Ghiaccio marino antartico colpito da uno scioglimento senza precedenti

Finora l’Antartide è sembrata più resistente ai cambiamenti climatici rispetto all’Artico. Ma, secondo le osservazioni di un gruppo di ricercatori, la massa di ghiaccio che fa parte dell’Oceano Antartico, a febbraio – che coincide con la fine dell’estate nell’emisfero australe – ha raggiunto il livello più basso. anni e iniziare a raccogliere informazioni regolarmente.

Si presume che il ciclo naturale del ghiaccio marino – ghiaccio che galleggia sull’oceano – si sciolga in estate e si riformi in inverno, con i satelliti che registrano meticolosamente dal 1978 le aree che copre ogni stagione, anno dopo anno. A lungo termine, lo scioglimento è rapido in Groenlandia e nell’Artico, ma al contrario, dall’altra parte del globo, in Antartide, la tendenza è stata moderatamente al rialzo, nonostante le differenze annuali e regionali.

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Una nuova strategia francese per l’Artico e l’Antartide

Il 25 febbraio di quest’anno, il ghiaccio marino antartico è stato misurato su un’area di 1,9 milioni di chilometri quadrati, un numero che è diminuito per la prima volta dall’inizio delle registrazioni nel 1978, secondo uno studio di un gruppo di ricercatori. Principalmente dalla Sun Yat-sen University, a Canton, in Cina, martedì 19 aprile ha pubblicato un articolo sulla rivista Progressi nelle scienze dell’atmosfera.

Ondata di caldo senza precedenti

Cinque anni dopo il record precedente è sceso a poco più di due milioni di chilometri2Nel 2017 l’area coperta dal ghiaccio marino è scesa per la prima volta a meno di 2 milioni di km2 ; Questo è il 30% al di sotto della media calcolata in tre decenni, tra il 1981 e il 2010.

READ  Primeur: il sismologo robotico di InSight rivela i profondi segreti di Marte

Questo studio conferma le osservazioni del National Snow and Ice Data Center degli Stati Uniti che aveva annunciato poche settimane fa, poco prima del suo arrivoUn’ondata di caldo senza precedenti nell’Antartide orientale a marzo.

Secondo gli autori dello studio, la scomparsa della banchisa è stata completata entro il 25 febbraio nel Mare di Amundsen occidentale e nel Mare di Ross orientale. In generale, ha iniziato a diminuire all’inizio dell’anno, dall’inizio di settembre, e rispetto al 2017 ha registrato un recupero tardivo, a fine febbraio.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Il riscaldamento globale sta destabilizzando i poli più che mai

“Circolo vizioso”

La ghisa è correlata a “Termodinamica”, ovvero l’effetto delle temperature, ma anche del movimento del ghiaccio verso nord, a latitudini più basse, e verso uno strato più sottile di ghiaccio sulla costa del Mare di Amundsen. Il “anomalia” L’estate si osserva principalmente nella parte occidentale dell’Antartide, che è più vulnerabile ai cambiamenti climatici rispetto alla vasta area dell’Antartide orientale.

Lo scioglimento non ha effetto a livello del mare, perché il ghiaccio marino è formato dal congelamento dell’acqua salata. Ma anche la minore copertura è motivo di preoccupazione.

Quando la superficie bianca del ghiaccio marino, che riflette l’energia del sole, viene sostituita dalla superficie scura del mare, “C’è meno riflessione del calore e maggiore assorbimento”Uno dei coautori dello studio, Qinghua Yang, professore alla Sun Yat-sen University, spiega. “Che a sua volta scioglie più ghiaccio e produce più assorbimento di calore, in un circolo vizioso”egli descrive.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Scioglimento dei ghiacciai: l’Antartide raggiungerà il punto di non ritorno?
READ  Scegli la carta che ti piace e scopri chi sei...

Il mondo con AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.