Il buco nero supermassiccio al centro della nostra galassia è stato finalmente fotografato – rts.ch

Una collaborazione internazionale tra gli astronomi EHT e l’immagine di giovedì dell’European Southern Observatory (ESO) ha confermato l’esistenza del Sagittarius A*, un buco nero supermassiccio nel cuore della nostra Via Lattea. E sono passati tre anni dalla prima immagine di un buco nero situato in una galassia lontana.

“Posso farti una foto buco nero Sgr A* Al centro della galassia”, ha annunciato Huib Jan Van Langevelde, project manager di EHT, in una conferenza stampa a Garching, in Germania, tra gli applausi.

Fu un peculiare spettacolo di balletto di stelle al centro della Via Lattea che per primo fece capire che forse lì c’era un buco nero: Andrea Geis e Reinhard Genzel ricevettero Il Premio Nobel per la Fisica nel 2020 per la loro “scoperta di un oggetto compatto e supermassiccio al centro della nostra galassia”.

Il team è persino riuscito a determinare la sua massa esatta. Ma grazie alle osservazioni rivelate oggi, la sua magnitudo può essere valutata. Due parametri sono essenziali per stabilirne con certezza l’esistenza.

Sagittario A*, il cui nome è dovuto alla sua scoperta in direzione della costellazione del Sagittario, ha una massa di circa quattro milioni di soli e dista 27.000 anni luce dalla Terra. La sua esistenza è stata ipotizzata a partire dal 1974, con la scoperta di un’insolita radiosorgente nel centro galattico.

ingoialo

Tecnicamente, non puoi vedere un buco nero, perché l’oggetto è così denso e la sua forza gravitazionale è così forte che nemmeno la luce può sfuggirgli. Ma possiamo notare la materia che gli vortica intorno, prima che venga inghiottita: la sua silhouette spicca su questo disco luminoso.

READ  Qual è la forma dell'universo?

“Abbiamo prove dirette che questo oggetto è un buco nero”, ha spiegato Sarah Isson dell’Harvard Center for Astrophysics, descrivendo una “nuvola di gas”. [autour du trou noir] che trasmettono onde radio e che abbiamo osservato”.

“L’oggetto è circondato da una superficie chiamata orizzonte degli eventi”, spiega l’astrofisico Roland Walter, dell’Osservatorio dell’Università di Ginevra, specializzato in buchi neri. Al microfono del forum, ha spiegato che l’ombra al centro è la “firma dell’esistenza del buco nero”. Ha notato che era difficile da capire perché è “molto più piccolo, meno luminoso e c’è molto materiale tra noi e lui”.

I telescopi devono tenerlo d’occhio più a lungo per ottenere qualcosa di utilizzabile: “Registrando e correlando questi dati, possiamo ricostruire questa immagine”.

>> Confronto delle dimensioni dei buchi neri Messier 87* e Sagittarius A*:

Confronto dimensionale dei buchi neri M87*, nel cuore della galassia Messier 87, e Sagittarius A* (Sgr A*), al centro della Via Lattea. Per la scala, le orbite di Plutone e Mercurio, così come il diametro del Sole e la posizione attuale della navicella Voyager 1, la navicella spaziale più lontana dalla Terra. A causa della loro distanza relativa dal nostro pianeta, i due oggetti sembrano avere le stesse dimensioni nel cielo. [Lia Medeiros, xkcd – EHT collaboration]

Il secondo quadro storico

La tecnica utilizzata in questa immagine è l’interferometria radio millimetrica. La rete EHT, una rete internazionale di otto osservatori radioastronomici, ha portato nel 2019 l’immagine storica di M87*, un buco nero supermassiccio con una massa di sei miliardi di masse solari nella sua galassia, Messier 87, situata 55 milioni di anni fa. -Leggero.

READ  E nella regione di Lviv sono nove i casi sospetti di infezione da ceppo Delta - Media

>> Leggi: L’umanità vede un buco nero per la prima volta nella storia

Ora dotato di undici osservatori, l’EHT ha ripreso Sgr A* con i suoi quattro milioni di masse solari… un peso piuma al meglio dei buchi neri supermassicci.

Gli scienziati lo vedono come una prova che la meccanica della stessa fisica è al lavoro nel cuore di due sistemi di dimensioni molto diverse: “I buchi neri sono cose piuttosto interessanti. La relatività generale di Einstein li ha predetti, ma la fisica moderna fa molto affidamento sulla meccanica quantistica. Entrambi sono incompatibili e non prevedono la stessa cosa su cosa succede sulla superficie di un buco nero”, osserva Roland Walter.

“E il buco nero è il posto nell’universo dove possiamo mettere insieme queste due teorie” e forse trovare una teoria che le unisca! Al momento non è così: “È un posto dove puoi davvero fare fisica di base”, si rallegra l’astrofisico.

>> Un cortometraggio che spiega come funziona l’EHT (in inglese, con sottotitoli in francese):

Stephanie Jacquet e le agenzie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.