Il missile cinese Long March 7A è riuscito nel suo secondo volo: Spaceflight Now

Il missile cinese Long March 7A lanciato dalla base di lancio di Wenchang sull’isola di Hainan. Credito: Xinhua

Il secondo volo del nuovo missile di media portata cinese Long March 7A è riuscito a mettere in orbita un satellite di prova giovedì, dopo un lancio fallito della stessa configurazione lo scorso anno a causa di un problema con un sistema potenziato di ossigeno liquido.

Il missile 7A Long March è decollato dalla base di lancio di Wenchang sull’isola di Hainan nel sud della Cina alle 12:51 pm EST (1751 GMT) di giovedì, o all’1: 51 ora di Pechino venerdì, secondo China Aerospace Science and Technology Corp. CASC, il più grande appaltatore statale per il programma spaziale cinese.

Il suo carico utile è stato dispiegato in un’orbita ellittica o ellittica tra 155 miglia e 22.270 miglia (250 per 35840 chilometri), con un’inclinazione di 19,5 gradi rispetto all’equatore, secondo i dati di tracciamento indipendenti rilasciati dall’esercito degli Stati Uniti.

La Cina ha dichiarato la missione un successo. L’agenzia di stampa statale Xinhua ha detto che la sonda Xi’an 9 lanciata dal Long March 7A è progettata per “test in orbita di nuove tecnologie, compreso il monitoraggio dell’ambiente spaziale”.

La famiglia di satelliti cinesi Shiyan è progettata per dimostrazioni tecnologiche. Xi’an significa “esperienza” in cinese.

Si prevede che lo Shiyan 9 utilizzi il suo sistema di propulsione per aumentare il suo perigeo, o punto più basso, dalla sua orbita a un’altitudine geostazionaria di oltre 22.000 miglia, o circa 36.000 chilometri, sopra l’equatore. In questa orbita, Shiyan 9 orbiterà attorno alla Terra alla stessa velocità di rotazione del pianeta, dando al satellite una posizione fissa rispetto alla Terra.

Il lancio di giovedì è stato il quarto volo di un missile Long March 7 e il secondo con una configurazione Long March 7A.

READ  Il divieto di pesca degli squali è parzialmente efficace: uno studio

Long March 7 è progettato per lanciare satelliti di medie dimensioni, come le navi di rifornimento di Tianzhou della prevista stazione spaziale cinese, in orbita terrestre bassa. La variante Long March 7A vola con un terzo stadio ricaricabile, che dà al missile la capacità di schierare satelliti diretti a orbite più alte.

Il missile Long March 7A ha un’altezza di circa 197 piedi o 60 metri e può trasportare carichi utili fino a 15.400 libbre, o 7 tonnellate metriche, in orbita di trasporto geostazionario. Questo è lo stesso tipo di orbita che Long March 7A ha raggiunto giovedì con il satellite Shiyan 9.

La Cina ha lanciato il missile Long March 7A per la prima volta nel marzo 2020 dopo due voli di successo della configurazione di base Long March 7 nel 2016 e nel 2017. Ma il Long March 7A non è riuscito a raggiungere l’orbita ed è ricaduto sulla Terra pochi minuti dopo il decollo da Wenchang.

Un rapporto pubblicato dal quotidiano digitale gestito dal governo di Shanghai, The Paper, afferma che il fallimento del lancio del Long March 7A dello scorso anno è dovuto alla bassa pressione nell’ingresso dell’ossigeno liquido che alimenta uno dei motori a razzo booster. Gli ingegneri hanno fatto risalire il problema alla “cavità” nel sistema di ossigeno liquido che alimenta il booster, creando pressioni estremamente basse per consentire al motore di continuare a sparare, secondo il documento.

Il Long March 7A è alimentato da quattro booster a cinghia alimentati da motori a cherosene / ossigeno YF-100 e un palco centrale con due motori YF-100. Il secondo stadio del missile contiene quattro motori YF-115, anch’essi alimentati con cherosene e ossigeno liquido, e ci sono due motori YF-75 alimentati a idrogeno nel nuovo terzo stadio aggiunto per creare la configurazione Long March 7A.

READ  Durante lo scavo, l'ascia inciampò. È apparso di fronte agli archeologi greci

Il guasto si è verificato lo scorso anno verso la fine della combustione da parte dei quattro booster e dei motori dello stadio primario, a circa tre minuti dall’inizio della missione.

Il motore YF-100 è utilizzato in diversi nuovi missili cinesi. I motori per carichi pesanti cinesi Long March 5 alimentano i motori YF-100, e lo stesso tipo di motore vola sul lanciatore leggero cinese Long March 6 e sul missile Long March 8.

In vista del secondo volo Long March 7A di giovedì, la Cina ha lanciato con successo tre missili Long March 5, un Long March 6 e la missione Long March 8 lo scorso anno.

I nuovi razzi cinesi Long March 5, 6, 7 e 8 sono progettati per sostituire i vecchi veicoli del Paese Long March, che utilizzano combustibili tossici e vengono lanciati da porti spaziali interni, e spesso lasciano cadere le fasi esaurite vicino alle aree popolate.

Il missile Long March 7A è una potenziale alternativa al Long March 3B per le operazioni di lancio con i satelliti geostazionari, fornendo un miglioramento del 25% della capacità di carico sull’orbita di trasporto geostazionario.

Secondo CASC, il missile Long March 7A sarà lanciato da tre a cinque volte l’anno in futuro e gli ingegneri stanno lavorando per sviluppare un carico utile con un diametro maggiore per ospitare i satelliti più grandi. In una dichiarazione, CASC ha affermato che i futuri aggiornamenti per Long March 7A consentiranno di lanciare direttamente carichi utili in orbite geostazionarie a zero gradi e di dispiegare un veicolo spaziale diretto alla luna e ad altri pianeti.

Il prossimo lancio da Wenchang, dove i razzi vengono lanciati sul mare anziché sulla terraferma, è previsto per la fine di aprile con un missile Long March 5B che trasporta l’unità base Tianhe della stazione spaziale cinese.

READ  La seconda "luna" della Terra tornerà finalmente prima che ci salutiamo per sempre

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Incorpora un Tweet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *