Gli indicatori dell’epidemia si stanno nuovamente intensificando nel sud-ovest ed è stato confermato l’inizio della settima ondata

Gli indicatori dell’epidemia si stanno nuovamente intensificando nel sud-ovest ed è stato confermato l’inizio della settima ondata

Nel sud-ovest si osserva la stessa tendenza con variazioni impressionanti nel numero di casi positivi in ​​una settimana: +72% nella Gironda e +71% nella Charente. Ma anche +61% in Charente-Maritime, +51% in Dordogna e +50% nei Pirenei-Atlantico. L’aumento è stato meno significativo, ma altrettanto marcato, nei Lands (+42%) e nel Lot-et-Garonne (+38%).

Ritorno al livello invernale

Nella settimana dal 19 al 25 giugno, il tasso medio nazionale di infezione è stato di 837 casi positivi ogni 100.000 residenti. In Nuova Aquitania, la media era inferiore a 738.

Ma la situazione epidemiologica varia nelle diverse province del sud-ovest. In Gironda, ad esempio, l’incidenza è superiore a queste due medie di riferimento, con 867 casi ogni 100.000 abitanti. Landes (781) e Pyrénées-Atlantiques (750) superano il livello regionale.

Anche se la tendenza è al rialzo, e rapidamente, nelle altre divisioni, i tassi di infezione sono più modesti: 685 nella Dordogna, 675 nella Charente-Maritime, 542 nella Charente e solo 481 nel Lot-et-Garonne.

Nella regione il tasso di infezione è salito a 4000 a fine gennaio, ma era già vicino ai 1000 lo scorso dicembre, all’inizio dell’onda Omicron, nonostante tutte le misure anti-Covid che sono state pubblicate.

Bassa pressione sanguigna in ospedale

ricovero covid

Covidtracker.co.uk

Il numero dei pazienti ricoverati in ospedale per Covid è aumentato negli ultimi giorni del +5% a livello nazionale. In aumento anche i ricoveri nella regione con 1.015 persone attualmente ricoverate in ospedale, con 338 pazienti nella Gironda, 174 nei Pirenei atlantici, 104 nella Dordogna, 93 nella Charente-Maritimes, 61 nelle Landes e 25 nella Charente, e 20 in Lot et Garonne.

READ  Come una manciata di geni preistorici ha lanciato la rivoluzione tecnologica dell'umanità

Il tasso di occupazione delle unità di terapia intensiva è ancora relativamente basso: 5% in Dordogna ma già 27% a Lot-et-Garonne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *