Il telescopio più potente di sempre, James Webb partirà presto per Natale – rts.ch

Il telescopio spaziale James Webb (JWST) doveva essere lanciato da un razzo Ariane 5 da Kourou, nella Guyana francese, il 24 dicembre. La data, che è stata posticipata più volte, è stata posticipata di un giorno dalla NASA e da Arianespace martedì a causa di un temporale.

decollare, che era previsto per venerdì, non poteva accadere prima di sabato, cioè il 25 dicembre – vero omaggio Natale per gli astronomi di tutto il mondo, che aspettano questo nuovo telescopio da tre decenni (leggi riquadro).

Felpa JWST plissettata con cappuccio Ariane 5. Coro, 11 dicembre 2021. [M. Pedoussaut – ESA]Il lancio è stato “ritardato” a causa del “maltempo”, La NASA ha detto. “La nuova data di lancio target è il 25 dicembre” il prima possibile all’interno di una finestra di tiro aperta tra le 12:20 e le 12:52 GMT (tra le 1:20 e le 13:52 in Svizzera).

Un gioiello di ingegneria molto complesso, Telescopio spaziale James Webb Sarebbe il più grande e potente mai inviato nello spazio. È stato costruito negli Stati Uniti sotto la supervisione della NASA e ospita strumenti dell’Agenzia spaziale europea (ESA) e dell’Agenzia spaziale canadese (CSA). Potrà vedere le onde infrarosse, che sono luce invisibile.

Verrà posto in orbita attorno al Sole, a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra, in una regione dello spazio chiamata Punto di Lagrange (L2) situata dietro il nostro pianeta, di fronte alla nostra stella. Il JWST impiegherebbe un mese per arrivarci, quindi dovrebbe raffreddarsi lentamente – la sua temperatura ideale è -166°C – e essere testato prima di accenderlo. Il suo specchio funzionerà per le prime osservazioni sei mesi dopo che avrà lasciato la Terra.

Torna alle origini dell’universo

Il suo occhio esplorerà l’universo circa tredici miliardi di anni fa: un tempo molto lontano, solo circa 400 milioni di anni dopo il Big Bang.

Questo era in questo tempo lontano, 13,4 miliardi di anni fa GN-z11, la galassia più antica mai scoperta. È stato pubblicato nel 2016 da Pascal Auch, ricercatore dell’Università di Ginevra. Quando si accede per telefono tramite RTSinfo, è contento di aver avuto il tempo di dedicare al telescopio tre progetti di osservazione con JWST nel suo primo anno di utilizzo: “Con James-Webb, è una scoperta!” , è eccitato.

READ  Il razzo sonda CIBER-2 finanziato dalla NASA identifica il numero completo di stelle che dovrebbero crescere

“Potrò cercare – e senza dubbio trovare – galassie più vecchie di GN-z11, perché questo strumento vede nell’infrarosso: non potremmo farlo a lunghezze d’onda corte”, identifica. “GN-z11 è già enorme per questa volta e le simulazioni prevedono che possiamo trovare le prime galassie che hanno circa 250 milioni di anni. È un’epoca sconosciuta. Grazie a queste nuove lunghezze d’onda, è probabile che faremo scoperte inaspettate: è quello che ho sono,” M in Aspettando di più! “

>> Guarda dov’è GN-z11 e come appare con questo video della NASA:

Il successore di Hubble

Presentato come successore del telescopio Hubble, lanciato nel 1990, il JWST dovrebbe esplorare con una precisione senza pari tutte le fasi dell’universo, fino alle prime ere dell’universo e alla formazione delle prime galassie: “Ora abbiamo un telescopio cento volte più sensibile di Hubble”, si rallegra Pascal Auch.

Il telescopio Hubble ha già permesso di compiere notevoli progressi scientifici, soprattutto quando il suo specchio è stato puntato su un’area un po’ vuota del cielo, misurando appena un decimo del diametro di una luna piena … E lì – sorpresa! – Nascondevano quasi 10.000 galassie di tutte le età, dimensioni, forme e colori!

>> In questa meravigliosa immagine delle galassie “Hubble Ultra Deep Field”:

Questa vista di quasi 10.000 galassie è chiamata "Il campo ultra-profondo di Hubble".  Lo scatto include galassie di diverse età, dimensioni, forme e colori.  Le galassie più piccole e più rosse, circa 100, potrebbero essere tra le più lontane conosciute, essendo esistite quando l'universo aveva solo 800 milioni di anni.  Le prime galassie - ellissoidi ed ellissoidi più grandi, più luminosi e ben definiti - si sono sviluppate circa un miliardo di anni fa, quando l'universo aveva 13 miliardi di anni.  L'immagine ha richiesto 800 esposizioni ed è stata scattata sulle 400 orbite di Hubble.  La durata complessiva dell'esposizione è stata di 11,3 giorni, tra il 24 settembre 2003 e il 16 gennaio 2004. [S. Beckwith (STScI) and the HUDF Team - NASA/ESA]Questa vista di quasi 10.000 galassie è chiamata “Hubble Ultra Deep Field”. Lo scatto include galassie di diverse età, dimensioni, forme e colori. Le galassie più piccole e più rosse, circa 100, potrebbero essere tra le più lontane conosciute, essendo esistite quando l’universo aveva solo 800 milioni di anni. Le prime galassie – ellissoidi ed ellissoidi più grandi, più luminosi e ben definiti – si sono sviluppate circa un miliardo di anni fa, quando l’universo aveva 13 miliardi di anni. L’immagine ha richiesto 800 esposizioni ed è stata scattata sulle 400 orbite di Hubble. La durata complessiva dell’esposizione è stata di 11,3 giorni, tra il 24 settembre 2003 e il 16 gennaio 2004. [S. Beckwith (STScI) and the HUDF Team – NASA/ESA]

Il quadro storico, ormai ampiamente conosciuto, si chiama “Il campo ultra-profondo di Hubble”: Anche il James Webb Telescope sarà diretto in questa stessa regione: “Grazie alla spettroscopia, potremo misurare le distanze esatte di queste galassie, che chiamiamo redshift“, spiega Pascal Auch. E questo “campo profondo” catturato da Hubble diventerà senza dubbio ancora più affollato di dati con l’occhio impareggiabile di James Webb.

READ  Gli scienziati affermano che un teschio di 140.000 anni scoperto in Cina rappresenta una nuova specie

Ultima tecnologia

Asse JWST Il suo specchio principale ha un diametro di 6,6 metri ed è composto da diciotto specchi esagonali più piccoli. È fatto di berillio e rivestito d’oro per riflettere meglio la luce catturata dai confini dell’universo.

Metterebbe anche questa potenza e questa precisione al servizio degli esopianeti che sono già stati scoperti: “Le proprietà delle loro atmosfere possono essere determinate con precisione”, osserva Monica Lindell, professoressa associata all’Osservatorio di Ginevra.

“Conosceremo quindi la loro composizione. Utilizzando il telescopio CHEOPS, siamo già stati in grado di misurare in modo molto preciso le dimensioni di questi pianeti e se sono rocciosi o gassosi e se le loro atmosfere sono estese o meno. Con JWST, misureremo le atmosfere di formazione del gas: avremo una firma di molti elementi e molecole che pensiamo di trovare, come l’acqua o l’anidride carbonica o il metano”. Uno degli obiettivi di Monica Lendl sarà il sistema TRAPPISTA-1Alcuni pianeti possono ospitare la vita.

>> Leggi: Gli esopianeti TRAPPIST-1, una manna per i ricercatori e Il gemello della Terra avvistato a 40 anni luce dal nostro pianeta

La nascita delle stelle nel serpente cosmico

La dott.ssa Miroslava Desogis, astrofisica dell’Osservatorio di Ginevra, attende con impazienza di poter utilizzare il tempo del telescopio nelle sue ricerche: è interessata alle famiglie stellari, in altre parole, “Misuro l’efficienza del gas di formazione stellare nuvole in Galassie lointainesSpiega al telefono. In effetti, le nuvole di gas cosmico collassano su se stesse per accendere le stelle all’interno.

La lontana galassia del serpente cosmico, il serpente cosmico, contiene una famiglia di stelle. [ESA/Hubble, NASA - CC BY 4.0]La lontana galassia del serpente cosmico, il serpente cosmico, contiene una famiglia di stelle. [ESA/Hubble, NASA – CC BY 4.0]“E lo farò più precisamente in serpente cosmico, serpente cosmico, una galassia molto lontana distorta da un gruppo di galassie che funge da lente gravitazionale, una sorta di telescopio naturale. “Da qui il suo nome, perché con l’effetto di questa lente d’ingrandimento, la costellazione di stelle sembra un rettile.

READ  NASA: La sonda spaziale Curiosity della NASA è passata su Marte in nuvole simili alla Terra

Il ricercatore combinerà i dati del JWST con i dati dell’interferometro ALMA, situato su un alto altopiano cileno, per capire se le stelle si formano in galassie lontane allo stesso modo delle stelle più vicine a noi: “Il numero di stelle che si formano annualmente è maggiore nelle giovani galassie, ma non l’abbiamo. Non sappiamo ancora in quale fase appare questa formazione stellare”, osserva Miroslava Desogis.

“Come i gruppi più massicci siano riusciti a formare questi gruppi di stelle così rapidamente, solo un miliardo di anni dopo il Big Bang, è un mistero!”

Svizzera al top

In tutto il mondo, i ricercatori stanno aspettando con impazienza di poter guardare l’universo attraverso l’occhio di Webb. In totale, sono state accettate 286 richieste di tempo per Il primo ciclo di osservazione Con JWST: due all’ETHZ e uno all’Università di Berna.

A Ginevra, il Dipartimento di Astronomia dell’Università di Ginevra ha visto convalidare sei domande: “Mentre il tasso complessivo di successo delle proposte secondo l’Istituto è di poco inferiore al 25%, [les équipes de recherche de notre département] Ha ottenuto il 75% dei programmi offerti, il che rende il nostro istituto tra i tre istituti di maggior successo al mondo”, conferma con orgoglio l’Osservatorio in comunicazione.

Stephanie Jacquet e le agenzie

Mercoledì 21:05 su RTS 1 – Documentario su James-Webb: “Alla ricerca di un’altra terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *