Davos: estendere una coalizione per decarbonizzare l’economia

Il miliardario americano Bill Gates ha osservato che molti prodotti “verdi” oggi costano di più “e il modo per sbarazzarsene è espandere la produzione”. (Foto: 123RF)

DAVOS – L’inviato statunitense per il clima John Kerry ha annunciato mercoledì a Davos l’espansione di una coalizione di aziende e paesi impegnati a finanziare tecnologie per decarbonizzare l’economia, sotto gli auspici del World Economic Forum (WEF).

“Oggi, la First Movers Coalition è passata da inizialmente 35 società (…) a 55, con l’aggiunta di grandi gruppi”, ha osservato Kerry, citando in particolare la casa automobilistica Ford o il gruppo di trasporti FedEx.

Durante una conferenza stampa a Davos, dove il World Economic Forum sta organizzando il suo incontro annuale questa settimana, l’inviato statunitense ha anche elencato una serie di paesi che hanno aderito al gruppo, nominando Svezia, India, Giappone, Norvegia, Italia, Regno Unito, Singapore e Danimarca.

“La coalizione First Movers sta ora mobilitando un enorme potere d’acquisto per incoraggiare gli investimenti in nuove tecnologie”, ha affermato, riferendosi a un confronto di una strategia di approvvigionamento che ha consentito al governo degli Stati Uniti di sostenere lo sviluppo di vaccini contro COVID-19 o il volo spaziale privato .

Il miliardario americano Bill Gates ha osservato che molti prodotti “verdi” oggi costano di più “e il modo per sbarazzarsene è espandere la produzione”.

Ha citato come esempi i pannelli solari o le batterie agli ioni di litio, ma ha affermato che anche altre tecnologie potrebbero trarre vantaggio da un’adozione diffusa, inclusa l’energia basata sull’idrogeno.

«Una combinazione di politiche comprese tra crediti d’impresa, la domanda del settore privato, la cooperazione di piccole imprese qui ont de bonnes idées avec celles qui sont prêtes à les acheter… C’est la route», à-suiv.

READ  Prospettive occupazionali per il 2022: record di ottimismo tra i reclutatori svizzeri

Secondo il suo direttore finanziario, Ruth Porat, Google ha specificamente impegnato 200 milioni di dollari per il sequestro del carbonio, formando il nocciolo duro degli impegni aziendali per il prossimo decennio per un totale di oltre 900 milioni di dollari.

“Abbiamo visto che la chiarezza e la certezza sulla domanda stimola la crescita dei mercati”, ha commentato.

Il ministro delle finanze svedese Mikael Damberg ha dimostrato l’ambizione del suo paese di diventare “il primo paese di lusso privo di fossili sul pianeta”, citando in particolare un’acciaieria sperimentale che utilizza l’idrogeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.