Gli astronomi hanno scoperto una stella rara a forma di lacrima

Foto: pixabay.com

Gli scienziati hanno scoperto un sistema stellare unico che si sta dirigendo verso la fusione

Gli scienziati hanno identificato un sistema stellare che si sta inevitabilmente muovendo verso la formazione di supernova in uno scenario raro.

Un team internazionale di astronomi ha scoperto una rara stella a forma di lacrima che credono faccia parte di un sistema stellare binario che si sta fondendo per formare una supernova. Lo studio degli scienziati è stato pubblicato sulla rivista Nature Astronomy. scienza quotidiana.

Gli esperti ritengono che la seconda parte della stella, rappresentata da una nana bianca, non sia visibile.

Il sistema stellare HD265435 si trova a circa 1.500 anni luce dalla Terra ed è costituito da una stella semi-nana calda e una nana bianca che orbitano l’una intorno all’altra in circa 100 minuti.

Le nane bianche sono stelle morenti che hanno consumato tutto il loro carburante e si sono ridotte, diventando molto piccole ma estremamente dense. Nella fase finale successiva, quando il nucleo della nana bianca viene riacceso a seguito di un’esplosione termonucleare, si verifica una supernova di tipo Ia.

Questo accade quando una nana bianca guadagna una massa 1,4 volte quella del Sole (limite di Chandrasekhar). Ciò è possibile in due casi: quando una nana bianca accumula materiale dall’ambiente o quando si fonde con un’altra stella.

Il secondo scenario è estremamente raro, ma i ricercatori ritengono opportuno spiegare il fenomeno dell’HD265435.

Foto: twitter.com/PeterJDunn

Rappresentazione artistica del sistema stellare HD265435. In primo piano c’è una stella semi-nana a forma di lacrima che cade su una nana bianca

READ  "Sono mondi strani che possono essere ricchi di materia organica": perché inviare e fare una sonda alle lune di Urano prima del 2034?

Utilizzando i dati del TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite) della NASA, gli astronomi hanno dimostrato che la luminosità della subnana calda cambia nel tempo, indicando una distorsione della sua forma dovuta alla sua vicinanza a un oggetto massiccio.

Comprendere la formazione delle supernove è fondamentale per gli astronomi, perché usano tali stelle, che di solito hanno un bagliore molto costante, come “candele standard” con cui gli scienziati stimano il tasso di espansione dell’universo.

notizie da Corrispondente.net in un telegramma. Iscriviti al nostro canale https://t.me/korrespondentnet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *