In che modo il nostro cervello percepisce i suoi pensieri?

Pensando ai tuoi pensieri: cosa sappiamo della straordinaria capacità di questo cervello di controllarsi? Tre esperti nella conversazione hanno dettagliato ciò che sappiamo e ciò che non sappiamo ancora sulla metacognizione.

Nel 1884, quando tentarono di definire i limiti della percezione umana, Charles Pierce e Joseph Gastro Scopri qualcos’altro: i limiti della nostra introspezione. I partecipanti ai loro esperimenti hanno sistematicamente sottovalutato la loro capacità di giudicare correttamente le proprie sensazioni, che Pierce e Jastrow hanno suggerito come spiegazione per “l’intuizione delle donne e alcuni fenomeni. telepatico Fortunatamente, queste particolari implicazioni pratiche (insieme alla relazione concettuale tra telepatia e intuizione femminile) sono state escluse.

Alla fine degli anni ’70, questo approccio di chiedere ai partecipanti di valutare le loro prestazioni è diventato un’area di ricerca in sé: uno studio “oltre la conoscenza”. Questa capacità di autoriflessione e di riflessione sui nostri pensieri ci permette di avere più o meno fiducia nelle nostre decisioni: possiamo agire con convinzione quando siamo certi di avere ragione, o più attenti quando pensiamo di poterlo fare. Errore. La metacognizione influenza tutti gli aspetti del nostro comportamento: determina come fissiamo i nostri obiettivi nella vita, ma anche come giudichiamo le nostre sensazioni (ciò che vediamo, ascoltiamo, annusiamo, gustiamo e tocchiamo).

Non siamo sempre bravi nella metacognizione. Alcune persone tendono ad essere troppo sicure o non abbastanza sicure, e la maggior parte delle persone a volte si sente troppo sicura di una scelta sbagliata, e tutto il resto. social networks Sono stati accusati di diffondere credenze forti alimentate da infox. Sappiamo che la metacognizione si sviluppa duranteInfanzia eAdolescenzaLa debolezza della metacognizione è stata implicata in molti disturbi psichiatrici, come l’emergere di credenze deliranti nella schizofrenia o nel disturbo ossessivo-compulsivo (DOC).

Perciò è necessario progettare strumenti didattici e trattamenti migliorare oltre la conoscenza. Ma siamo ancora lontani dal capirlo veramente.

READ  L'enorme mascella di T. Rex aveva sensori nervosi per renderlo un predatore ancora più temibile

giudica i nostri sentimenti

Per pensare ai propri pensieri, il cervello deve effettivamente osservare se stesso. In teoria, ogni volta che alcune delle centinaia di miliardi di cellule cerebrali si uniscono per innescare un’idea, una sensazione o un’azione, ciò indica anche quanto bene stia funzionando. Tutti i processi cerebrali vengono monitorati e valutati, il che porta alla metacognizione. Una delle grandi domande è: come?

in un giuriamoStudiamo la metacognizione nella sua forma più semplice, cioè la nostra capacità di giudicare i nostri sentimenti. Usiamo ancora metodi simili a quelli di Pierce e Jastrow: in un tipico esperimento, mostriamo ai partecipanti un’immagine e chiediamo loro di prendere una decisione semplice su ciò che vedono, quindi valutiamo quanto sono sicuri nel prendere la decisione giusta. Ad esempio, possiamo mostrare loro una linea leggermente inclinata e chiedere loro di giudicare se è inclinata a sinistra oa destra. Il partecipante dovrebbe sentirsi più sicuro quando sente che non ha bisogno di guardare di nuovo la linea per verificare di aver preso la decisione giusta, quando le prove per la sua decisione sono forti. Proprio come in tribunale, la giuria decide se ci sono prove sufficienti per condannare un criminale, il cervello decide se ci sono prove sufficienti per essere sicuro della scelta.

Come separare l’attività decisionale dalla fiducia?

Studiare ciò che accade nel cervello è in realtà importante quando le persone si sentono più o meno sicure di sé, perché una differenza di fiducia è anche una differenza di prove decisionali. Se troviamo una differenza nell’attività cerebrale per alta confidenza rispetto a bassa confidenza, potrebbe in realtà essere dovuta a più o meno prove (la linea è vista come un po’ distorta). Dobbiamo separare l’attività cerebrale associata al processo di valutazione della tendenza dall’attività cerebrale di linea associata al processo di valutazione della tendenza.

READ  La sonda interplanetaria di SpaceX è più vicina a viaggiare sulla Luna e su Marte

Trovato di recente Un modo per distinguere questi processi, separandoli nel tempo. Nell’esperimento, abbiamo misurato l’attività cerebrale dei partecipanti (usando l’elettroencefalografia) mentre prendevano decisioni su un’intera serie di immagini visualizzate una per una.

Un’illustrazione del compito. // Fonte: Conversazione

Siamo stati in grado di osservare cosa stava succedendo nel cervello quando i partecipanti hanno guardato le immagini e hanno preso la loro decisione. A volte i partecipanti prendono la loro decisione prima che vengano mostrate tutte le immagini. In questo caso, l’attività relativa al processo decisionale viene interrotta. Ma altre attività continuarono. Anche quando i partecipanti hanno preso la loro decisione in anticipo, hanno continuato a controllare le immagini aggiuntive per valutare la loro fiducia. In questi casi, l’attività cerebrale correlata al processo decisionale viene interrotta e quindi l’attività cerebrale correlata alla fiducia può essere studiata in modo indipendente.

I nostri primi risultati sono coerenti con molte ricerche precedenti: abbiamo trovato attività legate alla fiducia nelle regioni frontali del cervello che sono anche associate a comportamenti finalizzati. Ma guardando da vicino questa attività cerebrale, nel tentativo di rispondere alla domanda su come il cervello percepisce, ci siamo posti un’altra domanda: quando?

La visualizzazione predefinita è che prima prendi la tua decisione e poi controlli quante prove dovresti sentirti sicuro; Prima pensiamo, poi pensiamo pensando. Ma quando abbiamo esaminato il modello dell’attività cerebrale correlato alla fiducia, abbiamo scoperto che è cambiato anche prima che i partecipanti prendessero la loro decisione: è mettere il carro davanti ai buoi. il cervello Il computer più efficiente Lo sapevamo, quindi è strano pensare che possa fare qualcosa di superfluo.

Il modello usuale suggerisce un ruolo importante per la metacognizione nel modulare il comportamento futuro: le nostre azioni successive sono influenzate dalla fiducia che abbiamo nelle nostre decisioni, pensieri e sentimenti, e usiamo una bassa fiducia per imparare e migliorare noi stessi in futuro. Ma c’è un’altra possibilità: possiamo usare la fiducia dal vivo, mentre la scambiamo, per vedere se dobbiamo cercare ulteriori prove o se abbiamo abbastanza per prendere una decisione. in un Altra esperienza, abbiamo scoperto che le persone più brave nella metacognizione sono anche in grado di dire meglio quando smettere di deliberare e prendere una decisione. Il cervello può monitorarsi costantemente e monitorare e valutare i suoi processi per controllarne l’efficienza; Insomma, un rigoroso sistema di microgestione.

READ  Gli astronomi scoprono un terzo tipo di supernova | astronomia

137 anni dopo che Pierce e Jastrow hanno messo in discussione il ruolo della metacognizione, continuiamo a scoprire quanto sia importante questa forma di autoriflessione. In tal modo, apprendiamo anche con ogni nuovo studio di più sul cervello e sulla sua straordinaria capacità di monitorare se stesso.

Grazie a Clemence Almairas, dottoranda, per il suo aiuto nella revisione di questo articolo

Conversazione.

Taryn BalddonRicercatore post-dottorato, Scuola Normale Superiore (ENS) – PSL ; Pascal Mamasian, ricercatore CNRS in psicologia sperimentale, Scuola Normale Superiore (ENS) – PSL e San ValentinoDirettore della ricerca in neuroscienze, Inserimento

Questo articolo è stato ripubblicato da Conversazione Con Licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Conversazione

Condividi sui social

Continuazione del video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *