Ha coperto l’oceano di Marte 3 miliardi di anni fa

Il risultato deriva certamente solo dalla simulazione numerica. Non sono ancora disponibili solide prove geologiche. ma questo Affare È stato realizzato da scienziati francesi, svedesi e americani, aprendo meravigliosi orizzonti. Hanno concluso che Marte avrebbe ospitato un oceano nell’emisfero settentrionale e nella parte polare solo tre miliardi di anni fa, molto più a lungo di quanto si pensasse. Se lo scenario proposto dai ricercatori è corretto, anche il nostro pianeta gemello potrebbe essere di grande beneficio per l’evoluzione della vita prima che diventasse il Pianeta Rosso., solleva così a comunicazione dal CNRS. per me Nello stesso periodo sulla Terra, la vita si è già evoluta per conquistare un gran numero di ecosistemi. “

periodo caldo e umido

È noto che grandi specchi d’acqua liquida persistono su Marte per decenni. Numerosi orbiter e orbiter che vi furono inviati testimoniano l’esistenza di fiumi e laghi in un lontano passato. Prima che diventasse il pianeta freddo, secco e inospitale che osserviamo oggi, ha attraversato un periodo relativamente caldo e umido. Un’epoca che gli studiosi chiamano “noachiana” (capirete il riferimento al Diluvio biblico). Che corrisponde a età che risalgono a 4 o anche 3,5 miliardi di anni, cioè da 500 milioni a 1 miliardo di anni dopo la formazione di Marte e degli altri pianeti del sistema solare, 4,5 miliardi di anni fa.

depositi di megatsunami

Ma le osservazioni indicano anche un vasto oceano alle latitudini più elevate di Marte. Le prove indicano un’antica costa … e parte di essa potrebbe corrispondere ai depositi di megatsunami causati dall’impatto di un meteorite 3 miliardi di anni fa! Nel 2019, geologi francesi specificato Una struttura che può essere associata a questo evento catastrofico: il cratere Lomonosov, che ha un diametro di 120 chilometri, la cui forma potrebbe tradire l’oceano marino. Diversi elementi indicano che un oceano tardivo e relativamente poco profondo copriva le alte pianure di Marte.

READ  Educazione durante il lockdown: 203 studenti hanno scoperto microrganismi marini

Cratere Lomonosov, 120 km di diametro. Dati di altitudine dall’altimetro laser orbitante su Marte.

I ghiacciai avrebbero potuto portare abbastanza acqua

Tuttavia, mancava un pezzo importante del puzzle: rigorosi modelli climatici che spiegassero come l’oceano sarebbe rimasto stabile fino a quel momento. Da qui l’importanza dello studio condotto da Friedrich Schmidt, del Laboratorio Geops dell’Università di Paris-Saclay. Dimostra che, nelle condizioni allora prevalenti, era possibile preservare l’oceano grazie a due componenti: la presenza dei ghiacciai e la circolazione degli oceani. Trasportando il ghiaccio dagli altopiani all’oceano, i ghiacciai avrebbero fornito una quantità sufficiente di acqua oltre alla pioggia leggera, indicando la simulazione numerica. Quanto alla circolazione degli oceani, che porta acqua calda verso i poli, ha permesso di mantenere una temperatura leggermente superiore ai 4°C, e quindi al di sopra del punto di congelamento.

Diagramma schematico del clima marziano e dei suoi presunti dintorni polari, tre miliardi di anni fa

Il ruolo principale dell’idrogeno

Ma questo scenario funziona solo se la composizione dell’atmosfera di Marte è leggermente diversa da quella che conosciamo oggi, che consiste quasi interamente di anidride carbonica (CO).2). Secondo il lavoro dei ricercatori, dovrebbe contenere il 90% di anidride carbonica2 e il 10% di idrogeno (H2) Un potente gas serra che può essere emesso dai vulcani o dal fenomeno del degassamento durante gli impatti dei meteoriti o anche dalle reazioni chimiche tra acqua e rocce. Naturalmente, per supportare questa teoria, saranno necessarie conferme più dirette da analisi geologiche. Dopo essere stato depositato nel maggio 2021 nell’area ricoperta d’acqua, il rover cinese Zhurong potrà presto portare questi oggetti. Dimostrando che l’oceano sarebbe durato così per 1,5 miliardi di anni, forse permettendo alla vita di emergere.

READ  Science News: i paleontologi ritengono di aver scoperto la transizione cruciale da un miliardo di anni a organismi multicellulari - scienze della vita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.