Disaccordo in Germania sulla vaccinazione infantile


La vaccinazione di bambini e adolescenti è diventata una rarità tra politici e scienziati. Il ministro della Salute Jens Spahn sta cercando di disinnescare le tensioni.

Il governo tedesco teme la possibilità che il nuovo anno scolastico coincida con la quarta ondata di pandemia prevista in autunno a causa del boom delta. A spiegarlo, secondo gli osservatori, lo studio dei ministri della salute locali responsabili per la salute delle decisioni di annunciare l’estensione della campagna vaccinale per la fascia d’età dai 12 ai 17 anni. L’annuncio è stato fatto senza l’approvazione dell’Indipendent Standing Committee on Immunization STIKO, secondo il quale gli attuali dati scientifici non sono sufficienti per formulare una simile raccomandazione. Tuttavia, questo non è il caso dei bambini con gravi condizioni di base, come il diabete e l’obesità infantile.

scenario di fantascienza

L'”indipendenza” delle politiche dell’organismo scientifico oggettivo per la vaccinazione ha scatenato un’ondata di proteste. Parlando sul sito web di RND, il presidente dell’Associazione dei medici di famiglia, Ulrich Wegeld, ha affermato di non aver capito. “Mi è incomprensibile perché il Comitato permanente per le vaccinazioni non abbia il tempo di formulare una raccomandazione sulla base di studi ben fondati. Sembra tutto un dibattito sulla compravendita di voti”. Welding ha accusato i 16 ministri della salute di disprezzo per la giurisdizione di Steko e che potrebbero indurre la popolazione a rimanere incerta sulla loro decisione. Ha osservato che “il rischio di una pandemia è attualmente più elevato negli adulti che rifiutano di essere vaccinati rispetto ai bambini e agli adolescenti tra i 12 ei 17 anni”.

Ha persino lanciato oggi in Wirtschaftswoche uno scenario di fantascienza, sia dal punto di vista che anche dopo l’istituzione della commissione vaccinazione tutti i bambini e gli adolescenti saranno vaccinati, sia dalla convinzione che il tasso di vaccinazione raggiungerà il 90%, che è non necessario . “Ciò di cui soffrono i bambini non è tanto il Long Covid quanto il Long Lockdown, quindi dovrebbe iniziare la discussione sulla vaccinazione obbligatoria per i docenti”. Ma anche Frank Ulrich Montgomery, presidente della World Medical Association, ha parlato con RTL/NTV delle elezioni. “Questo mette una commissione indipendente nella difficile posizione di lavorare in modo impeccabile”, ha detto.

READ  Stellantis: trattative per aprire una fabbrica di batterie in Italia

“Vaccinazioni facoltative”

Tentativi di svuotare il dibattito pubblico da parte del ministro della Salute Jens Spahn. A difesa della decisione su 16 fronti, RBB ha ricordato che la vaccinazione è ancora facoltativa e che non c’è contraddizione con STIKO “Al contrario, la decisione è completamente in linea con la Commissione”. Chi vuole essere vaccinato, non c’è nessuna costrizione”, ha osservato Spahn. Molti di questa fascia di età sono già stati vaccinati. “Più di 900.000 bambini e adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni, circa il 20% della fascia di età, sono stati vaccinati almeno una volta per motivi propri”.. Non vogliamo fare pressioni, è un argomento carico di emozioni che viene discusso in molte famiglie. Riguarda coloro che vogliono vaccinarsi, per poterlo fare”.

Thomas Mertens, presidente di STIKO, ha detto a Spiegel che spera che il suo comitato presenti una nuova bozza di raccomandazione nei prossimi giorni, ma ha detto che non può promettere contenuti diversi da quelli conosciuti finora. Ha reagito liberamente alla decisione dei ministri della salute. “È una decisione politica, e la politica è libera di introdurre una cosa del genere nell’ambito della prevenzione della salute pubblica. Nello stesso tempo ha parlato di un dibattito in corso altrove”, come se vaccinare i bambini fosse l’unico modo per aumentare in generale , però, il risentimento della gestione della crisi da parte del governo tedesco Negli ultimi mesi è cresciuto notevolmente. Secondo la Hans Becker Foundation, che è vicina ai sindacati, il 60% di questi sono la grande alleanza nella lotta all’epidemia.

Irene Anastasopoulou


Fonte: onda tedesca

READ  Mitsotakis comunica con il Primo Ministro russo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.