E se potessi osservare gli esopianeti con la stessa chiarezza di Giove?

Un team di astronomi descrive un concetto per un telescopio che utilizza l’effetto di lente gravitazionale del Sole per visualizzare gli esopianeti il ​​più chiaramente possibile. Un piccolo problema: potrebbe essere necessario attendere diversi decenni prima di poterne approfittare.

Dalla scoperta del primo esopianeta nel 1992, gli astronomi hanno scoperto Più di 5000 pianeti ruotano attorno ad altre stelle. La stragrande maggioranza di questi mondi è stata osservata con mezzi indiretti, mentre i pochi esopianeti fotografati finora sono mostrati solo come deboli punti luce lontano. Tuttavia, sarà necessaria una caratterizzazione più accurata di questi esopianeti per determinare se la vita come la conosciamo esiste lì.

Saremo mai in grado di osservare un esopianeta con la stessa chiarezza di uno nel nostro sistema solare? Sfortunatamente, la tecnologia attuale non ci consente di farlo al momento. Per sopportare tali immagini è davvero necessario costruire un telescopio Visualizza almeno venti volte dalla Terra. Per aggirare questi limiti fisici, gli astrofisici della Stanford University hanno fatto Ho lavorato su una nuova tecnologia Immagini concettuali basate sulla gravità.

Il sole come ‘lente d’ingrandimento’ per la gravità

Nel dettaglio, si tratterà di affidarsi al metodo delle lenti gravitazionali. Quindi immagina una stella molto lontana allineata con un oggetto massiccio (la lente) e la Terra. Secondo le leggi della relatività spiegate da Einstein, appariranno quindi i raggi di luce di questa stella piegare e sterzare corpo intermedio a causa del suo campo gravitazionale. Da terra, noterai archi di luce e altri effetti visivi come distorsione o Ingrandisci l’immagine di sfondo. È una lente attraente.

READ  Un animale unico è stato ucciso in Transcarpazia

Concretamente, il principio di questo nuovo design sarà quello di fare affidamento sul sole come oggetto intermedio. Sfruttando l’effetto di torsione offerto dalla presenza della nostra massiccia stella, gli scienziati possono manipolare questo fenomeno per creare immagini più avanzate di esopianeti. Questo approccio sarebbe effettivamente Almeno mille volte più preciso Una delle tecnologie più potenti attualmente in uso.

Diagramma che mostra una tecnica di imaging concettuale che utilizza il campo gravitazionale del Sole per amplificare la luce degli esopianeti. Crediti: Alexander Madurovic

Vogliamo scattare foto di esopianeti in orbita attorno ad altre stelle che siano buone quanto le immagini che possiamo fare dei pianeti nel nostro sistema solare.Spiega Bruce Macintosh, il protagonista di questo progetto. ” Con questa tecnologia, speriamo di scattare una foto di un pianeta a cento anni luce di distanza con lo stesso effetto dell’immagine della Terra dall’Apollo 8.

Pianeta Terra al di fuori del sistema solare
Vedere la Terra dalla Luna (Apollo 8). Crediti: NASA/Bill Anders

Le immagini sono fuori portata… per ora

Sfortunatamente, questo tipo di immagine non è attualmente disponibile per noi. Infatti, per catturare un’immagine di un esopianeta attraverso una lente gravitazionale solare, il telescopio deve essere posizionato ad una distanza pari a almeno quattordici volte che separa il sole e Plutone. Secondo i ricercatori, ci vorrà almeno cinquant’anni Prima che questa tecnologia venisse implementata, forse più a lungo. Avremo anche bisogno di una navicella spaziale più veloce. Con i mezzi attuali, potrebbe essere necessario del tempo per accedere effettivamente a un sito del genere più di un secolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.