministro, Kyriakos Mitsotakis, ha fatto riferimento alle relazioni tra Atene e Tripoli, al memorandum turco-libico illegale, nonché alla chiara posizione della Grecia sulla sua cancellazione, nelle dichiarazioni congiunte con il primo ministro libico ad interim, Abdel-Hamid in Amido.

Il signor Mitsotakis ha sottolineato che la visita in Libia è accompagnata da una doppia ripresa, un nuovo inizio per lo stesso paese e le relazioni bilaterali con la Grecia.

Ha spiegato che “La base per il nuovo punto di partenza delle nostre relazioni è l’onestà, il dialogo e la fede nei principi di legittimità internazionale, e questo significa cancellare gli errori del periodo precedente.».

In questo contesto, il Primo Ministro ha affermato:La condizione per qualsiasi progresso è il ritiro immediato e completo delle forze straniere dal tuo territorio. È molto importante per noi abrogare i documenti illegali che alcune persone presentano come accordi internazionali, ma per noi non hanno valore legale, come ha deciso esplicitamente il Consiglio europeo.».

Il signor Mitsotakis ha affermato che tutti i paesi europei hanno chiesto il ritiro delle forze straniere e ha sottolineato:

«La Grecia e l’Italia hanno recentemente concluso accordi legali sulla definizione delle aree marittime e delle acque territoriali. Quindi il simbolismo è molto potente: gli amici della Libia sono dalla sua parte, non lontano da essa. Inoltre – come abbiamo discusso – la regione europea più vicina ad essa è Javdos e il territorio nazionale di Creta. Infine, signor Primo Ministro, è la geografia a definire il quadro delle nostre relazioni bilaterali, non le linee artificiali che alcuni tracciano sulle mappe.

» Pertanto, accolgo con favore il tuo desiderio di poter discutere questioni relative alla delimitazione delle aree marine direttamente e bilateralmente – come dovremmo fare come paesi vicini – e di continuare il dibattito che si è interrotto nel 2010. Sempre per quanto riguarda il diritto internazionale, che è la bussola con cui paesi amici come questo risolvono le differenze».

READ  "La vaccinazione dei gruppi vulnerabili sarà completata nelle prossime settimane".

Il signor Mitsotakis ha anche sottolineato nella sua dichiarazione che “Il mio obiettivo principale è sottolineare la riapertura dell’ambasciata come pietra miliare nella ripresa dinamica delle relazioni greco-libiche e trasmettere un messaggio di sostegno agli sforzi della Libia per la pace e il progresso all’interno dell’Unione europea e delle Nazioni Unite.».

Il Primo Ministro ha anche indicato che la Grecia si schiererà con la Libia sulla strada per libere elezioni.

“È ora, credo, di lasciare ciò che le nostre relazioni hanno visto in passato. Proprio come il Consolato generale greco a Bengasi seguirà l’Ambasciata a Tripoli, la nostra cooperazione in tutte le aree può essere sviluppata rapidamente. Gli sviluppi nell’ultimo decennio potrebbero avere ha limitato le nostre relazioni economiche “. Infatti, la presenza di imprese greche in Libia non è mai cessata.” Oggi, con la stabilità della situazione politica nel Paese, questo interesse è tornato “.

“Andato in Libia”

Il signor Mitsotakis ha affermato di aver discusso con Abdelhamid Diba le prospettive di cooperazione in settori come l’energia, l’edilizia, i trasporti marittimi e la salute, ma anche in altri settori, come il turismo, l’istruzione e la cultura, dove si potrebbe fare molto.

“Certo, il pieno ripristino della nostra cooperazione energetica giocherà un ruolo pionieristico. Che, infatti, può estendersi alle energie rinnovabili e all’interconnessione elettrica, dove oggi ci sono ottime opportunità di investimento pubblico e privato. Come, ovviamente, il nostro collegamento tradizionale è il collegamento di difesa e sicurezza. Primo ministro, più di 280 ufficiali libici si sono diplomati nelle scuole delle forze armate greche negli ultimi decenni.Mentre presso il Centro di protezione marittima, i funzionari della guardia costiera libica sono stati formati e istruiti, il che è di particolare importanza geopolitica, poiché la Guardia Costiera svolge un ruolo di primo piano nel fermare gli afflussi. Immigrazione. Pertanto, la nostra cooperazione qui ha anche forti radici e un ampio futuro “.

READ  Italia: parziale allentamento della moderazione e cautela delle politiche di DW

Nella conclusione del suo discorso, Mitsotakis ha affermato che le relazioni greco-libiche sono iniziate 2.600 anni fa, da quando i viaggiatori da Santorini sono arrivati ​​sulle sue coste per stabilire Kyrenia, dopo Bengasi e la Pentapoli greca. Poi qui abbiamo piantato una rara erba medicinale chiamata “Silvio” che era anche chiamata “Oro di Libia”. “Nel ventunesimo secolo,” l ‘”oro” dei nostri popoli è la pace, la cooperazione e la prosperità, ha detto.

Constantinos Mitsotakis ha menzionato

Da parte sua, il primo ministro del governo di unità nazionale di transizione della Libia ha ringraziato la piattaforma per le sue dichiarazioni congiunte con il signor Mitsotakis in questa visita e ha fatto riferimento al ruolo che il compianto Konstantinos Mitsotakis ha svolto come primo ministro nel migliorare le relazioni tra la Grecia e la Libia . “Siamo contenti del miglioramento delle relazioni tra i due paesi”, ha detto Abdel Hamid Dabaiba.

Ha sottolineato che c’è una lunga storia di relazioni economiche, commerciali e persino umanitarie tra i due paesi, aggiungendo: “Stiamo lavorando per migliorare le relazioni tra i due paesi e in questo contesto riapriamo l’ambasciata a Tripoli e accogliamo con favore l’apertura di l’ambasciata. Consolato. Speriamo di migliorare i rapporti tra Libia e Grecia nel settore del commercio “.

Riferendosi alle relazioni libiche con la Turchia, Dabaiba ha affermato che “cerchiamo di migliorare le relazioni e continuiamo a incoraggiare i negoziati tra Grecia, Turchia, Libia e Turchia sulla definizione delle zone economiche per continuare la cooperazione nella regione mediterranea”.

Alla fine del suo incarico, il signor Dabaiba ha indicato che il suo paese cerca buone relazioni tra tutti i paesi della regione e ha sottolineato che cerca di raggiungere i suoi interessi attraverso qualsiasi accordo. Ha concluso dicendo: “Ci prendiamo cura degli interessi del nostro paese e del nostro popolo”, come fa ogni paese.

READ  Contactless, metodi di pagamento Star per il 2020

Segui lei Un campione in Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *