Italia: piano di ripresa in sospeso in mezzo alla crisi politica

Dopo molte tensioni all’interno del governo, l’Italia si prepara ad adottare martedì il suo piano di stimolo da 222,9 miliardi di euro per rilanciare un’economia colpita duramente dall’epidemia, nonostante la crisi politica in corso. .

Il gabinetto promesso si è riunito in subbuglio martedì sera, dopo aver inviato il giorno precedente l’ultima versione rivista del piano ai partiti appartenenti alla coalizione di centrosinistra al governo.

Più debole, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha accettato di rivedere la sua versione: ha più che raddoppiato i soldi per salute e turismo e ha aumentato la quota degli investimenti, che ora si attesta al 70%, contro il 21% per incentivi fiscali e altri bonus.

Ha così tenuto conto delle richieste del suo principale rivale politico, l’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi, che aveva minacciato di far saltare in aria la coalizione di cui faceva parte il suo piccolo partito, Fifa Italia, rifiutandosi di essere “un partner nello spreco di denaro pubblico”.

Il Primo Ministro italiano Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa di fine anno, il 30 dicembre 2020 a Roma (POOL / AFP / Archives – Andrew MEDICHINI)

Tuttavia, il conflitto può essere temporaneamente messo a tacere: “Non voglio impedire nulla. L’interesse del Paese viene prima, ma subito dopo faremo quello che dobbiamo fare”, ha detto Matteo Renzi.

– “Poker” –

Rimangono tutte le opzioni sul tavolo, le dimissioni dei ministri dissidenti della FIFA, o un rimpasto o un nuovo primo ministro, il giudice Roberto Delimonti, professore di scienze politiche alla Luis University di Roma: “È la parte imprevedibile del gioco del poker”.

READ  Mercoledì in "NEA": Natale con polline

L’ex capo economista del Tesoro italiano e fondatore di gabinetto LC Macro commenta: “Potrebbe esserci un accordo all’ultimo minuto, ma potrebbe anche essere che Renzi abbia raggiunto un punto di non ritorno e preferisca ritirare il suo sostegno al governo”. Consiglieri, Lorenzo Codogno.

L'ex consigliere italiano Matteo Renzi alla riunione del Partito Democratico a Roma, il 30 settembre 2018 (AFP / Archivio - Alberto PIZZOLI)

L’ex consigliere italiano Matteo Renzi alla riunione del Partito Democratico a Roma, il 30 settembre 2018 (AFP / Archivio – Alberto PIZZOLI)

Perché il caldo ex presidente del Consiglio non intende fermarsi qui: Matteo Renzi chiede ora all’Italia di invitare l’European Stability Mechanism (ESM), la cui missione è aiutare i paesi della zona euro nelle difficoltà.

Tuttavia, il ricorso al Ministero dell’Istruzione e della Scienza (MES) ha incontrato una feroce opposizione da parte del Movimento Cinque Stelle (anti-regime), un altro membro della coalizione di governo insieme al partito pro-democratico (centro-sinistra).

“È un errore dire di no per ragioni ideologiche”, ha detto il giudice Matteo Renzi, che si riferisce regolarmente all’ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, “una persona straordinaria per questo Paese”.

Viene regolarmente indicato come Mario Draghi, 73 anni, per aver guidato un potenziale governo di unità nazionale composto da tecnici e gestito gli afidi europei.

Dietro le quinte, secondo i media italiani, Matteo Salvini, capo della Lega (estrema destra), il principale partito di opposizione, non esclude il sostegno a un simile governo.

– Paure per la disabilità –

Prima beneficiaria del massiccio piano da 750 miliardi di euro adottato dai leader europei nell’estate del 2020, l’Italia attendeva con impazienza i suoi progetti che dovrà presentare a Bruxelles entro la fine di aprile, proprio come altri Paesi in attesa dei soldi.

READ  Fitch Ratings: la moratoria è la più rischiosa per le banche in Grecia e Cipro

Il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni, durante la presentazione delle prospettive economiche dell'Unione europea per il 2020, a Bruxelles, 5 novembre 2020 (POOL / AFP / Archives - JOHN THYS)

Il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, durante la presentazione delle prospettive economiche dell’Unione europea per il 2020, a Bruxelles, 5 novembre 2020 (POOL / AFP / Archives – JOHN THYS)

Il commissario europeo all’Economia italiana Paolo Gentiloni ha avvertito lo scorso agosto che Roma non ha margini di errore: “L’Italia avrà un ruolo decisivo nel successo o nel fallimento” di questo primo esperimento. Debito comune dell’Unione europea.

L’Italia, che potrebbe richiedere 208,6 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti, desta preoccupazione poiché è stata accusata in passato di abuso di fondi dell’Unione europea.

Il piano di stimolo dovrebbe aumentare il deficit pubblico del paese, che dovrebbe raggiungere il 10,8% del PIL nel 2020, e il debito pubblico, che dovrebbe raggiungere il 158% del PIL.

Se la Commissione Europea ha sospeso le regole della disciplina di bilancio lo scorso anno, misura senza precedenti presa a causa della pandemia, ha comunque messo in guardia l’Italia, proprio come la Francia, dalla deriva incontrollata dei deficit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *