Il gigantesco buco nero M87 inizia a rivelare i suoi segreti

Buco nero gigante M87
Francia Agenzia di stampa

Secondo uno studio pubblicato mercoledì, gli astronomi che hanno scoperto il primo buco nero del mondo negli occhi sono stati in grado di catturare un’immagine del campo magnetico che si avvolge vicino al suo bordo, un passo importante verso una migliore comprensione di questi misteriosi mostri cosmici.

Il 10 aprile 2019, il gigantesco buco nero nel nucleo della galassia di Messier 87 (M87), situato a 55 milioni di anni luce di distanza, è apparso come un cerchio scuro in mezzo a un’aura fiammeggiante.

L’image historique, produite par la collaboration internationale Event Horizon Telescope (EHT), était la preuve la plus directe jamais obtenue de l’existence des trous noirs, des objets si massifs et si compacts que rien se s’en échappe, pas même la luce.

Due anni dopo, gli scienziati dell’EHT sanno di più sulla meccanica di un corpo supermassiccio, che ha una massa di diversi miliardi di soli. Il loro lavoro è stato pubblicato su The Astrophysical Journal Letters.

Evan Marty Vidal, coordinatore dei gruppi di lavoro EHT, ha confermato che abbiamo scoperto una nuova immagine dell’oggetto in luce polarizzata – come attraverso un filtro – che consente agli astronomi di “comprendere meglio la fisica dietro l’immagine vista nell’aprile 2019”.

“Notiamo davvero ciò che prevedono i modelli teorici, è incredibilmente soddisfacente!” , Congratulazioni all’Agence France-Presse Frederic Geith, vicedirettore dell’Istituto di radioastronomia millimetrica (Iram), il cui telescopio fa parte della rete EHT.

La polarizzazione ha rivelato la struttura del campo magnetico al bordo del buco nero e ha permesso di produrre un’immagine accurata della sua forma.

READ  Un asteroide potrebbe entrare in collisione con la Terra presto!

Questo campo magnetico estremamente forte si oppone alla forza dell’attrazione gravitazionale del buco nero: “Si verifica una sorta di equilibrio tra le due forze, come un combattimento, anche se alla fine la gravità vince”, spiega l’astronomo.

Non solo la forza magnetica estrarrà il materiale, ma scatenerà anche potenti getti di luce a velocità incredibili che si estendono per almeno 5.000 anni luce oltre la galassia stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *