Due greci mandarono a casa una statua di Kouros e altre reliquie

Kouros antico raro, lekythos bianco, vaso a becco, santuario minoico e statua femminile sono solo alcuni dei nostri grandi antichi che torneranno nel paese nel prossimo futuro. È stato trovato e confiscato da un miliardario americano dell’ufficio del procuratore generale di New York, e sarà presto restituito. All’operazione hanno partecipato il vice procuratore generale di origine greca Matthew Bogdanos e il ricercatore e archeologo greco Christos Tsirogiannis.

Il proprietario delle grandi opere d’arte antiche era il famoso collezionista ottantenne Michael Steinhardt, che sembra fare “shopping” nella nostra zona. Le 180 antichità, per un valore totale di 70 milioni di dollari, provengono tutte da Grecia, Italia, Israele, Libano, Turchia e altri paesi della regione. Nonostante i suoi migliori sforzi, non è riuscito a liberarsi delle accuse contro di lui. Pertanto, ha concordato con il procuratore generale di New York Cyrus Vance di consegnare le antichità rubate, non per l’accusa al momento, ma anche per l’impossibilità di recuperare le antichità per la vita, anche dall’acquisto legale di opere d’arte.

Nella sua dichiarazione, Vance ha denunciato “l’insaziabile appetito decennale di Michael Steinhardt per le cose rubate, senza preoccuparsi della legalità delle sue azioni, dell’autenticità delle cose che ha comprato e venduto, o della gravità del danno culturale”. Il mondo intero”. “
Negli ultimi anni, l’ufficio e l’appartamento di Seinhardt sulla Fifth Avenue a Manhattan sono stati perquisiti dal procuratore generale Vance, che ha fatto della restituzione delle opere rubate una priorità.
Secondo Vance, le 180 opere d’arte saranno restituite ai legittimi proprietari in 11 paesi il prima possibile. Al contrario, come di consueto, non saranno conservati come prova per un eventuale processo, ma verranno restituiti ai paesi di origine.

READ  Tunisia-Kamel Ghribi: Occorre ridurre i livelli di burocrazia che ostacolano gli investimenti

I pubblici ministeri hanno concluso che 171 dei 180 reperti sequestrati erano inizialmente in possesso di contrabbandieri di antichità, tra cui due condannati in Italia: Giacomo Medici e Giovanni Picena. L’indagine ha rivelato che 101 di questi pezzi, tutti ricoperti di terra e detriti, erano visibili e identificabili nelle foto trovate in possesso di noti trafficanti. È stato acquistato nel corso di decenni invece di $ 26,4 milioni e ora costa circa $ 70.

Come parte della sua indagine, ha affermato l’ufficio di Vance, i pubblici ministeri hanno eseguito 17 mandati di perquisizione e hanno collaborato con funzionari in 11 paesi: Bulgaria, Egitto, Grecia, Iraq, Israele, Italia, Giordania, Libano, Libia, Siria e Turchia. Gli oggetti confiscati, che un tempo adornavano le case e gli uffici del signor Steinhardt, sono stati prestati a grandi musei, il che è certamente un grande scandalo. Steinhardt, infatti, ha dato il suo nome a una stanza del Metropolitan Museum.

L’opera più costosa di tutte, l’antico Kouros, del valore di 14 milioni di dollari, sarà restituita alla Grecia. Inoltre, un’anfora a becco di $ 600.000, una Lekythos bianca di $ 400.000, una fibbia o una forchetta d’oro $ 1,3 milioni, un busto in bronzo di $ 400.000, un bicchiere di vino $ 850.000, un busto di $ 1.300.000 e un mausoleo minoico di $ 1 milione.

La statua è stata valutata a $ 100.000, il dipinto a $ 35.000, il vino geometrico a $ 30.000, la candela a $ 75, il recipiente per bere delle Cicladi a $ 25 e il piatto delle Cicladi a $ 30.

Christos Serogianis, professore associato presso l’Institute for Advanced Study dell’Università di Aarhus in Danimarca, specializzato nella ricerca attraverso le immagini catturate dagli archeologi, è uno dei ricercatori che lo hanno aiutato a identificare. I monumenti che ha identificato, compreso l’antico Kouros, hanno un valore commerciale totale di oltre 20 milioni di dollari. È la millesima volta che il ricercatore greco è invitato dalle autorità di paesi esteri e dall’Interpol a partecipare a indagini e identificazioni simili, sempre con successo. Tuttavia, la Grecia non sembra pronta ad “approfittarne” senza che nessuno consideri ciò che abbiamo da perdere da questa mancanza di cooperazione.

READ  I punti di forza e di debolezza delle quattro banche

Il colonnello Matthew Bogdanos è cresciuto a Manhattan quando era figlio di immigrati greci e aveva sempre avuto un interesse per il mondo classico. Ha fatto studi classici alla Bucknell University in Pennsylvania e poi è andato alla Columbia, New York, dove ha studiato legge e ha conseguito un master in studi classici. In seguito ha conseguito un altro master in studi strategici presso un college militare in Pennsylvania. Ha eccelso negli anni ’90 come procuratore generale di New York. Il momento più importante della sua carriera è arrivato dopo il grande successo dell’11 settembre 2001.

Presto partì per l’Afghanistan, dove prese parte all’inseguimento dei talebani, più volte contraddistinto da operazioni antiterroristiche. Era metodico, veloce, efficiente e, naturalmente, coraggioso. Come pugile dilettante, aveva anche forma fisica e forza. Dopo aver girato l’Afghanistan, si è stabilito in Iraq, dove ha cercato di indagare sul finanziamento del terrorismo e sul contrabbando di armi. Era appena arrivato a Bassora nell’aprile 2003 quando un giornalista arrabbiato gli ha chiesto del saccheggio del Museo Nazionale di Baghdad. Immediatamente, si è sentito in dovere di agire.

Il saccheggio e la distruzione di manufatti sono avvenuti pochi giorni dopo l’ingresso delle truppe a Baghdad. Alcuni membri del personale del museo hanno fatto tutto il possibile per preservare i monumenti, ma non è stato possibile proteggere gli edifici. I criminali includevano ladri professionisti, funzionari locali e statali e alcuni dipendenti del museo che sapevano dove trovare gli oggetti più preziosi. Con le sue stesse azioni, la compilazione di database, la collaborazione con le università, ecc. Ha reso difficile contrabbandare beni rubati e recuperarli molto. Sfortunatamente, non tutti.

READ  "Come ricostruire l'economia francese con il denaro privato" - rubrica di Christian Saint-Etienne - Economia

Matthew Bogdanos è tornato nell’ufficio del procuratore generale di New York alcuni anni fa, come assistente di Cyrus Vance. Era particolarmente interessato al caso Steinhardt. Capo dell’Unità commerciale antiquariato e Chief Legal Counsel, ha gestito le indagini dell’analista Apsara Ayer e dell’agente speciale John Paul Lampatt. Finora, la prima unità di traffico di antichità di DA ha recuperato diverse migliaia di manufatti rubati per un valore di oltre $ 200 milioni.

Più di 1.500 di questi oggetti di valore sono stati restituiti ai legittimi proprietari e restituiti ai loro paesi di origine, tra cui un totale di 717 articoli in 14 paesi ad agosto 2020. Altre centinaia sono disposte a tornare a casa non appena i loro paesi possono riceverli . nel bel mezzo dell’epidemia. Ma più di mille dovrebbero essere detenuti in attesa di procedimenti penali contro i trafficanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.