L’Italia punta a guidare l’Europa DW اسة

Non solo un pacchetto di aiuti finanziari, ma “il destino dell’Italia”. È quello che il presidente del Consiglio Mario Draghi chiama un recovery fund con oltre 750 miliardi di euro di risorse europee per far fronte alle conseguenze economiche della pandemia. Le consultazioni con Bruxelles sono proseguite fino a poche ore prima della presentazione del Piano nazionale italiano per il Recovery fund. Alla fine l’ambiguità fu superata, Parlamento e Senato di Roma acconsentirono alle proposte.

Il piano di Draghi non è solo quello di sanare le ferite dell’economia italiana, ma anche di riportare l’Italia al ruolo di protagonista negli sviluppi europei. È stato anche membro fondatore della vecchia Comunità economica europea nel 1957. La presenza congiunta dei Big Four in Europa è stata preparata con cura la scorsa settimana: Italia, Spagna, Francia e Germania hanno presentato congiuntamente le loro proposte per ripristinare il recovery fund in videoconferenza. Il ministro delle finanze tedesco Olaf Solz ha parlato di “un forte simbolo di unità in Europa”.

«Non c’è Europa senza Italia»

Come presidente della Banca centrale europea, Draghi è stato in prima linea nell’affrontare la crisi finanziaria

La presenza dell’Italia tra i potenti in Europa era teoricamente ovvia, ma rara negli anni precedenti. Nonostante i problemi, il paese rimane la terza economia dell’eurozona. “Non c’è Europa senza Italia”, ha detto lo stesso Draghi nel suo primo discorso da quando si è insediato a metà febbraio. “L’Italia è una potenza economica, ma è anche una potenza culturale”, ha affermato l’ex governatore della Banca centrale europea (Bce), inviando un messaggio nell’entroterra nel tentativo di riaccendere i sentimenti europei degli italiani.

READ  Il tono sta crescendo tra gli economisti

“L’Italia è un Paese con un forte orientamento europeista”, ha affermato Tobias Mersell, direttore dell’establishment politico tedesco Friedrich Ebert a Roma. Tuttavia, fa notare che negli ultimi decenni ha mostrato una svolta che lo ha tenuto lontano dagli sviluppi europei. Forse il motivo è stato il dibattito sull’elevato debito e sui tassi di crescita deboli, nonché il timore dell’Italia per le “prescrizioni di austerità” da Bruxelles. Il contraccolpo antieuropeo aveva mobilitato il Movimento 5 Stelle populista, così come il movimento di estrema destra di Matteo Salvini. La loro collaborazione di governo, anche se temporanea, è sembrata un incubo per i tifosi dell’UE nel 2018. I dirigenti di entrambi i partiti ricoprono ancora posizioni ministeriali nel governo Draghi, che, dopotutto, abbraccia un ampio spettro politico. Questo governo è stato accolto con forte scetticismo fin dall’inizio. Tuttavia, Tobias Mersell sostiene che fosse particolarmente importante per l’ex ministro dell’Interno Salvini entrare nel governo, poiché il consueto dibattito tra i partiti politici sul ruolo dell’Unione europea “si è placato”.

Stoico Draghi

Draghi, Mitsotakis in Libia

Un’istantanea dall’ultimo incontro di Mitsutake Draghi in Libia

A differenza del suo predecessore, Giuseppe Conte, il cui governo è stato estromesso tra le polemiche sull’uso del Recovery Fund, Mario Draghi sembra avere pazienza ed equanimità. Da quando è diventato presidente del Consiglio, non ha rilasciato un’intervista esclusiva a un giornale o una televisione italiana. A differenza di altri politici, non usa i social media per commentare gli sviluppi. In Europa, è trattato rispettosamente come il “salvatore dell’euro” durante la crisi finanziaria. La sua promessa nel 2012 passerà alla storia, che avrebbe fatto “tutto il necessario” per salvare la moneta unica europea.

READ  Italia: il premier Draghi vince il voto di fiducia alla Camera dei Rappresentanti - Xinhua

Larry Fink, capo del colosso degli investimenti BlackRock, descrive il primo ministro italiano come una “personalità forte”. In qualità di governatore della Banca centrale europea, Mario Draghi ha partecipato più volte ai vertici dell’UE e fino ad oggi ha mantenuto una preziosa rete di contatti tra i leader europei. “È un politico molto più capace di quanto ci aspettassimo”, ha detto un diplomatico europeo a dpa, aggiungendo che era “importante per l’Italia rimanere un partner affidabile”. Nelle ultime settimane Draghi ha fatto scalpore con le sue dichiarazioni sul vaccino AstraZeneca, così come sul presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che non ha esitato a chiamarlo “dittatore”. Molti partner europei guardano con interesse al forte ruolo del primo ministro italiano in un momento in cui la cancelliera tedesca Angela Merkel saluta la politica attiva, mentre il presidente francese Emmanuel Macron si prepara a una difficile campagna elettorale finalizzata alla sua rielezione nel 2022. Mario potrebbe dare nuova vita a molti progetti europei, a condizione, ovviamente, che rimanga nella posizione di Primo Ministro per un periodo di tempo ragionevole. Ufficialmente, le prossime elezioni parlamentari in Italia sono previste per il 2023.

Johannes Niedecker

A cura di: Giannis Papademetriou

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *