Gli scienziati hanno scoperto che un nuovo buco nero, “Riccioli d’oro”, potrebbe essersi formato prima delle prime stelle e galassie. Notizie di scienza e tecnologia

Gli scienziati hanno affermato che un buco nero scoperto di recente potrebbe essere un antico residuo sorto prima che si formassero le prime stelle e galassie.

Circa 55.000 volte la massa del sole, i ricercatori dicono che questo buco nero potrebbe essere il “seme” dei buchi neri supermassicci che esistono oggi – e potrebbe aiutare gli scienziati a stimare il numero totale di questi oggetti nell’universo.

La scoperta di un buco nero di “massa media” o “Riccioli d’oro” – diverso dai piccoli buchi neri fatti di stelle e giganti supermassicci nel nucleo della maggior parte delle galassie – è stata pubblicata su Nature Astronomy.

immagine:
L’impressione di un artista di una rete di buchi neri supermassicci

I ricercatori stimano che ci siano circa 46.000 buchi neri di media massa vicino alla Via Lattea.

I ricercatori dell’Università di Melbourne e della Monash University hanno scoperto il nuovo buco nero rilevando un lampo di raggi gamma con una lente gravitazionale.

L’esplosione – un lampo di mezzo secondo di luce ad alta energia emessa da una coppia di stelle che si fondono – ha avuto un “eco” creato da un buco nero di massa media che ha piegato il percorso della luce nel suo cammino verso la Terra in modo che gli astronomi hanno visto il stesso flash due volte.

È stato sviluppato un programma per rilevare i buchi neri causati dalle onde gravitazionali per mostrare che i due lampi erano immagini dello stesso oggetto.

Il coautore dello studio, il professor Eric Thrin, della Monash University, ha dichiarato: “Questo buco nero scoperto di recente potrebbe essere un antico residuo – un buco nero primitivo – che è sorto nell’universo primordiale prima che si formassero le prime stelle e galassie.

READ  Verso un calendario "comodo"?

“Questi primi buchi neri potrebbero essere i semi dei buchi neri supermassicci che abitano i cuori delle galassie oggi”.

La professoressa Rachel Webster, coautrice dell’articolo, ha descritto i risultati come “entusiasmanti”.

“Utilizzando il nuovo filtro del buco nero, possiamo stimare il numero totale di questi oggetti nell’universo”, ha detto.

“Ci aspettavamo che ciò fosse possibile 30 anni fa, ed è entusiasmante scoprire un esempio concreto”.

L’autore principale e studente di dottorato presso l’Università di Melbourne, James Paynter, ha affermato che la nuova scoperta potrebbe aiutare a gettare nuova luce su come si formano i buchi neri supermassicci.

Ha detto: “Sebbene sappiamo che questi buchi neri supermassicci si trovano nei nuclei della maggior parte, se non di tutte, le galassie, non capiamo come questi giganteschi pianeti possano crescere così grandi nell’era dell’universo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *