Gli astronomi hanno scoperto un buco nero in eruzione che si estende 16 volte la luna piena nel cielo

Centaurus A è una galassia ellittica gigante attiva distante 12 milioni di anni luce. Al suo centro c’è un buco nero con una massa di 55 milioni di soli. Osservando la galassia a lunghezze d’onda radio, questa immagine mostra un grande lobo di plasma che si estende ben oltre la galassia visibile, occupando solo un piccolo punto al centro dell’immagine. I punti sullo sfondo non sono stelle, ma radiogalassie come Centaurus A, a distanze molto maggiori. Credito: Ben McKinley, ICRAR/Curtin e Conor Mathern, Louisiana State University.

Gli astronomi hanno prodotto il quadro più completo delle emissioni radio del vicino buco nero supermassiccio che alimenta la Terra.


Questa emissione proveniva dal buco nero centrale della galassia Centaurus A, a circa 12 milioni di anni luce di distanza.

Quando un buco nero si nutre di gas in caduta, espelle materiale quasi alla velocità della luce, causando la crescita di “bolle radio” per centinaia di milioni di anni.

Vista dalla Terra, l’eruzione vulcanica del Centaurus A si estende ora di otto gradi nel cielo, la lunghezza di 16 lune piene affiancate.

È stato catturato dal telescopio Murchison Widefield Array (MWA) nell’entroterra dell’Australia occidentale.

La ricerca è stata pubblicata oggi sulla rivista Astronomia naturale.

L’autore principale Dott. Le immagini rivelano nuovi dettagli sorprendenti sulle emissioni radio delle galassie, ha affermato Benjamin McKinley, dell’International Center for Radio Astronomy Research (ICRAR) della Curtin University.

“questo è Onde radio Proviene da sostanze che vengono assorbite buco nero gigante al centro della galassia.”

“Questo forma un disco attorno al buco nero e quando il materiale vicino al buco nero si separa, si formano potenti getti su entrambi i lati del disco, che vomitano la maggior parte del materiale nello spazio, a una distanza forse di più di un milione di anni luce.

READ  "Un vero incontro con l'universo"...apre in Cina il più grande museo di astronomia del mondo
Video che mostra la galassia radioattiva, Centaurus A, che ospita un vicino buco nero che alimenta attivamente la Terra. Il video mostra la dimensione apparente della galassia alle lunghezze d’onda della luce e dei raggi X e a lunghezze d’onda inferiori a un millimetro dalla Terra rispetto alla Luna. Viene quindi ingrandito per mostrare l’estensione della bolla circostante osservata alle lunghezze d’onda radio. Gli astronomi hanno prodotto il quadro più completo delle emissioni radio del vicino buco nero supermassiccio che alimenta la Terra. Scopri di più su: www.icarra.org/centaurus. Crediti: ESO/WFI (ottica) – MPIfR/ESO/APEX/A. Weiss et al. (meno di un millimetro) – NASA/CXC/CfA/R.Kraft et al. (Raggi X) – Ben McKinley, ICRAR/Curtin e Conor Mathern, Louisiana State University (Radio).

“Le precedenti osservazioni radio non potevano far fronte all’estrema luminosità dell’aereo e ai dettagli distorti della regione più ampia intorno alla galassia, ma la nostra nuova immagine supera questa limitazione”.

Centaurus A è la galassia radiante più vicina alla nostra Via Lattea.

ha detto il dottor. McKinley.

“Non solo nelle lunghezze d’onda radio, ma in tutte le altre lunghezze d’onda della luce.

“In questo studio, siamo stati in grado di combinare osservazioni radio con dati ottici e a raggi X, per aiutarci a comprendere meglio la fisica di questi buchi neri supermassicci”.

L’astrofisico dott. Massimo Gaspari, dell’Istituto nazionale di astrofisica italiano, ha affermato che la ricerca supporta una nuova teoria nota come “accrescimento freddo caotico” (CCA), che è emersa in vari campi.

Centaurus A è una galassia ellittica gigante attiva distante 12 milioni di anni luce. Al suo centro c’è un buco nero con una massa di 55 milioni di soli. Questa immagine composita mostra la galassia e lo spazio intergalattico circostante a diverse lunghezze d’onda. I radioplasmi sono mostrati in blu e sembrano interagire con i gas caldi dei raggi X (arancione) e l’idrogeno neutro freddo (viola). Le nuvole di Halpha (in rosso) appaiono anche sopra la porzione ottica principale della galassia che si trova tra i due punti più luminosi della radio. Lo “sfondo” appare in lunghezze d’onda ottiche, le stelle della nostra Via Lattea sono già in primo piano. Credito: Connor Matherne, Louisiana State University (ottica/halva), Kraft et al. (raggi X), Struve et al. (Ciao), Ben McKinley, ICRAR/Kurten. (Radio).

“In questo modello, la nube di gas freddo si condensa nell’alone galattico e cade sulla regione centrale, alimentando il buco nero supermassiccio”, ha detto.

READ  L'ingrediente costoso è uno spuntino quotidiano per questi uccelli della foresta

“A causa di questa pioggia, il buco nero sta interagendo potentemente rilasciando energia attraverso il raggio radio che amplifica lo straordinario lobo che vediamo nell’immagine MWA. Questo studio è uno dei primi a esaminare dettagli come il multistadio ” meteo’ del CCA in un gruppo pieno di metriche.” Gaspari.

Il dottor McKinley ha detto che la galassia sembra essere più luminosa al centro, dove è più attiva e c’è molta energia.

“Allora sarà più debole con te fuori perché l’energia è sprecata e tutto va bene”, ha detto.

“Ma c’è una caratteristica interessante in cui le particelle cariche accelerano e interagiscono con forti campi magnetici”.

Il direttore dell’MWA, il professor Stephen Tingay, ha affermato che la ricerca è stata resa possibile grazie al campo visivo estremamente ampio del telescopio, alla posizione radio tranquilla e all’eccellente sensibilità.

Gli astronomi hanno scoperto un buco nero in eruzione che si estende 16 volte la luna piena nel cielo

Il riquadro 107, o “fuori” come è noto, è uno dei 256 MWA situati a 1,5 chilometri dal nucleo del telescopio. MWA è il pioniere di SKA. Credito: Pete Wheeler, ICRAR

“MWA è il predecessore dello Square Kilometer Array (SKA), un’iniziativa globale per costruire il più grande radiotelescopio del mondo nell’Australia occidentale e in Sudafrica”, ha affermato.

“L’ampio campo visivo e, di conseguenza, la grande quantità di dati che siamo stati in grado di raccogliere, significa che il potenziale di rilevamento di qualsiasi monitoraggio MWA è molto elevato. Fornisce un fantastico passo avanti verso uno SKA più grande”.


Astronomo quadruplo che spia la cavità di un gigantesco buco nero


Maggiori informazioni:

McKinley et al., Feedback multiscala e alimentazione nella vicina galassia radioattiva Centaurus A, astronomia naturale (2021) DOI: 10.1038 / s41550-021-01553-3

READ  Il cambiamento climatico sta facendo perdere alle libellule la loro "brillantezza"

Presentato dal Centro internazionale per la ricerca sulla radioastronomia

citazioni: Gli astronomi hanno catturato un buco nero eruttivo che si estende 16 volte da una luna piena nel cielo (2021, 22 dicembre) Consultato il 22 dicembre 2021 da https://phys.org/news/2021-12-astronomers-capture-black- buco – eruzione. linguaggio di programmazione

Questo documento è soggetto a copyright. Anche se vi è un giusto accordo ai fini di studio o ricerca personale, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *