Il teschio belga dimostra che dopo i dinosauri, i mammiferi sono cresciuti in forza… ma non ovunque: “È scioccante quanto fossero piccoli”

I mammiferi preistorici hanno prima guadagnato massa corporea, non intelligenza, per aumentare le loro possibilità di sopravvivenza dopo l’estinzione dei dinosauri. È quanto emerge da uno studio condotto dall’Università di Edimburgo. Il teschio di Arctocyon, un antico mammifero del periodo arcaico, proveniente dalle collezioni del Royal Belgian Institute of Natural Sciences, ha svolto un ruolo chiave nello studio.

Secondo i ricercatori, durante i primi dieci milioni di anni dopo l’estinzione dei dinosauri, i mammiferi hanno dato la priorità all’aumento della loro massa corporea in modo che potessero adattarsi ai cambiamenti drastici nella composizione del regno animale terrestre.

I risultati della loro ricerca mostrano che le dimensioni del cervello dei mammiferi, rispetto alla massa del loro corpo, sono diminuite per la prima volta dopo l’impatto catastrofico di un asteroide 66 milioni di anni fa, che pose fine al regno dei dinosauri. In precedenza si pensava che la dimensione relativa del cervello dei mammiferi aumentasse nel tempo dopo questa scomparsa.

problema di dimensioni

Sebbene si sappia già molto sull’evoluzione del cervello dei mammiferi moderni, non ci è ancora chiaro come si sia evoluto durante il primo milione di anni dopo l’estinzione di massa.

Un team internazionale di ricercatori guidato dall’Università di Edimburgo ha chiarito questo mistero eseguendo una “TC” di fossili appena scoperti risalenti a un periodo di 10 milioni di anni dopo l’estinzione, chiamato Paleocene.

“Il fossile più importante nello studio era il cranio di Arctocyon, un antico mammifero del Paleocene dalle collezioni del Royal Belgian Institute of Natural Sciences”Spiega Thierry Smith, il paleontologo che ha preso parte allo studio. “Arctocyon era un mammifero di 30-50 kg – le dimensioni di un grosso cane – con un cervello di soli 24 cm – quindi è cinque volte più piccolo di quanto ci si aspetterebbe per un cane di questo peso; è scioccante quanto piccolo il suo cervello era.”.

Le loro scoperte hanno rivelato che la dimensione relativa del cervello dei mammiferi ha iniziato a diminuire a causa dell’aumento della massa corporea a un ritmo molto più rapido. I risultati delle scansioni mostrano anche che questi animali facevano molto affidamento sul loro senso dell’olfatto e che la loro vista e altri sensi erano meno sviluppati. Il team di ricercatori afferma che questo indica che era importante essere alti e non molto intelligenti all’inizio per sopravvivere nell’era post-dinosauro.

READ  A Marsiglia, licenza di pilota


(c) Sarah Shelley: Arctocyon a sinistra, Hyrachyus a destra

L’intelligenza è costosa

Circa 10 milioni di anni dopo, i primi rappresentanti dei moderni gruppi di mammiferi come i primati iniziarono a sviluppare cervelli più grandi e una gamma più ampia di capacità sensoriali e motorie. Il team spiega che ciò aumenterebbe le loro possibilità di sopravvivenza in un momento in cui la competizione per l’accesso alle risorse era molto maggiore.

Secondo lei, l’idea che i cervelli più grandi saranno sempre più bravi a conquistare nuovi spazi oa sopravvivere alle estinzioni sarebbe fuorviante. La ricercatrice capo Ornella Bertrand della School of Earth Sciences dell’Università di Edimburgo spiega: “I cervelli più grandi sono più complessi da mantenere e, se non fosse stato necessario per le risorse, sarebbe stato potenzialmente dannoso per la sopravvivenza dei primi mammiferi placentari nel caos e nel tumulto che hanno seguito l’impatto dell’asteroide”..

I ricercatori hanno dimostrato che, poiché i mammiferi di oggi erano così intelligenti, è fin troppo facile pensare che cervelli più grandi avrebbero aiutato i nostri antenati a sopravvivere ai dinosauri e all’estinzione, ma non era così, spiegano i ricercatori.

Steve Brusatte, uno degli autori principali, anche lui dell’Università di Edimburgo, afferma: “I mammiferi che hanno sostituito i dinosauri hanno capacità intellettuali molto limitate e solo milioni di anni dopo i cervelli di molte specie di mammiferi si sono evoluti mentre gareggiavano tra loro e con gli altri per formare nuovi ecosistemi”.


(c) Sarah Shelley: Ornella Bertrand

forza di scavo

Arctocyon visse alla fine del Paleocene, da 8 a 9 milioni di anni dopo l’estinzione dei dinosauri. “Il teschio studiato è stato scoperto negli anni Ottanta nella regione di Reims vicino ai vigneti dello Champagne”Dice Thierry Smith. Altri fossili nello studio provengono dai calanchi del nord-ovest del New Mexico, che sono tra i pochi luoghi in cui gli scienziati possono trovare teschi e scheletri completi di mammiferi vissuti subito dopo l’estinzione di massa dei dinosauri.

READ  Cosa vedi per primo? Questo semplice test ti dirà se sei intelligente e pieno di risorse

Thomas Williamson, curatore di Paleontologia presso il Museo di Storia Naturale e Scienza del New Mexico, afferma: “Raccogliendo un gran numero di incredibili teschi fossilizzati e la tomografia computerizzata, siamo stati in grado di ottenere questa nuova comprensione di chi fossero questi strani animali e di come si è evoluto il loro cervello”.

Questo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Science. La ricerca è stata supportata da Marie Sklodowska-Curie Actions, dal Consiglio europeo della ricerca, dal Leverhulme Trust e dalla National Science Foundation. Sono stati coinvolti anche il Museo di Storia e Scienze Naturali del New Mexico, il Royal Belgian Institute of Natural Sciences e molte altre istituzioni internazionali.

Questo articolo si basa su un comunicato stampa emesso dall’Università di Edimburgo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.