La NASA sarà più esigente con gli astronauti privati

I pochi singhiozzi della missione speciale Ax-1 hanno fornito ai team della NASA materiale di riflessione.

Lo scorso aprile, quattro astronauti alquanto speciali sono saliti a bordo di un razzo per celebrare il loro primo grande volo: sono diventati il ​​primo equipaggio esclusivamente civile a raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale. In generale, il lavoro è andato bene.

Ma alcuni piccoli trabocchetti hanno messo gli attori del progetto di fronte a una dura realtà: diventare un astronauta non poteva essere improvvisato, nemmeno nella nuova era spaziale. La NASA ha imparato le lezioni necessarie.

Un guerriero deve far parte del viaggio

La prima di queste lezioni riguarda le qualifiche dell’equipaggio. Se la missione va bene, è in gran parte dovuto alla supervisione di Michael Lopez-Alegria, un ex astronauta ora in pensione. La sua esperienza è stata preziosa per rassicurare e guidare i suoi compagni di missione, tutti i novizi, durante questa esperienza unica.

La NASA lo apprezza ora Tutte le missioni civili richiederanno un veterano da questo tipo. La persona in questione erediterà sistematicamente il ruolo di capitano, che gli darà alcune responsabilità aggiuntive, ma solleverà il resto dell’equipaggio.

Anche la Stazione Spaziale Internazionale sta iniziando ad aprirsi agli astronauti privati, ma questa transizione comporta cambiamenti nella metodologia della NASA. © Nasa

Processo di pianificazione riprogettato da zero

Anche la Nasa Ripensare la pianificazione della missione Eppure le difficoltà organizzative incontrate da questi novizi. Anche se erano civili, i nuovi astronauti non erano in vacanza. Sono saliti a bordo della stazione con un calendario pieno di esperimenti scientifici. Al loro ritorno, hanno spiegato di aver ridotto le dimensioni del loro programma molto fitto.

Inizialmente, ciò ha impedito loro di completare il programma come previsto. Ma soprattutto ha stabilito anche questo atteggiamento Grande pressione sugli astronauti professionisti Che ha dovuto fare delle concessioni ai nuovi arrivati. ” L’arrivo del personale Axiom sembra aver avuto un impatto maggiore del previsto sul carico di lavoro dell’equipaggio professionale della ISS Ha spiegato Susan Helms, ex astronauta e ora membro del Comitato per la sicurezza.

READ  Il carburante per razzi di Marte potrebbe provenire da un organismo nel nostro intestino

Il risultato: gli astronauti civili del futuro dovranno farlo Presentare i propri progetti di lavoro almeno un anno prima della data di lancio. Quindi la NASA avrà tutto il tempo per studiare il significato e la fattibilità della missione; Ciò consentirà ai futuri astronauti civili di non essere sopraffatti dalla portata della loro missione.

Preparazione fisica più impegnativa

Infine, la NASA intende sottolineare anche un punto chiave che è stato nuovamente sottovalutato lo scorso aprile: l’acclimatazione alla microgravità. Uno ha detto: “Siamo andati lassù e, per quanto possiamo dire, ci siamo immersi”. “Abituarsi alla microgravità non è qualcosa che accade dall’oggi al domani. »I partecipanti dovranno quindi attenersi È richiesta più preparazione fisica.

La maggior parte di queste nuove misure sarà probabilmente implementata sul secondo volo privato di Axiom verso la Stazione Spaziale Internazionale. Questa missione, battezzata l’Ax-2, ha comunque centrato il jackpot poiché sarà guidata da essa Peggy Whitson. È una figura chiave della NASA. Ha già trascorso 665 giorni di missioni nello spazio! E come se quel record non bastasse, il suo curriculum contiene anche oltre 60 ore di passeggiate spaziali e una miriade di altri record prestigiosi.

È anche nota per la sua intransigente professionalità, ma anche per il suo entusiasmo, umanità e capacità di insegnamento. Sarà quindi interessante seguire l’andamento di questo compito per vedere se questa nuova organizzazione produca risultati migliori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.