I cambiamenti della corrente a getto potrebbero amplificare gli estremi meteorologici entro il 2060

Il ricercatore post-dottorato dell’Università dell’Arizona Matthew Osman installa un barile di perforazione del ghiaccio sulla superficie del ghiaccio in Groenlandia. Credito: Sarah Dass/Woods Hole Oceanographic Institution

Una nuova ricerca fornisce informazioni su come la posizione e l’intensità della corrente a getto del Nord Atlantico sono cambiate negli ultimi 1.250 anni. I risultati suggeriscono che il sito della corrente a getto potrebbe migrare fuori dalla variabilità naturale già negli anni 2060 a causa delle incessanti emissioni di gas serra, con conseguenze potenzialmente gravi legate alle condizioni meteorologiche per le comunità su entrambe le sponde dell’Atlantico.


Guidato da Matthew Osman, ricercatore post-dottorato presso il Center for Climate Systems dell’Università dell’Arizona, lo studio è stato pubblicato su Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze, o PNAS.

Familiare ai viaggiatori aerei tra il Nord America e l’Europa, la corrente a getto del Nord Atlantico è la striscia di venti prevalenti da ovest che circondano il Polo Nord. Questi venti forti spesso influenzano il tempo e il clima in tutto il Nord America orientale e nell’Europa occidentale, spesso chiamati “jet polare”, rappresentando tra il 10% e il 50% della variazione annuale delle precipitazioni e della temperatura in entrambe le regioni. Tuttavia, si sa poco di come la corrente a getto sia cambiata nel passato o di come possa cambiare in futuro.

Il team di ricerca di Osman ha raccolto campioni di carote di ghiaccio da circa 50 siti che si estendono attraverso la calotta glaciale della Groenlandia per ricostruire i cambiamenti dei venti attraverso il Nord Atlantico risalenti all’VIII secolo. Le ricostruzioni suggeriscono che la variabilità naturale ha finora mascherato l’effetto del riscaldamento causato dall’uomo sulle dinamiche atmosferiche alle medie latitudini su scale temporali più lunghe e annuali.

I cambiamenti della corrente a getto potrebbero amplificare gli estremi meteorologici entro il 2060

Il ricercatore post-dottorato dell’Università dell’Arizona Matthew Osman e lo specialista del programma statunitense di perforazione del ghiaccio Mike Wassekowitz spostano un barile di ghiaccio in posizione sulla calotta glaciale della Groenlandia. Credito: Sarah Dass/Woods Hole Oceanographic Institution

“Per la maggior parte dei luoghi sulla Terra, le osservazioni climatiche dirette di solito non si estendono oltre alcuni decenni”, ha detto Othman. “Pertanto, non abbiamo avuto molto senso di come o perché la corrente a getto è cambiata per periodi di tempo più lunghi. Quello che sappiamo è che variazioni insolite nella corrente a getto possono avere gravi impatti sociali, come inondazioni e siccità, a causa di i loro effetti sui modelli meteorologici, e quindi, in termini di pensare al futuro, ora possiamo iniziare a usare il passato come introduzione”.

Il lavoro rivela che sebbene la variabilità naturale abbia ampiamente dominato la posizione della corrente a getto del Nord Atlantico, il riscaldamento continuo può causare deviazioni significative dalla norma. In particolare, le proiezioni del modello prevedono la migrazione della corrente a getto del Nord Atlantico negli scenari di riscaldamento del 21° secolo. Tale migrazione potrebbe rendere la corrente a getto significativamente diversa nel giro di decenni.

Sebbene la corrente a getto polare soffi più rapidamente vicino alle tipiche altezze di crociera degli aerei, la gamma del vento si estende fino al suolo. Othman ha spiegato che sebbene sia meno grave, è spesso indicato vicino al suolo da tracce di tempesta. Gli effetti della tempesta influenzano il tempo e il clima in tutta la Groenlandia, influenzando le precipitazioni sull’isola e le variazioni di temperatura. Analizzando le differenze di anno in anno nella quantità di nevicate conservate nei campioni di ghiaccio della Groenlandia, nonché la composizione chimica delle molecole d’acqua che compongono gli strati di neve annuali, i ricercatori sono stati in grado di estrarre indizi secolari su come il getto flussi. modificare.

I cambiamenti della corrente a getto potrebbero amplificare gli estremi meteorologici entro il 2060

Una vista guardando verso il basso un cratere di ghiaccio sulla sommità di uno strato di ghiaccio in Groenlandia. La maggior parte dei campioni di carota studiati provenivano da profondità di 300 – 1.000 piedi sotto la superficie del ghiaccio. Credito: Sarah Dass/Woods Hole Oceanographic Institution

“Questi strati ci parlano della quantità di pioggia caduta in un determinato anno e anche delle temperature a cui sono state esposte le masse d’aria”, ha detto Othman.

Eventi meteorologici come l’ondata di caldo di questa estate nel nord-ovest del Pacifico e le inondazioni in Europa sono alcuni esempi recenti di come la corrente a getto sta influenzando modelli meteorologici A seconda della sua gravità o posizione a breve termine, ha detto Othman. Ma cambiamenti socialmente significativi si verificano anche su scale temporali più lunghe; La ricostruzione del passato della corrente a getto ha rivelato che in alcuni anni potrebbe essere il più a nord possibile, solo per avventurarsi a più di 10° a sud pochi anni dopo.

“Differenze come questa hanno enormi implicazioni per i tipi di tempo che le persone possono incontrare in un luogo particolare”, ha detto Othman. “Ad esempio, quando la corrente a getto si trova a sud, la penisola iberica, tipicamente secca, tende a sperimentare condizioni umide più miti. Ma, mentre la corrente a getto si sposta a nord, gran parte di questa umidità si allontana anche dall’Iberia verso le regioni già umide di Scandinavia, quindi una corrente a getto che si sposta verso i poli in futuro potrebbe avere conseguenze simili, ma più permanenti.

  • I cambiamenti della corrente a getto potrebbero amplificare gli estremi meteorologici entro il 2060

    In questa visualizzazione, che utilizza le osservazioni meteorologiche e climatiche del set di dati MERRA della NASA, la corrente a getto polare dell’emisfero settentrionale è vista come una cintura a zigzag e in rapido movimento di venti occidentali che attraversano gli strati inferiori dell’atmosfera. credito: NASA

  • I cambiamenti della corrente a getto potrebbero amplificare gli estremi meteorologici entro il 2060

    Nuvole lungo una corrente a getto sul Canada. Sottili nuvole con bande perpendicolari alla corrente a getto – una caratteristica rivelatrice fotografata da un astronauta a bordo della navetta spaziale Discovery. credito: NASA

Il team è stato in grado di abbinare alcuni cambiamenti nella velocità del vento e gli spostamenti geografici con i disastri storici legati alle condizioni meteorologiche. Ad esempio, durante la carestia che colpì la penisola iberica nel 1374, la corrente a getto era insolitamente a nord. Allo stesso modo, due carestie nelle isole britanniche e in Irlanda nel 1728 e nel 1740 coincisero con anni in cui i venti soffiavano a quasi la metà della loro normale intensità, abbassando drasticamente le temperature e riducendo le precipitazioni. Si stima che, nel 1740, questi ultimi eventi abbiano tolto la vita a quasi mezzo milione di persone.

Osman e i suoi coautori prevedono che qualsiasi cambiamento futuro nella corrente a getto del Nord Atlantico avrà anche effetti drammatici sul clima quotidiano e sugli ecosistemi, con effetti volatili che colpiscono le economie e le società nazionali.

“I nostri risultati servono come avvertimento: sebbene spingere la corrente a getto oltre il suo raggio normale sarebbe problematico, la sua traiettoria finale rimane ampiamente sotto il nostro controllo”, ha affermato.


I campioni di sedimento indicano eventi di pioggia più intensi nei periodi caldi e minori fluttuazioni climatiche nei periodi freddi


maggiori informazioni:
Proiezioni della corrente a getto del Nord Atlantico nel corso degli ultimi 1250 anni, PNAS (2021). DOI: 10.1073/pnas.2104105118 e www.pnas.org/content/118/38/e2104105118

la citazione: I cambiamenti del Jet Stream possono amplificare le condizioni meteorologiche estreme entro il 2060 (2021, 13 settembre) Estratto il 13 settembre 2021 da https://phys.org/news/2021-09-jet-stream-amplify-weather-extremes .html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento leale a scopo di studio o ricerca privato, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

READ  Misteriose fusa dall'interno di Marte scoperte dal lander della NASA | Notizie di scienza e tecnologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *