I geologi trovano fossili di piante di milioni di anni nelle profondità della calotta glaciale della Groenlandia | Geologia e Paleontologia

Il ghiaccio profondo a Camp Century nel nord-ovest della Groenlandia si è completamente sciolto almeno una volta negli ultimi milioni di anni ed è stato ricoperto di vegetazione, inclusi muschi e forse alberi, secondo carta pubblicato in Atti della National Academy of Sciences.

Comprendere la storia della calotta glaciale della Groenlandia è fondamentale per prevedere la sua risposta al futuro riscaldamento climatico e per contribuire all’innalzamento del livello del mare. Credito immagine: Rolf Johansson.

“Normalmente, le calotte di ghiaccio schiacciano e distruggono tutto sul loro cammino”, ha detto il dottor Andrew Christ, ricercatore presso il Dipartimento di Geologia e il Gund Institute for the Environment presso l’Università del Vermont. “Ma ciò che abbiamo scoperto erano delicate strutture di vegetazione – perfettamente conservato. “

“Sono fossili, ma sembra che siano morti ieri. È una capsula del tempo di ciò che viveva in Groenlandia e non saremo in grado di trovare da nessun’altra parte”.

Il dottor Christ e colleghi hanno analizzato i sedimenti sul fondo del nucleo di ghiaccio a Camp Century, che sono stati raccolti a 120 chilometri (75 miglia) al largo della costa nel nord-ovest della Groenlandia.

Hanno spiegato che “i sedimenti subglaciali dal nucleo di ghiaccio del Century Camp sono stati raccolti nel 1966”.

“I sedimenti sono stati conservati congelati, inizialmente presso l’Università di Buffalo dal 1966, fino a quando non sono stati trasferiti al Niels Bohr Institute nel 1994 e nel 1996”.

I sedimenti congelati sotto quasi 1,4 chilometri (0,9 miglia) di ghiaccio, contenevano piante fossili ben conservate e biomolecole ottenute da almeno due periodi caldi e senza ghiaccio degli ultimi milioni di anni.

Fotomicrografie dei fossili (AJ);  Le concentrazioni di cera fogliare di acidi n-alcanoici e (K) alcani, colonne multiple corrispondono ad analisi ripetute.  Credito immagine: Christ et al., Doi: 10.1073 / pnas.2021442118.

Fotomicrografie dei fossili (AJ); Le concentrazioni di cera fogliare di acidi n-alcanoici e (K) alcani, colonne multiple corrispondono ad analisi ripetute. Credito immagine: Cristo Et al. , Doi: 10.1073 / pnas.2021442118.

“Abbiamo utilizzato una serie di tecniche analitiche avanzate – nessuna delle quali era disponibile per i ricercatori 50 anni fa – per esaminare i sedimenti, i fossili e i rivestimenti di cera delle foglie sul fondo del nucleo dell’Horn Ice Camp”, hanno detto gli scienziati .

READ  L'unica eclissi solare totale del 2020 è avvenuta questa settimana. Ecco come visualizzarlo da qualsiasi luogo.

“Ad esempio, abbiamo misurato i rapporti degli isotopi rari per l’alluminio e il berillio, che si forma nel quarzo solo quando la Terra è esposta al cielo e può entrare in collisione con i raggi cosmici”.

“Un altro test ha utilizzato rare forme di ossigeno, che si trovano nel ghiaccio all’interno dei sedimenti, per rivelare che le precipitazioni devono essere diminuite ad altitudini ben al di sotto dell’altezza dell’attuale calotta di ghiaccio, indicando l’assenza di copertura di ghiaccio”.

Gli autori hanno concluso che la calotta glaciale della Groenlandia è persistita per la maggior parte del Pleistocene, ma si è sciolta e rimodellata almeno una volta, 1,1 milioni di anni fa.

“Il nostro studio mostra che la Groenlandia è più sensibile al riscaldamento naturale del clima di quanto pensassimo – e sappiamo già che il riscaldamento globale al di fuori del controllo umano è ben al di sopra della gamma naturale”, ha detto il dott. Christ.

Il dottor Paul Berman, ricercatore del Dipartimento di geologia, ha aggiunto: “La Groenlandia può sembrare distante, ma può sciogliersi rapidamente e fluire negli oceani a sufficienza da far sì che New York, Miami e Dhaka – scegli la tua città – siano sommerse”. Gund Institute for the Environment, Rubinstein School of Environment and Natural Resources presso l’Università del Vermont.

_____

Andrew J Christ Et al. 2021. Un record plurimilionario della flora e della storia del ghiaccio della Groenlandia è conservato nei sedimenti sotto 1,4 chilometri di ghiaccio a Camp Century. PNAS 118 (13): e2021442118; Doi: 10.1073 / pnas.2021442118

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *