Lo scioglimento del ghiaccio marino costringe gli orsi polari a percorrere lunghe distanze in cerca di cibo

Antonio Pagano. Credito: WSU

Negli ultimi anni, gli orsi polari nel Mare di Beaufort hanno dovuto viaggiare lontano dai loro tradizionali territori di caccia nell’Artico, il che ha contribuito a un calo del loro numero di circa il 30%.


Secondo un recente studio sulla rivista, l’areale degli orsi, o la quantità di spazio di cui hanno bisogno per cibo e altre risorse, era circa il 64% più grande dal 1999 al 2016 rispetto al 1986-1998. Oceano.

“Dover viaggiare ulteriormente significa che questi orsi stanno spendendo più energia che potrebbe minacciare la loro sopravvivenza”, ha detto Anthony Pagano, ricercatore post-dottorato presso la Washington State University School of Ecology e autore principale dello studio. ‘Se vogliamo mantenere casa Di questi fantastici mammiferi, poi, dobbiamo concentrarci sulla radice del problema, che sta rallentando cambiamento climatico globale. “

Per lo studio, Pagano e colleghi dell’US Geological Survey hanno utilizzato i dati di localizzazione satellitare per analizzare i modelli di movimento delle femmine di orso polare dal 1986 al 2016 nella regione del Mare di Beaufort, nel nord dell’Alaska.

Il loro lavoro negli ultimi due decenni ha dimostrato che gli orsi polari devono viaggiare molto a nord dei tradizionali terreni di caccia sulla piattaforma continentale per sopravvivere nel loro habitat di ghiaccio in ritirata.

La piattaforma continentale si estende per circa 100 miglia a nord dell’Alaska e del Canada, ed è un habitat di acque poco profonde con abbondanza di pesci per la preda preferita degli orsi, le foche.

durante inizio estate Quando le foche svezzano i loro piccoli e sono più vulnerabili agli attacchi, gli orsi polari spesso raddoppiano il loro peso corporeo mangiando carne grassa.

I dati dei ricercatori mostrano che come il ghiaccio marino sopra piattaforma continentale continua a recedere prima e di più; Gli orsi vengono spostati da questo habitat primario di foraggiamento e si spostano a nord in acque più profonde dove ci sono meno foche da cacciare.

“L’effetto combinato di doversi spostare sempre più a nord con il ghiaccio in estate e poi dover tornare in autunno e in inverno mentre il ghiaccio si congela sta avendo un pesante tributo”, ha detto Pagano. “Il nostro lavoro evidenzia l’impatto preoccupante del ritiro del ghiaccio marino sui modelli di movimento degli orsi polari”.

Un’altra scoperta entusiasmante dello studio è che circa il 20% delle popolazioni di orsi polari nel Mare di Beaufort hanno completamente abbandonato le loro tradizionali zone di pesca nel ghiaccio marino estivo e autunnale. Questi orsi si spostano nell’entroterra lungo la costa dell’Alaska e del Canada in cerca di cibo come carogne, bacche e talvolta carcasse di balene della Groenlandia lasciate a terra dai nativi che cacciavano grandi mammiferi acquatici.

“A volte hai da 50 a 100 orsi polari accalcati intorno a queste carcasse di balene e in competizione tra loro per il cibo”, ha detto Pagano. “Mentre sempre più orsi si spostano sulla terra, penso che ci sarà più concorrenza per queste risorse alimentari e probabilmente inizieremo a vedere più cali in abbondanza e sopravvivenza”.

D’ora in poi, Pagano e i suoi colleghi con l’USGS hanno in programma di condurre ulteriori studi sugli orsi polari che si spostano nell’entroterra per avere un’idea migliore di come si sono acclimatati al loro nuovo habitat terrestre.

Ha detto che il meglio che gli esseri umani possono fare per aiutare a conservare ciò che rimane dell’800 circa South Beaufort Sea Orsi polari È l’attenzione sulla riduzione delle emissioni globali di carbonio che è la causa principale del declino del ghiaccio marino artico.

Un recente lavoro di modellazione ha dimostrato che se vengono emanate normative per ridurre queste emissioni per evitare il riscaldamento globale di oltre 2°C o 3,6°F, ciò potrebbe rallentare significativamente il degrado dell’habitat dell’orso polare nell’Artico, il che a sua volta aiuterebbe questi animali sopravvivere. .

“Attraversare un orso polare mentre si sorvola il Polo Nord in elicottero è un’esperienza fantastica”, ha detto Pagano. “Sono enormi e incredibilmente impressionanti. È incredibile vedere questo animale che si è adattato in modo così unico a stare in questo aspro ambiente artico. Valgono bene lo sforzo necessario per preservarli”.


Ridurre il ghiaccio marino crea una trappola ecologica per gli orsi polari


maggiori informazioni:
Anthony M. Pagano et al, Effects of sea ice degradation and summer land use on the scale of polar bear habitat in the Beaufort Sea, Oceano (2021). doi: 10.1002/ecs2.3768

la citazione: Lo scioglimento del ghiaccio marino costringe gli orsi polari a percorrere distanze maggiori in cerca di cibo (2021, 14 dicembre) Estratto il 14 dicembre 2021 da https://phys.org/news/2021-12-sea-ice-polar-food. html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento leale a scopo di studio o ricerca privato, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

READ  Giunone 'ascolta' Ganimede rivela nuove fantastiche immagini di Giove | I tempi dell'epoca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *