La crisi climatica richiede un “approccio multiplo” – EURACTIV.fr

« Non c’è una sola cosa che possa risolvere la crisi climatica. Abbiamo bisogno di un approccio multiplo. ”L’inviato speciale statunitense per il clima John Kerry, che ha incontrato i ministri degli esteri e dell’ambiente italiani a Roma giovedì (13 maggio), nonché gli amministratori delegati delle principali società energetiche del paese, hanno detto.

Kerry incontrerà venerdì (14 maggio) il premier Mario Draghi. La visita europea di Kerry includerà anche il tentativo di convincere i firmatari dell’accordo di Parigi del 2015 ad aggiornare i loro obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 in vista del vertice sul clima COP26 delle Nazioni Unite, che si terrà a Glasgow. A novembre sarà co-ospitato dal Regno Unito e dall’Italia.

Gli Stati Uniti si sono impegnati a ridurre i gas serra dal 50 al 52% entro il 2030 e vogliono spingere altre nazioni a prendere impegni simili.

« Ogni Paese deve ridurre le proprie emissioni durante questo decennio. ”Kerry ha detto, attaccando Cina e Russia che non avevano preso impegni specifici in un vertice online tenuto dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden ad aprile. ” Non basta dire “Zero emissioni nel 2050”, fare le cose ora che raggiungeranno ciò di cui abbiamo bisogno nel 2050 ″Ha aggiunto il signor Kerry.

« La trasformazione ambientale non è una scelta tra prosperità e un’economia meno efficiente, ma un’opportunità e un’enorme opportunità da cogliere ”., Ha aggiunto.

READ  "Siamo ancora nell'epidemia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *