È l’inizio della fine per le leggendarie sonde Voyager

Questi leggendari tentacoli, che hanno raddoppiato i record e cambiato per sempre la visione dello spazio del grande pubblico, si stanno avvicinando alla fine del loro respiro e saranno posti in coma artificiale. Fine di un’era!

Nell’intera storia dello spazio, ci sono pochissimi veicoli famosi come le sonde Voyager della NASA. Queste due macchine hanno letteralmente spinto i confini dell’esplorazione spaziale avventurandosi più lontano dalla Terra di qualsiasi altra macchina umana, ma il loro viaggio leggendario sta volgendo al termine.

Infatti, secondo Scientifico americano, la NASA ha annunciato che inizierà a far partire Voyager 1 e Voyager 2. Quindi il loro budget energetico sta chiaramente scendendo.

I viaggiatori arrivano impazienti

Secondo la NASA, le due sonde stanno perdendo da tempo circa 4 watt all’anno. E la situazione comincia a diventare critica. Quindi la NASA è costretta a fare concessioni riducendo al minimo le forniture di energia. Ciò significa che alcuni strumenti verranno chiusi una volta per tutte; Si spera che questo dia spazio agli strumenti più importanti per prolungare la loro vita al massimo.

Con molta fortuna, questa coppia potrà quindi approfittare di un ritardo nell’attuazione fino al 2030. Ma sembra altamente improbabile. Il risultato più probabile è che questi due velivoli esalano l’ultimo respiro entro la fine del decennio, segnando la fine di una delle avventure più straordinarie nella storia dell’esplorazione spaziale.

Un’epopea senza precedenti nella storia dello spazio

Se i Voyager hanno definito così tanto la loro epoca, è semplicemente perché avevano superato tutte le aspettative di ingegneri e astronomi. In effetti, queste due macchine lanciate nel 1977 avrebbero dovuto durare… Quattro brevi anni! “Abbiamo già superato la garanzia su queste maledette macchine dieci volte”, afferma il fisico Ralph McNutt.

READ  Gli Stati Uniti hanno inventato un razzo che porta le persone su Marte dieci volte più velocemente: scienza e tecnologia dell'informazione

Questa vita eccezionalmente lunga ha permesso loro di registrare la storia in diverse occasioni. Questa coppia iconica, in particolare Voyager 1, può già essere orgogliosa di un curriculum scintillante. In particolare, dobbiamo loro un gran numero di scoperte di prim’ordine su Saturno e Giove, i due giganti gassosi del nostro sistema solare.

© Nasa

Ma se i Voyager sono così popolari, è soprattutto perché portano particolarmente bene il loro nome. Voyager 1, in particolare, si è guadagnato la reputazione di prolifico esploratore andando ben oltre Giove. Nel 1998 ha strappato il record di distanza da terra; Nessun oggetto artificiale ha mai viaggiato così lontano dalla sua culla, nemmeno un Pioneer 10. Il minimo che possiamo dire è che questo record non è pronto per cadere.

Nel 2012 la macchina è passata alle generazioni future diventando la prima macchina ad attraversare l’eliosfera, cioè il confine che definisce la regione di influenza gravitazionale del sole. Così Voyager 1 è diventato il primo veicolo spaziale ad avventurarsi nello spazio interstellare. In breve, una lunga lista di conquiste ingegneristiche; Ma non erano solo scienziati e tecnici ad avere questo compito molto importante.

Grande influenza sull’immaginario collettivo

Nel 1990, Voyager-1 è stato caratterizzato da una serie di immagini straordinarie. poi

Questo “punto blu pallido”, nelle parole di Carl Sagan, non è altro che la Terra che la Voyager vede dalla frontiera del sistema solare. © NASA/JPL-Caltech

La sonda si trova ai margini del sistema solare, a più di un miliardo di chilometri oltre l’orbita di Plutone, e si è girata per catturare immagini che da allora sono state tramandate alle generazioni future.

Così ha prodotto le prime “foto di famiglia” del sistema solare, dove si possono vedere tutti i pianeti dall’esterno. E queste istantanee leggendarie, in cui tutta l’umanità è raccolta in pochi pixel, hanno avuto un enorme impatto sull’immaginario collettivo.

READ  Un astronomo spiega l'anomalia magnetica registrata nel sud del Brasile

Questi film hanno ispirato particolarmente Carl Sagan, uno dei giganti dell’astronomia moderna, che ha diviso una linea piena di poesia ed è conosciuto oggi. Gli devono la famosa espressione “punto blu pallido” (“punto blu pallido”), riferendosi all’aspetto apparentemente minuscolo e perduto della Terra nel mezzo del vuoto astrale.

Attraverso queste immagini e questa formula, Voyager 1 ha permesso a milioni di persone di rendersi conto dell’enormità dell’universo e, a sua volta, di mettere in prospettiva la nostra civiltà, che è tanto straordinaria quanto fragile e insignificante sulla scala dell’universo. Ciò che ha subito cementato il suo posto nel complesso delle missioni spaziali.

Il viaggio partirà a testa alta

Ma sarebbe quasi offensivo limitare la miriade di contributi della Voyager a queste imprese. Con il senno di poi, questa è senza dubbio una delle missioni più importanti che la NASA abbia mai intrapreso, sia in termini puramente scientifici che per il bene dell’immaginario collettivo. Gli strumenti iconici sono molto rari e ogni generazione può essere facilmente contata con le dita di una mano. Quindi sarebbe giusto onorare queste leggendarie indagini come dovrebbero essere prima della fine della loro avvincente saga.

La fine potrebbe essere vicina, ma almeno i viaggiatori possono partire tranquilli. Con un’intera nuova generazione di gadget all’avanguardia, come il famoso JWST che presto rivelerà le sue prime immagini, l’astronomia è in buone mani… ma nessuno dimenticherà mai i primi caccia interstellari che hanno aperto la strada per tutto questo progresso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.