Gli scienziati hanno trovato un modo per produrre carburante dall’aria marziana: lo stesso principio è utilizzato da TKS

Gli occhi umani si voltarono di nuovo Marte Il pianeta rosso si trova a 55 milioni di km dalla Terra. Elonas Muskas e NASA Vuole viaggiare su Marte in astronavi riutilizzabili, ma questo significa prenderle entrambe carburantePer farlo bastare anche per il viaggio di ritorno. A meno che non possa essere rigenerato su Marte.

Gli scienziati stanno costruendo un reattore che prende l’anidride carbonica dall’ambiente e la trasforma in metano ed etilene con l’aiuto di un catalizzatore. In generale, un tale dispositivo può convertire i gas serra in combustibili e componenti in plastica. Basta non dire che è impossibile, altrimenti come farà la Stazione Spaziale Internazionale a produrre aria respirabile?


Gli scienziati stanno cercando nuovi modi per produrre carburante su un pianeta alieno. Immagini Scanpix/NASA

L’equipaggio di TKS respira aria riciclata: i reattori utilizzano la stessa reazione del metano che gli scienziati vogliono applicare su Marte. A differenza di TKS, l’obiettivo non sarà quello di purificare l’aria ma di produrre carburante. Ciò consentirà di trasportare meno carburante su Marte, dove non sarà necessario durante il viaggio di ritorno. D’altra parte, il carburante sarà utile anche per viaggiare più lontano, saltando su un satellite di Marte o semplicemente rotolando sulla superficie del pianeta.


Gli scienziati stanno cercando nuovi modi per produrre carburante su un pianeta alieno.  Immagini Scanpix/NASA

Gli scienziati stanno cercando nuovi modi per produrre carburante su un pianeta alieno. Immagini Scanpix/NASA

E sì, anche gli scienziati pensano alla Terra. Questa reazione è abbastanza efficiente e i reattori sono economici, quindi almeno in teoria potrebbe ripulire l’atmosfera del nostro pianeta. Gli scienziati dicono che potrebbe utilizzare l’energia in eccesso da fonti rinnovabili: il metano prodotto sarebbe come una batteria chimica.

READ  Guarda le prime immagini del rover Zhurong

Fonte: https://www.nature.com/articles/s41467-021-25640-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *