Il cervello di “cyborg” supera l’intelligenza artificiale in un videogioco – studio

Le cellule cerebrali umane cresciute in una capsula di Petri con l’aiuto di microelettrodi hanno acquisito l’arte di giocare al videogioco “Pong” più velocemente dell’intelligenza artificiale.

I ricercatori della società australiana Cortical Labs hanno sfruttato centinaia di migliaia di cellule cerebrali umane cresciute su array di microelettrodi e hanno insegnato a un ibrido biotecnologico che hanno soprannominato “DishBrain” a riprodurre una versione per giocatore singolo del “Pong” della vecchia scuola. Hanno quindi confrontato la velocità con cui il mini-cervello acquisisce l’abilità con l’intelligenza artificiale (AI). Battendo le mani dei suoi concorrenti, le cellule cerebrali umane hanno battuto il gioco in soli cinque minuti rispetto ai 90 minuti necessari a una macchina per battere.

Per saperne di più

Boeing costruisce il prossimo aereo in realtà virtuale

Non è tutto ciò che viene tagliato e asciugato, tuttavia, ha detto alla rivista New Scientist Brett Kagan, il responsabile scientifico del laboratorio che sta conducendo la ricerca. Una volta che un’intelligenza artificiale impara a giocare, finisce per diventare più abile delle cellule cerebrali umane.

Nonostante ciò, gli scienziati dietro il progetto affermano che ha dimostrato che “Un singolo strato di neuroni corticali in laboratorio può autoregolarsi e mostrare un comportamento intelligente e consapevole.“Inoltre, questo potrebbe avere anche alcune implicazioni pratiche, che Cortical Labs spera che la ricerca possa aiutare a spianare la strada alla fusione”.neuroni biologici vivi” con “calcolo tradizionale del silicio,“In quello che potrebbe essere efficace un vero cervello cyborg.

E se ciò non fosse abbastanza fantascienza, la rivista New Scientist ha citato i ricercatori che si riferivano alle cellule cerebrali umane come “Vivere nella matrice.Ecco cosa significa: quando un mini-cervello gioca la versione semplificata per giocatore singolo di “pong”, le cellule cerebrali sono indotte a pensare che sia la racchetta che colpisce la palla nel gioco.

READ  Scoperta di un processo che porta a esplosioni di supernova ed esplosioni radio cosmiche nel sito di PPPL

Per lo stesso esperimento, le cellule cerebrali si trovano in cima a matrici di microelettrodi che le stimolano, inviando segnali elettrici all’array destro o sinistro per indicare dove si trova la palla. In risposta, il “DishBrain” spara i neuroni per muovere la racchetta, mentre gli stessi elettrodi analizzano l’attività neurale e consentono alla realtà virtuale di rispondere di conseguenza.

collegamento alla fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *