La NASA non utilizzerà più il suo telescopio che ha viaggiato su un aereo

Addio aereo del telescopio Sophia. L’osservatorio di volo dell’Agenzia spaziale statunitense completerà la sua missione entro e non oltre il 30 settembre 2022. Ma per quali ragioni?

Sul suo sito ufficiale, la NASA ha annunciato la fine della missione Sophia (Osservatorio stratosferico per l’astronomia a infrarossi), entro e non oltre il 30 settembre 2022. Ricordiamo che questa missione è stata lanciata dall’agenzia spaziale tramite un aereo Boeing, responsabile del trasporto di un telescopio di osservazione. La missione principale è terminata nel 2019, ma da allora è stata prorogata.

Porta del telescopio Sophia. // fonte : Flickr/CC/Ian Abbott (immagine ritagliata)

Perché termina la missione del telescopio aereo Sophia?

Il problema è principalmente finanziario. Nella sua dichiarazione del 28 aprile, la NASA lo ha affermato ” Si conclude che la produttività scientifica di SOFIA non giustifica i suoi costi operativi. Il rapporto ha anche rivelato che le capacità di Sophia non sono strettamente in linea con le priorità scientifiche identificate dall’indagine decennale per il prossimo decennio e oltre.. »

Sondaggio Accademie Nazionali di Astronomia e Astrofisica L’anno 2020, qui citato, ha valutato bene l’interesse a continuare la missione di Sophia, soppesando i pro ei contro. La NASA stima che la bassa produttività scientifica di SOFIA Giustifica l’interruzione dell’operazione prima della fine dell’anno. Inoltre, le capacità del telescopio non sono più realmente legate alle attuali priorità della scienza. Il indagine nodaleLa pubblicazione ufficiale del National Research Council on Planetary Sciences degli Stati Uniti ha raccomandato alla NASA di interrompere questa missione, cosa che ha accettato di fare.

Qual è lo scopo della missione di Sophia?

L’obiettivo della missione SOFIA era quello di eseguire sette voli scientifici notturni di dieci ore e quindi osservare diversi bersagli celesti critici nell’emisfero australe. Metti a fuoco prima il telescopio trasportato dal Boeing Grandi e Piccole Nubi di Magellanoperché questi due galassie attraentemente correlato a via Lattea. Sotto la supervisione di un team di 20 ingegneri e astronomi, durante la missione è stato utilizzato uno strumento: lo spettrometro ad immagini lineari, noto come FIFI-ILS.

READ  Un luogo rituale unico per la caccia di massa al cervo nel periodo neolitico

Durante la sua fase operativa, il telescopio ha studiato principalmente ammassi stellari, principalmente dal Cile: era qui che erano più facilmente osservabili. Riuscì anche a scattare foto uniche ed esclusive di alcune galassie, Come una galassia di fuochi d’artificio.

Guarda il mondo daVuoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.