“Diventerà più forte”. »Brinkwire

Si prevede che l’Unione europea rafforzi la presa sui confini degli Stati membri aggiungendo una guardia speciale: “Diventerà più forte”.

Di fronte a varie crisi migratorie, l’UE sarà in grado di consolidare il suo potere sul blocco aumentando l’influenza di Frontex, la guardia di frontiera di Bruxelles, secondo questo sito web.

Bruxelles sta cercando di risolvere una disputa di confine tra la Polonia, uno stato membro, e la Bielorussia, che ha imposto sanzioni severe.

Questa estate, i migranti hanno iniziato a comparire al confine comune tra i due paesi.

Ciò è avvenuto dopo che l’Unione europea ha imposto sanzioni alla Bielorussia, citando le violazioni dei diritti umani da parte del governo di Alexander Lukashenko.

Lukashenko ha recentemente detto a un gruppo di migranti, alla sua prima apparizione al confine, che erano liberi di viaggiare verso ovest o tornare a casa.

Dopo le nuove sanzioni imposte da Stati Uniti, Regno Unito e altri Paesi occidentali, il Paese ha minacciato di nuovo di fare rappresaglie.

Nella situazione attuale, la risposta dell’UE alle azioni potenzialmente destabilizzanti di Lukashenko si limita alle sanzioni.

L’Agenzia europea della guardia costiera e di frontiera, Frontex, fa parte dell’Unione europea, ma gli Stati membri mantengono il controllo delle proprie frontiere in larga misura, se non completamente.

Secondo l’agenzia, Frontex riduce attualmente la vulnerabilità delle frontiere esterne dell’UE utilizzando la “consapevolezza situazionale universale”, garantisce frontiere dell’UE sicure, protette e ben funzionanti e pianifica e mantiene le capacità della guardia di frontiera europea e della guardia costiera.

Tuttavia, nelle crisi di confine, gli Stati membri mantengono le responsabilità primarie di controllo e sicurezza, che sono fondamentali per la struttura dell’Unione europea.

READ  미군·국제동맹군 줄줄이 철수 아프간…탈레반 "영토 85% 장악"

Quando il CEO di Frontex, Fabrice Leggeri, ha visitato il confine polacco con la Bielorussia all’inizio di ottobre, le autorità polacche gli hanno assicurato che non avevano bisogno dell’assistenza per il controllo delle frontiere di Frontex.

Tuttavia, la crisi umanitaria non è diminuita.

Mentre Frontex ha svolto un ruolo secondario nelle questioni relative alle frontiere negli ultimi due decenni, il professor Matthew Longo, professore di scienze politiche all’Università di Leiden nei Paesi Bassi, ritiene che alla luce dei problemi in Francia e Polonia, gli Stati membri potrebbero sull’orlo del potenziamento di Frontex.

Ciò darebbe all’UE una maggiore influenza all’interno del blocco, oltre a rafforzare la sua presa sulle regioni di confine della regione.

Secondo lui, più crisi dei migranti colpiscono l’Europa, più è probabile che gli Stati membri convoglino denaro nell’agenzia di frontiera dell’UE Frontex.

“Tutti questi paesi dell’Unione europea gestiscono gli afflussi all’interno dei propri confini”, ha detto il professor Longo a questo sito web.

“Facciamolo.”

“Riepilogo notizie Brinkwire.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *